Chitra Ramkrishna: Chitra Ramkrishna è stata arrestata dalla CBI per uno scandalo di co-ubicazione nell’NSE

Il Central Bureau of Investigation nella tarda notte di domenica ha arrestato Chitra Ramkrishna, l’ex CEO della National Stock Exchange (NSE) in connessione con la sua indagine in corso sullo scandalo della co-location di NSE. È stata arrestata a Delhi e lunedì comparirà in un tribunale distrettuale. L’agenzia chiederà interrogatori durante la detenzione da un tribunale distrettuale.

Sabato un tribunale speciale della Banca centrale irachena ha negato all’ex capo dell’NSE di rilasciarlo su cauzione preventiva. Il tribunale della CBI ha rifiutato di concederle protezione dall’arresto e ha osservato che le accuse contro Ramkrishna erano di natura “grossolana e grave”.

La corte ha osservato che l’ex amministratore delegato di NSE “ha presentato una persona inesistente per trarre in inganno l’agenzia investigativa che potrebbe a prima vista mostrare la sua complicità nella vicenda”. Le persone informate hanno detto che l’agenzia dovrà affrontare Ramkrishna con il suo ex consigliere Anand Subramanian che è già sotto la custodia della CBI.

Un’ordinanza emessa l’11 febbraio da Sebi denunciava lo scambio non autorizzato di e-mail contenenti informazioni riservate tra Ramkrishna e una persona sconosciuta identificata come uno yogi. NSE è la più grande borsa valori dell’India.

“Non si può dire a prima vista che il ruolo di ‘Ramkrishna’ non sia sotto esame”, ha detto sabato il giudice Sanjeev Agarwal respingendo la petizione presentata da Ramkrishna. “La nomina di Anand Subramanian senza un giusto processo con uno stipendio molto esorbitante, sembra a prima vista che tutti loro potrebbero aver agito in tandem tra loro nel portare a termine o promuovere gli obiettivi della truffa della co-location”.

Il caso NSE nello stesso sito deriva dalle accuse di accesso differenziato iniquo a determinate entità nel 2012-2014. L’interesse per il caso è stato ravvivato dopo l’ordine Sebi dell’11 febbraio che includeva i dettagli di uno scambio di e-mail tra Ramkrishna e il cosiddetto souf, molti dei quali contenevano informazioni riservate e sollecitavano i ripetuti progressi del Subramanian, nonostante la sua apparente mancanza di qualifiche. Diversi ex funzionari sono stati interrogati.

READ  MTA per testare le barriere dei binari in tre stazioni della metropolitana di New York

Il tribunale ha incaricato la Banca centrale irachena e l’autorità di regolamentazione del mercato di incaricarli del modo in cui sono state condotte le loro indagini. “Il CBI è il più carente a dir poco, poiché non sembra essere stata intrapresa alcuna azione contro i principali beneficiari dell’attuale truffa della co-location e altri per quasi quattro anni interi, che sembrano divertirsi a scapito del normale cittadini per i motivi più noti”.

“Inoltre, anche Sebi, nonostante fosse un cane da guardia del mercato dei capitali, è stato molto gentile e gentile… Tutto questo mentre Sebi ha distolto lo sguardo in termini di avvio di procedimenti penali”.

La CBI ha contestato la petizione di Ramkrishna e ha detto alla corte che aveva bisogno di interrogare i sudditi di Ramkrishna per “rivelare la verità” e voleva che fosse “affrontato” con Subramanian.

L’agenzia ha informato la corte di aver perquisito la casa di Ramkrishna il 24 febbraio e di aver confiscato vari oggetti, tra cui il suo cellulare e laptop. Ramkrishna è stato interrogato il 18, 19 e 22 febbraio. Uno psichiatra forense senior che era presente ha affermato di essere stata evasiva nelle sue risposte, secondo il CBI.

L’avvocato senior Dayan Krishnan, che appare a nome di Ramkrishna, ha affermato di non essere stata nominata e di non averle attribuito alcun ruolo nel primo rapporto informativo (FIR) che la CBI ha registrato nel maggio 2018 nel caso. Si dice anche che non sia stata chiamata per essere interrogata nel caso nemmeno una volta negli ultimi quattro anni. Ramkrishna ha detto che le conversazioni private non hanno avuto alcun effetto sulla sua performance e che stava facendo “un ricorso legale appropriato contro il suddetto ordine Sibi”.

READ  Tesla perde sette punti nelle classifiche annuali di Consumer Reports

Ha aggiunto che “attraverso i media vengono esercitate pressioni pubbliche sulle agenzie investigative” alla luce dell’ordine di Sibi. Per quanto riguarda il presunto stipendio esorbitante pagato a Subramanian, Ramkrishna ha affermato che si trattava di una questione di “governance aziendale” e non aveva nulla a che fare con un caso di co-location NSE oggetto di indagine da parte della CBI. Ha detto di essere stata “costretta” a spostare la cauzione anticipata dopo aver appreso dell’arresto di Subramanian.

La corte ha trovato difficile credere che i funzionari della NSE non fossero a conoscenza di quello che stava succedendo.

“A prima vista, questo tipo di frode di co-localizzazione non sarebbe stata possibile senza la tempestiva conoscenza e la complicità attiva di tutti i capi funzionali della NSE, questo periodo può essere visto come un periodo oscuro nella storia della NSE”, il ha detto la corte. “Essendo il numero uno nella NSE in precedenza, ci sono forti possibilità che possa influenzare e manomettere le prove”.

Notando che ci sono “molti aspetti dell’indagine che devono essere esplorati dall’agenzia investigativa dopo che la polvere ne è stata rimossa”, la corte ha affermato: “La portata del caso in esame potrebbe essere enorme, a causa di questa frode finanziaria. potrebbe aver causato un’enorme perdita per agenti di cambio, investitori istituzionali e investitori istituzionali impegnati.” Istituzionalisti stranieri, investitori onesti, la cui fiducia in un’istituzione finanziaria così importante, come NSE, potrebbe essere stata scossa e gravemente ridotta”.

Dato il ruolo critico svolto dalla NSE nel sistema finanziario indiano, la corte ha affermato che era necessario un approccio diverso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply