Aggiornamenti in tempo reale sul coronavirus e notizie sulle varianti di omicron

Il Giappone ha annunciato giovedì che riaprirà parzialmente i suoi confini ai non turisti a partire da marzo, tra le crescenti pressioni della comunità imprenditoriale e degli educatori sugli effetti a lungo termine del prolungato blocco della pandemia nel paese.

I casi di omicron giapponesi sembrano raggiungere il picco e diminuire negli ultimi giorni. Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha annunciato che nel Paese inizierà una graduale riapertura di tutti gli stranieri ad eccezione dei turisti, con un massimo di 5.000 persone che entrano in Giappone ogni giorno. Nikkei Asia riferisce che ci sono circa 400.000 stranieri in lista d’attesa per entrare nel Paese a partire da gennaio.

Coloro che entrano nel paese devono essere testati prima e dopo. Coloro che risulteranno negativi dopo tre giorni potranno lasciare la quarantena e coloro che risulteranno positivi dovranno terminare il completo isolamento per sette giorni.

Kishida ha affermato che le persone che hanno ricevuto colpi di richiamo potranno entrare senza quarantena se provengono da un paese in cui si ritiene che la diffusione dell’oomicron sia sotto controllo. Non ha specificato quali paesi sarebbero stati in quell’elenco.

Questa è la prima volta che i confini del Giappone vengono riaperti da novembre, quando il Paese ha adottato misure simili. All’epoca, coloro che erano in attesa di entrare hanno dovuto affrontare ritardi e arretrati burocratici. Il New York Times ha riferito che durante il periodo di tre settimane in cui i confini sono stati parzialmente riaperti agli stranieri non turisti, 104 persone sono state processate per l’ingresso.

Delle 47 prefetture del Giappone, 21 sono in “quasi stato di emergenza”, il che significa che bar e ristoranti sono invitati a chiudere prima del normale orario lavorativo. Questo status rimarrà in vigore per la maggior parte delle 21 province fino al 6 marzo.

READ  I manifestanti della "Freedom Caravan" entrano a Parigi e bloccano il traffico prima di essere dispersi con i gas lacrimogeni

Kishida ha accennato a più piani di riapertura e il tetto giornaliero potrebbe essere regolato in base al tasso di rinforzo nel paese e alle condizioni di Omicron in altri paesi, ha affermato.

Meno del 12% dei giapponesi ha ricevuto dosi di richiamo. Kishida, che ha ricevuto la sua seconda dose di vaccino ad agosto, ha detto di sperare in una spinta all’inizio di marzo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply