American Head Charge: il cantante arrestato per furto di chitarre

Ricordate gli American Head Charge?
Sono un gruppo musicale alternative metal nato nel 1993, che in una America preda della voglia di nu-metal ottenne un buon successo, ma che all’estero non sfondarono mai in maniera incredibile. Nel 2001 pubblicarono The War Of Art, un disco più che discreto prodotto da Rick Rubin, ma in generale l’abuso di alcool e droghe sabotò la carriera della band. D’altronde, i due membri fondatori ( il bassista Chad Hanks e il cantante Cameron Heacock) si conobbero per la prima volta in un centro di riabilitazione per tossicodipendenti in California…

Veniamo quindi a Heacock, che oggi sembra decisamente sul viale del tramonto (nonostante l’ultimo disco degli American Head Charge sia datato 2016, seguito da un tour con i Coal Chamber).
Stando a Blabbermouth, il cantante sarebbe stato arrestato ieri, dopo essere stato trovato in possesso di una dozzina di chitarre rubate.
I fatti si sono svolti così: la polizia californiana ha fatto accostare il furgone guidato da Heacock, in quanto il veicolo risultava rubato. Aperto il veicolo, sono stati trovati parecchi oggetti rubati, e Heacock ha portato gli inquirenti in un magazzino ulteriormente pieno di refurtiva, comprese parecchie chitarre ed una motocicletta.

Al momento il cantante è in prigione, in attesa di udienza preliminare. La sua foto segnaletica non sembra mostrare un quarantenne in piena forma…

Gli American Head Charge hanno sofferto due perdite negli anni: il chitarrista Bryan Ottoson è morto a 27 anni nel 2005, nel bel mezzo di un tour con Mudvayne e Life of Agony. Il bassista Chad Hanks, fondatore della band, è morto a 46 anni nel 2017, per un problema al fegato.
Ricordiamoli con un paio dei loro video più famosi…

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*