Biden colpisce la Russia con sanzioni, sposta truppe in Germania

Washington (AFP) – Giovedì il presidente Joe Biden ha risposto all’invasione russa dell’Ucrainascatenando nuove e potenti sanzioni, ha ordinato il dispiegamento di migliaia di truppe aggiuntive nell’alleato della NATO, la Germania, e ha annunciato che l’America si sarebbe opposta al russo Vladimir Putin.

Ha anche riconosciuto che l’invasione – e gli sforzi per contrastare Putin – avrebbero avuto un costo per gli americani. Ma ha cercato di rassicurare il pubblico sul fatto che il dolore economico che sarebbe derivato dall’aumento dei prezzi dell’energia sarebbe stato di breve durata negli Stati Uniti.

Per quanto riguarda il presidente russo, Biden ha detto: “Metterà alla prova la determinazione dell’Occidente per vedere se restiamo insieme. E lo faremo”.

Biden ha affermato che gli Stati Uniti stanno prendendo di mira il sistema finanziario russo Congelerai i beni delle grandi banche russe, i I controlli sulle esportazioni mirano a soddisfare le esigenze high-tech del Paese ea punire gli oligarchi.

Il presidente ha affermato che gli Stati Uniti dispiegheranno anche truppe aggiuntive in Germania per sostenere la NATO dopo l’invasione dell’Ucraina, che non è un membro dell’organizzazione di difesa. Saranno inviati circa 7.000 soldati americani aggiuntivi.

Alcuni legislatori statunitensi – e funzionari ucraini – hanno chiesto a Biden di fare di più.

“C’è di più che possiamo e dobbiamo fare”, ha affermato il senatore Bob Menendez, presidente della commissione per le relazioni estere, riferendosi alla possibilità di rimuovere le banche russe dal sistema bancario internazionale SWIFT e sanzionare Putin personalmente. “Il Congresso e l’amministrazione Biden non dovrebbero vergognarsi di nessuna opzione”.

Giovedì il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha espresso sostegno per le ultime mosse di Biden, ma ha anche esortato Biden a esercitare la massima pressione su Putin. McConnell ha detto che i quattro massimi leader del Congresso alla Camera e al Senato hanno ricevuto un briefing riservato dal presidente alla fine di giovedì.

“Siamo tutti insieme a questo punto e dobbiamo stare insieme su cosa fare”, ha detto McConnell. Ma ho qualche consiglio: intensificare le sanzioni fino alla fine. Non trattenerti da nulla”.

Il vice consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Dalip Singh, ha sottolineato che i valori dell’amministrazione Biden hanno stretto il coordinamento con gli alleati ed evitato anche la percezione di danneggiare i normali cittadini russi durante l’attuazione delle sanzioni. Ha rifiutato di rivelare una circostanza in cui Biden potrebbe accettare di isolare i russi dal sistema Swift o prendere di mira Putin direttamente.

READ  Il crescente isolamento dell'aviazione russa mentre gli aerei rimangono al loro posto

“Quando pensiamo alle sanzioni da applicare, non siamo cowboy e cowgirl che premono un pulsante per imporre i costi”, ha detto Singh. “Seguiamo una serie di principi. Vogliamo che le sanzioni abbiano un impatto sufficiente da mostrare la nostra determinazione e dimostrare che abbiamo la capacità di pagare enormi costi alla Russia”.

Biden ha dichiarato che Putin, che ha definito il crollo dell’Unione Sovietica la “più grande catastrofe geopolitica” del secolo scorso, guarda oltre l’Ucraina.

“Ha ambizioni molto più grandi”, ha detto Biden. Vuole, in effetti, ristabilire l’ex Unione Sovietica. Ecco di cosa si tratta.

Le sanzioni annunciate giovedì sono in linea con l’insistenza della Casa Bianca sul fatto che colpiranno il sistema finanziario russo e la cerchia ristretta di Putin, imponendo anche controlli sulle esportazioni volti a far morire di fame le industrie russe e l’esercito dei semiconduttori americani e di altri prodotti high-tech.

“Putin è l’aggressore”, ha detto Biden. “Putin ha scelto questa guerra, e ora lui e il suo paese ne sopporteranno le conseguenze”.

Ma Biden, per ora, ha ritardato l’imposizione di alcune delle sanzioni più dure possibili, inclusa l’esclusione della Russia dal sistema di pagamento SWIFT, che consente il trasferimento di denaro da una banca all’altra in tutto il mondo.

Biden ha annunciato le sanzioni alla Casa Bianca, mentre il governo ucraino ha riportato perdite crescenti tra le forze russe che attaccano da est, nord e sud.

I prezzi del petrolio e del naturale sono già aumentati a causa dei timori che la Russia, un gigante dell’energia, rallenterà il flusso di petrolio e gas naturale verso l’Europa. Tuttavia, Biden ha riconosciuto che le sanzioni “ci vorrà tempo” per avere un impatto sull’economia russa.

Biden ha aggiunto che dopo il “brutale attacco” russo all’Ucraina, sarebbe un errore lasciare che le azioni di Putin rimangano senza risposta. Se lo facessero, ha detto, “le conseguenze per l’America sarebbero molto peggiori”.

READ  I sintomi di China Daily Domestic COVID più che triplicati

“L’America resiste ai bulli, noi difendiamo la libertà”, ha detto Biden. “Questi siamo noi.”

Biden ha parlato ore dopo aver tenuto un incontro virtuale con i leader di Gran Bretagna, Canada, Francia, Italia e Giappone. All’incontro hanno partecipato anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Il presidente ha anche incontrato la squadra di sicurezza nazionale nella Situation Room della Casa Bianca mentre cercava di catturare le azioni degli Stati Uniti nella crisi in rapida escalation.

La Casa Bianca ha detto che Biden si incontrerà venerdì mattina con altri capi di stato della NATO “in uno straordinario vertice virtuale per discutere la situazione della sicurezza in Ucraina e nei dintorni”.

Mentre Biden ha descritto le sanzioni come severe, i funzionari ucraini hanno esortato gli Stati Uniti e l’Occidente ad andare avanti.

“Chiediamo la separazione della Russia dal sistema SWIFT, l’imposizione di una no-fly zone sull’Ucraina e altre misure efficaci per fermare l’aggressore”, ha affermato in un tweet il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Tuttavia, l’amministrazione Biden ha mostrato una certa riluttanza a isolare la Russia da SWIFT, almeno immediatamente, a causa dei timori che la mossa possa avere enormi ripercussioni anche per l’Europa e altre economie occidentali. In risposta alle domande dei giornalisti, Biden sembrava spingere una decisione sullo Swift agli alleati europei.

“È sempre una scelta, ma in questo momento non è la posizione che il resto d’Europa vorrebbe prendere”, ha detto Biden. Ha anche affermato che le sanzioni finanziarie che ha annunciato sarebbero più dannose per la Russia.

Il sistema con sede in Belgio consente decine di milioni di transazioni giornaliere tra banche, borse finanziarie e altre istituzioni. Gli Stati Uniti in particolare hanno impedito all’Iran di entrare nel regime a causa del suo programma nucleare.

Funzionari in Europa hanno notato che perdere l’accesso della Russia a SWIFT potrebbe essere un freno per l’economia globale in generale. La Russia ha anche equiparato il divieto di Swift a una dichiarazione di guerra. Poiché il sistema stabilisce l’importanza del dollaro USA nella finanza globale, i divieti assoluti comportano anche il rischio di indurre i paesi a utilizzare alternative attraverso il governo cinese o le tecnologie basate su blockchain.

READ  Sale a 117 il bilancio delle frane in Brasile, la polizia: 116 i dispersi

Sebbene SWIFT sia il principale sistema di messaggistica per i pagamenti finanziari, Brian Fry, ex procuratore generale del Dipartimento di giustizia durante l’amministrazione Trump, ha affermato che “ci sono alternative al sistema” e che tagliare la Russia creerebbe “un contraccolpo improvviso e problemi immediati per la comunità internazionale”.

Le sanzioni includono il targeting delle due maggiori banche russe, Sberbank e VTB Bank. Il Tesoro degli Stati Uniti afferma che le sanzioni in generale “mirano a circa l’80% di tutte le attività bancarie in Russia e avranno un impatto profondo ea lungo termine sull’economia e sul sistema finanziario russi”.

Anche persone vicine a Putin sono state prese di mira nelle recenti sanzioni. Tra loro ci sono l’ex capo di stato maggiore Sergei Ivanov; Andrei Patrushev, un alleato di Putin che ha ricoperto posizioni elevate presso la Gazprom Neft di proprietà statale; e l’ex vice primo ministro Igor Sechin, presidente del consiglio di amministrazione della compagnia petrolifera Rosneft.

Lo ha annunciato il Ministero del Tesoro Sanzioni contro le banche bielorussee funzionari dell’industria della difesa e della sicurezza nel paese per il sostegno all’invasione russa dell’Ucraina.

Biden ha affermato che le misure di controllo delle esportazioni che ha ordinato “imporranno un pesante costo all’economia russa, sia immediatamente che nel tempo”. Le misure limiteranno l’accesso della Russia a semiconduttori, computer, telecomunicazioni, apparecchiature per la sicurezza delle informazioni, laser e sensori.

“Indeboleremo la loro competitività nell’economia high-tech del 21° secolo”, ha affermato Biden.

Nel frattempo, il secondo diplomatico russo a Washington, il ministro consigliere Sergei Trebelkov, è stato espulso in risposta all’espulsione da parte della Russia del diplomatico statunitense n. 2 a Mosca all’inizio di questo mese, ha detto giovedì un alto funzionario del Dipartimento di Stato.

Il funzionario ha affermato che l’espulsione non aveva nulla a che fare con l’invasione e faceva parte di una lunga disputa tra Washington e Mosca sul personale dell’ambasciata.

—-

Gli scrittori dell’Associated Press Lolita C. Baldur, Josh Bock, Fatima Hussein, Matthew Lee, Lisa Mascaro e Chris Megerian a Washington e Bruce Schreiner a Louisville, Kentucky, hanno contribuito al rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply