A corto di spazio a causa di Omicron a Hong Kong

HONG KONG – Le persone muoiono di Covid-19 a Hong Kong a un ritmo che supera la maggior parte dei peggiori picchi di pandemia del mondo, con quasi 300 morti al giorno che superano la capacità della città di farvi fronte.

I funzionari hanno schierato frigoriferi improvvisati per conservare i corpi insaccati che si erano accumulati negli affollati corridoi degli ospedali pubblici. I crematori funzionano 24 ore su 24 e si cercano le bare. Le autorità hanno posizionato 50 contenitori di stoccaggio riadattati nel parcheggio vicino a una camera mortuaria pubblica traboccante per ospitare 2.300 corpi.

Poiché le vittime sono morte a causa di una malattia contagiosa, i parenti in lutto non possono chiedere che i loro morti siano vestiti e imbalsamati per i funerali, poiché sono tradizionalmente collocati in bare aperte in modo che le persone in lutto possano rendere omaggio.

“Le morti sono improvvise, il che rende difficile l’accettazione da parte delle loro famiglie”, ha affermato Alan Leung, un responsabile della logistica funeraria che ha visto le aziende subire pressioni a causa della mancanza di forniture e delle assenze del personale a causa del Covid. “E devi dire loro che non possono dare un’ultima occhiata, quindi c’è più ansia a riguardo.”

Il tasso di mortalità medio giornaliero per COVID della città nella settimana terminata martedì è stato di 37,64 per milione di residenti. È superiore ai picchi registrati in punti caldi come la Spagna e il Regno Unito all’inizio della pandemia e tre volte il picco negli Stati Uniti, raggiunto all’inizio del 2021, secondo il progetto Our World in Data dell’Università di Oxford.

Hong Kong ha registrato quasi 5.000 morti dal 31 dicembre, dopo aver registrato poco più di 200 nei primi due anni dell’epidemia.

READ  L'attacco mortale degli squali in Australia costringe le spiagge di Sydney a chiudere

“Francamente, non può essere contenuto”, ha detto Siddharth Sridhar, virologo clinico dell’Università di Hong Kong. “Era un picco molto acuto. È quasi simile a un ago. “

Questa settimana un centro di test Covid temporaneo a Hong Kong.


Foto:

Ken Cheung/Associated Press

I residenti grandi, anziani e non vaccinati della città lo sentono acutamente: l’87% delle persone morte nell’ondata attuale aveva all’incirca 70 anni o più Tre quarti non erano vaccinati.

La crisi ha costretto i funzionari di Hong Kong a spostare l’attenzione sulla protezione degli anziani e sulla riduzione dei decessi e delle malattie gravi, sospendendo la politica di isolamento di tutti i casi positivi e ritardando un piano di test a livello cittadino. Giovedì, l’amministratore delegato della città, Carrie Lam, ha suggerito che il governo potrebbe iniziare presto Annulla i viaggi e le restrizioni sociali.

Le autorità stanno costruendo una camera mortuaria temporanea per 800 corpi e spedire bare dalla Cina continentale. Hong Kong sta anche costruendo un ospedale da 1.000 posti letto al confine con la città continentale di Shenzhen.

Il dipartimento della salute della città ha affermato che il numero di corpi gestiti dagli obitori pubblici sta aumentando rapidamente e, nonostante la capacità di triplicare, è necessario un deposito temporaneo. Ha aggiunto che i funzionari lavoreranno con l’industria funeraria per semplificare il processo per i membri della famiglia che rivendicano i resti.

Le critiche all’impreparazione del governo per l’epidemia della malattia di Omicron hanno raggiunto il culmine da tutta la società, compresi molti politici pro-Pechino. Alcuni sostengono che il governo si sia concentrato troppo su rigide misure di quarantena a scapito degli sforzi per vaccinare una popolazione a rischio. La signora Lam ha ammesso che il tasso di vaccinazione a Hong Kong era molto basso con l’ingresso dell’onda Omicron.

Hong Kong ha dovuto affrontare un aumento record dei casi di Covid-19 e il più alto tasso di mortalità al mondo, spingendo le autorità a imporre rigide restrizioni. Diana Chan del Wall Street Journal parla di come è cambiata la vita quotidiana in città, dagli acquisti presi dal panico all’esodo dei residenti. Foto: Ken Cheung/Associated Press

Il padre di Cherry Au, un rivenditore di 69 anni, è morto il 2 marzo dopo essere risultato positivo al Covid-19. Ha detto che era arrabbiata per il fatto che le autorità non fossero riuscite a imparare le lezioni dell’ondata di Omicron in altre parti del mondo e non si fossero preparate per la variante altamente contagiosa e perché gli ospedali erano sovraccarichi.

Inizialmente alla donna è stato detto che il corpo di suo padre poteva essere cremato il 20 o 27 marzo, ma per lei non è stata ancora fissata una data.

“Mi sento impotente”, ha detto, esprimendo simpatia per i lavoratori del crematorio. “È davvero difficile per loro, lavorare 24 ore al giorno.”

Pechino ha preso espansione nelle ultime settimane, che riceve frequenti espressioni di gratitudine dai funzionari della città. Mercoledì, la signora Lam ha accolto centinaia di operatori sanitari appena arrivati ​​dalla terraferma. Unisciti a squadre di esperti sanitari sulla terraferma, nonché lavoratori edili inviati per aiutare a costruire nuovi centri di quarantena.

Gli esperti dicono che è troppo tardi per evitare il peggio, poiché l’onda ha già raggiunto il suo picco. I ricercatori dell’Università di Hong Kong hanno affermato questa settimana che circa 3,6 milioni di persone – quasi la metà della popolazione della città – sono già state infettate.

La velocità e la ferocia dell’epidemia servono da avvertimento alla Cina, che come Hong Kong ha un tasso di vaccinazione tra i suoi anziani che è in ritardo rispetto a quello della popolazione generale. autorità cinesi Combattere molti focolai di Omicron attraverso il paese.

Una struttura di isolamento Covid-19 a Hong Kong questa settimana.


Foto:

Bertha Wang/Bloomberg News

A Hong Kong, il numero di decessi segnalati ha superato il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva. Il luogo di alcune delle scene peggiori dell’epidemia è stato il Queen Elizabeth Hospital di Kowloon. Le immagini diffuse sui social media la scorsa settimana hanno mostrato pazienti anziani sdraiati su barelle accanto a sacchi per cadaveri contenenti vittime di Covid-19.

Un’infermiera dell’ospedale ha detto che scene del genere sono state comuni per settimane poiché i pazienti anziani sono morti nel pronto soccorso dell’ospedale, anche se la situazione è migliorata di recente.

“In ogni turno, anche quando torno a casa e mi sdraio nel mio letto, ricordo solo il suo profumo”, ha detto l’infermiera. “È orribile.”

Sarah Ho, direttrice dell’agenzia che sovrintende agli ospedali pubblici di Hong Kong, ha affermato la scorsa settimana che da allora i funzionari hanno allestito siti temporanei all’interno degli ospedali per conservare i corpi lontano dai pazienti.

Stephanie Lo, che aiuta a guidare un gruppo commerciale per l’industria dell’assistenza agli anziani, ha affermato che alcuni residenti di case di cura hanno riferito che i residenti malati stavano morendo prima di essere ricoverati in ospedale.

I funerali sono semplici e veloci. Con le cappelle annesse agli ospedali chiuse, le persone hanno circa 15 minuti per tenere una cerimonia di congedo negli spazi aperti all’ingresso dell’obitorio, ha affermato Leung, direttore della logistica funeraria.

Ng Yiu Tong, presidente permanente della Funeral Works Association, ha affermato che la chiusura di sette giorni di Shenzhen, causata dall’epidemia in quel centro di produzione della terraferma, sta mettendo sotto pressione le forniture, comprese le scatole.

“Dalla morte alla certificazione per ottenere un buco nel crematorio, ci sono zoccoli ad ogni angolo”, ha detto il signor Ng.

scrivere a Dan Strumpf a daniel.strumpf@wsj.com e Elaine Yu a elaine.yu@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply