Dopo che il CEO di Tesla Elon Musk ha rivendicato una “indagine incessante”, la SEC torna sui suoi passi

Elon Musk, CEO di Tesla Inc. , ai media mentre lascia il tribunale federale di New York, negli Stati Uniti, giovedì 4 aprile 2019.

Natan Dvir | Bloomberg | Getty Images

La Securities and Exchange Commission ha presentato venerdì una lettera a un giudice federale in risposta alle accuse di Tesla Il CEO Elon Musk ha affermato che l’agenzia “ha infranto le sue promesse” e si è impegnata in un “modello di comportamento”. raggiungere il punto della molestia dopo un precedente accordo transattivo.

Nel settembre 2018, la Securities and Exchange Commission muschio carico Facendo dichiarazioni “false e fuorvianti” agli investitori dopo aver annunciato tramite Twitter di essersi assicurato finanziamenti per acquistare Tesla privatamente a $ 420 per azione. Dopo i suoi tweet, le azioni di Tesla sono entrate in un periodo di straordinaria volatilità e l’accordo a cui Musk ha accennato non si è mai concretizzato.

Tesla, Musk e la Securities and Exchange Commission hanno stipulato un accordo transattivo rivisto nel 2019 per saldare le accuse.

Come parte dell’accordo, Musk ha dovuto rinunciare temporaneamente al suo ruolo di presidente del consiglio di amministrazione di Tesla e pagare una multa di $ 20 milioni individualmente. Tesla ha anche dovuto pagare una multa di $ 20 milioni. Musk e Tesla hanno concordato che il famoso CEO avrebbe fatto approvare il contenuto dei suoi post sui social media da un esperto di diritto dei titoli prima che venissero pubblicati su eventi che contengono informazioni commerciali importanti.

I $ 40 milioni che hanno pagato avrebbero dovuto essere distribuiti agli azionisti di Tesla in seguito.

In una lettera inviata giovedì in tribunale a nome di Musk e Tesla, l’avvocato Alex Spiro ha osservato che la Securities and Exchange Commission aveva ignorato il suo dovere di trasferire 40 milioni di dollari agli azionisti di Tesla.

READ  Il Pentagono nega il coinvolgimento nella spedizione Starlink che Elon Musk ha inviato in Ucraina

Stephen Buchholz della Securities and Exchange Commission ha risposto venerdì, dicendo che l’agenzia stava facendo progressi in questo compito, che era alquanto complesso. Ha osservato che Tesla non aveva mai espresso alcuna preoccupazione al riguardo all’agenzia prima e che i dipendenti della Saudi Electricity Company prevedono di presentare un “piano di distribuzione proposto” in tribunale per l’approvazione entro la fine di marzo 2022.

Spiro, l’avvocato di Musk, ha anche osservato che la Securities and Exchange Commission non si è concentrata sui trasferimenti perché era troppo occupata a indagare e a rilasciare più citazioni a Tesla. “Sembra che la SEC stia prendendo di mira il signor Musk e Tesla per un’indagine in gran parte implacabile perché il signor Musk rimane un critico esplicito del governo”, ha scritto l’avvocato.

Le lotte di Musk con le autorità di regolamentazione tendono ad essere pubbliche e caotiche e talvolta includono insulti volgari. Il CEO ha espresso il suo disappunto con la Securities and Exchange Commission su Twitter in più occasioni, tra cui a ottobre 2018 Quando l’agenzia ha chiamato il “comitato di arricchimento breve”, e in luglio 2020 Quando ha scritto: “SEC, un acronimo di tre lettere, la parola di mezzo è Elon”.

Spiro ha anche suggerito che la continua attività investigativa della Securities and Exchange Commission sembrava essere “calcolata per ammorbidire” i diritti del Primo Emendamento di Musk.

In un recente fascicolo finanziario per Quarto trimestre 2021Tesla ha rivelato di aver ricevuto una citazione dalla SEC alla fine dello scorso anno. “Il 16 novembre 2021, la Securities and Exchange Commission ci ha emesso un mandato di comparizione per informazioni sui nostri processi di governance per conformarsi all’accordo SEC, come modificato”, affermano i documenti.

READ  Le agenzie di segnalazione del credito cancelleranno la maggior parte del debito medico

La lettera della Securities and Exchange Commission (SEC) alla corte di venerdì ha affermato che Tesla non ha seguito le procedure appropriate per contestare qualsiasi citazione emessa dall’agenzia in qualità di regolatore indipendente, indipendentemente dai procedimenti giudiziari.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply