Altri 4 paesi hanno vietato agli aerei russi di volare nel loro spazio aereo

Negli anni precedenti l’invasione russa dell’Ucraina, gli attivisti statunitensi hanno accumulato milioni di dollari dalle banche e dalle istituzioni finanziarie russe per promuovere i loro interessi a Washington.

Ora, sulla scia dell’invasione russa e delle nuove sanzioni annunciate dal presidente Joe Biden, molte di quelle società di campagna si stanno affrettando a tagliare i legami e ad abbandonare i loro affari redditizi.

Secondo i rapporti e le rivelazioni della campagna federale, almeno sei società di lobby che in precedenza rappresentavano le banche russe ora approvate e le società affiliate al gasdotto russo hanno sospeso i loro contratti o rappresentanza questa settimana.

Lo sfratto segna la demolizione della strada K-Street da Mosca, che ha impiegato a lungo ex funzionari federali e membri del Congresso di entrambe le parti, hanno affermato gli esperti.

“Per chiunque rappresenti un’azienda russa a Washington, DC, è una salita in salita… è molto ripida ora”, ha affermato Benjamin Freeman, ricercatore presso il Quincy Institute for Responsible Statecraft, un think tank di politica estera. Autore di un libro sull’influenza straniera. “Sarebbe difficile trovare orecchie comprensive per qualcuno di questi clienti russi che ora sono in montagna”.

Alcune banche, tra cui il secondo VTB più grande della Russia, sono state poste sotto “blocco completo” delle sanzioni, che congela i beni delle società statunitensi e impedisce loro di fare affari nel paese. Cioè, gli esperti legali affermano che è illegale per gli attivisti lavorare per loro a meno che non abbiano una licenza dal Dipartimento del Tesoro.

Eric Ferrari, un avvocato specializzato in sanzioni statunitensi, ha affermato che l’abbandono degli accordi con banche completamente congelate “non è stato un segnale di solidarietà con l’Ucraina, ma un requisito della legge statunitense”. Gli attivisti potrebbero essere perseguiti per aver violato l’embargo, ha detto.

READ  Stand News: La polizia di Hong Kong fa irruzione nell'agenzia di stampa pro-democrazia e arresta sei persone, tra cui Denise Ho.

Ma anche per gli attivisti che rappresentano le società che non sono completamente escluse, Freeman ha definito il rapporto con la Russia una “lettera scarlatta” in DC, dicendo che “sarebbe pericoloso per queste società rappresentare queste società autorizzate per una vera reputazione”.

Leggi la storia completa Qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply