Decine di persone sono state segnalate morte in Kazakistan mentre la Russia inviava le forze della coalizione

MOSCA – Giovedì una coalizione militare guidata dalla Russia ha iniziato a schierare paracadutisti in Kazakistan come parte di un’operazione di mantenimento della pace dopo una notte di proteste diventate violente in Asia centrale. Lesione.

L’organizzazione ha affermato che lo sforzo di mantenimento della pace, organizzato da un gruppo di edizioni russe della NATO, sarà limitato nel tempo e mirato a proteggere gli edifici governativi e le attrezzature militari. Una dichiarazione. Non specifica quanti giocatori saranno concentrati. Il rapporto affermava che alcune truppe stavano già operando in Kazakistan.

Il portavoce della polizia nella più grande città del Kazakistan ha affermato che i funzionari sono stati uccisi quando i funzionari sono stati uccisi dai funzionari degli edifici governativi, della questura e degli uffici di polizia distrettuale. L’annuncio è arrivato dopo le prime notizie dei media locali secondo cui la polizia aveva aperto il fuoco sui manifestanti nella città petrolifera di Atyrau, uccidendo almeno una persona.

La polizia ha avvertito i residenti vicino ai principali edifici governativi di rimanere a casa.

L’annuncio del cessate il fuoco militare è arrivato una notte dopo le violente proteste nelle città del Kazakistan, tra cui Almaty, dove alcuni manifestanti sono arrivati ​​armati e hanno iniziato a saccheggiare negozi e centri commerciali, secondo il video diffuso dalla scena. Hanno dato fuoco agli edifici del governo, compreso il municipio e il vecchio ufficio del presidente del paese. Hanno anche catturato l’aeroporto.

Le autorità hanno detto che circa 1.000 persone sono rimaste ferite e fino a 400 sono state ricoverate in ospedale, ad eccezione di quelle uccise. La polizia ha detto mercoledì che almeno otto membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi negli scontri.

READ  Andiamo I-95

La rivolta è iniziata domenica nel Kazakistan occidentale contro l’aumento dei prezzi del carburante. Nonostante l’affermazione del governo che avrebbe abrogato l’aumento dei prezzi, le proteste si sono diffuse in tutto il paese, con richieste diffuse di una migliore rappresentanza politica e benefici sociali.

Il presidente kazako, Kassym-Jomart Tokayev, ha rilasciato a tarda notte una dichiarazione definendo i manifestanti un “gruppo terroristico” addestrato all’estero. Dichiarò che il Kazakistan era sotto attacco e chiese l’intervento della coalizione guidata dalla Russia, nota come Joint Security Agreement.

Le scuole del Paese hanno prolungato di una settimana le vacanze invernali e ordinato la chiusura di tutte le banche commerciali del Kazakistan. Anche l’accesso a Internet viene interrotto di tanto in tanto.

La portata delle proteste non è passata inosservata alla maggior parte degli osservatori dell’Asia centrale: il Kazakistan è stato a lungo considerato uno dei paesi post-sovietici di maggior successo. Finora ha avuto un PIL pro capite e numerose riserve nella regione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply