Diavoli, la serie tv Sky con Patrick Dempsey e Alessandro Borghi in partenza oggi

Tratta dal romanzo di Guido Maria Brera (edito da Rizzoli), arriva su Sky Diavoli (Devils) dal 17 aprile una serie tv internazionale prodotta da Sky Italia e Lux Vide realizzata in collaborazione con Sky Studios, Orange Studio e OCS, con la distribuzione internazionale è di NBCUniversal Global Distribution per conto di Sky Studios.

Diavoli è un racconto ambientato nel mondo dell’alta finanza londinese, incentrato sul rapporto tra un giovane broker e il suo mentore che l’ha preso sotto la sua ala, l’ha cresciuto, l’ha istruito, ma fino a che punto sarà disposto a seguirlo?

Diavoli – La Trama

La serie tv Diavoli è ambientata nella sede londinese dell’americana New York – London Investment Bank (NYL). Una delle più grandi banche di investimento dove lavora lo spregiudicato Head of Trading Massimo Ruggero (Alessandro Borghi) accolto dall’Italia e cresciuto nel mondo finanziario da Dominic Morgan (Patrick Dempsey), CEO della banca.

Italiano e di origini umili, si è guadagnato il suo posto al sole nell’olimpo della finanza grazie al un intuito straordinario che lo rende il migliore nel suo campo. Dominic è uno degli uomini più potenti della finanza mondiale, ha un profondo legame con Massimo che lo considera il suo mentore, e ha però degli interessi che lo stesso Massimo non può nemmeno immaginare. Quando Massimo si troverà coinvolto in una guerra finanziaria intercontinentale che colpisce l’Europa, dovrà scegliere se allearsi con il suo mentore oppure combatterlo.

Diavoli – Trailer

Foto di ©Antonello&Montesi

Diavoli – Come vedere la serie

Diavoli arriva in Italia dal 17 aprile su Sky Atlantic, in streaming su Now Tv, in mobilità con Sky Go e disponibile su Sky On Demand.

Diavoli – Il cast

  • Alessandro Borghi è  Massimo Ruggero, italiano di umili origini che si costruisce una carriera nella finanza a Londra
  • Patrick Dempsey è Dominic Morgan, CEO della banca d’investimenti che accoglie e cresce Massimo
  • Kasia Smutniak è Nina, la sofisticata e molto determinata moglie di Dominic Morgan, al quale è unita da sentimenti ma anche interessi.
  • Lars Mikkelsen (The KillingSherlockHouse of Cards)
  • Laia Costa (Victoria)
  • Malachi Kirby (Radici)
  • Paul Chowdhry (Live at the ApolloSwinging with the Finkels)
  • Pia Mechler (Everything Is Wonderful)
  • Harry Michell (Chubby Funny)
  • Sallie Harmsen (Blade Runner 2049).

La regia è di Nick Hurran (SherlockDoctor WhoFortitudeAltered Carbon) e Jan Michelini (I Medici).

La sceneggiatura è di Alessandro Sermoneta, Mario Ruggeri, Elena Bucaccio, Guido Maria Brera, Chris Lunt, Michael Walker, Ben Harris, Daniele Cesarano, Ezio Abate e Barbara Petronio.

Diavoli – La recensione

Diavoli è una serie tv italiana che aspira a diventare internazionale, si veste bene, si tira a lucido ma manca l’occasione e risulta un pesce fuor d’acqua, come chi a una festa elegante si trova a disagio e si mette in un angolo, accanto al buffet. Pur provando ad alzare il livello, con collegamenti all’attualità, inserendo l’anima thriller in un contesto di alta finanza internazionale con i banchieri che muovono le sorti del mondo, la serie si perde in una narrazione annacquata priva di scatti e non in grado di stupire lo spettatore che rischia piuttosto di annoiarsi tra i tanti riferimenti.

Dempsey e Borghi catturano la scena e rappresentano il gancio per lo spettatore, attirato dai grandi nomi, ma la sfida tra i due “demoni” della finanza sembra perdersi nei meandri della storia personale di Massimo Ruggero. Diavoli ha un obiettivo, mostrare come la finanza cattiva controlli il mondo, come il denaro sia la rovina e lo porta avanti fino all’estremo, delineando i contorni della perfidia con l’accetta. Alla fine risulta un prodotto godibile, ma che non stupisce e non resterà fissato nella nostra memoria.

Diavoli – la seconda stagione

A quanto pare è in cantiere una seconda stagione di Diavoli, nonostante sia stata girata tre anni fa ormai e tutto lasciava pensare fosse una miniserie.

About Riccardo Cristilli 309 Articles
Costantemente perso nel Sottosopra, su un'isola, in un universo parallelo in attesa di ricevere l'invito a corte, finendo però in una famiglia moderna. Anni '50, '60, oggi, nel futuro, nel medioevo, nello spazio o in un mondo fantastico. Follia? Probabile, un destino ineluttabile per star dietro a oltre 500 serie tv!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*