Black Stone Cherry a Milano: foto e commenti dal concerto all’Alcatraz, 27 Novembre 2018

Black Stone Cherry live Alcatraz Milano 2018

I Black Stone Cherry si confermano una solida realtà rock anche per l’Italia, e riescono a riempire tutto lo spazio davanti al Palco B dell’Alcatraz (nota a lato: ora la platea è molto più capiente, visto che sono stati aggiunti dei gradini lungo tutto il perimetro che porta alla piattaforma rialzata del bar).
Forti del loro Family Trees, si dimostrano ancora una volta una delle band più interessanti da seguire dal vivo: sia visualmente, essendo un gruppo molto dinamico, con ogni membro che si muove continuamente su tutto il palco, sia a livello musicale, visto che spesso nelle canzoni sono inserite jam strumentali blueseggianti, portando la durata del concerto vicina alle due ore, una cosa rara nel rock di oggi.
Insomma, non si riesce a togliere lo sguardo dal palco, c’è sempre qualcosa di interessante che sta succedendo, come ad esempio l’affascinante duetto bonghi-batteria – a questo proposito, bisogna ancora una volta lodare John Fred Young come batterista potente, pulito e coreografico (anche lui non sta mai fermo), che arriva a suonare una canzone (la cover di Hoochie Coochie Man) con un braccio solo per poter suonare l’armonica con la sinistra.
La perla del gruppo, comunque, rimane Chris Robertson, che indossando occhiali da sole e cappellino di paglia sembra il classico turista americano (d’altronde descrive così la sua giornata odierna: giro in città, sonnellino, svegliato prima del concerto sentendosi “funky”). Ma Chris ha una voce perfetta per quel che canta, dai toni soul per Things My Father Said, ma anche aggressiva per Me And Mary Janes o festaiola su Blame It on the Boom Boom.
Uno dei momenti più interessanti della serata è quando la band fa dividere in due il pubblico sotto il palco: di solito è un preludio per un violento wall of death, invece invitano una ragazza da ciascun lato ad andare in mezzo a ballare. Non c’è cosa più southern rock di questa, un bel modo per riassumere un concerto pieno di good feelings dei Black Stone Cherry.

**Non ce ne vogliano i Monster Truck e i loro fan, ma non siamo riusciti a seguire il loro concerto in apertura – sarà per la prossima volta!**

Black Stone Cherry – foto concerto all’Alcatraz di Milano

Black Stone Cherry – setlist concerto all’Alcatraz di Milano

Burnin’
Me and Mary Jane
Rain Wizard
Bad Habit
Like I Roll
My Last Breath
Cheaper to Drink Alone
Soulcreek
James Brown
Things My Father Said
Ain’t Nobody
In My Blood
Blind Man
I’m Your Hoochie Coochie Man (Willie Dixon cover)
Lonely Train
Blame It on the Boom Boom
White Trash Millionaire
Family Tree
—–
Peace Is Free

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*