Emmy Awards 2018, le nomination

Come ogni anno, la stagione televisiva americana si aprirà con gli Emmy Awards. I prestigiosi premi, considerati i più importanti per chi lavora in televisione, sono assegnati dal 1949 dall’Academy of Television Arts & Sciences. Con la crescita dell’industria televisiva, del pubblico e delle risorse impiegate per la produzione di serie tv -sia in termini economici che di star che ogni anno decidono di buttarsi nel mondo dei telefilm-, anche gli Emmy hanno assunto sempre più importanza, tanto da diventare gli Oscar della televisione.

Non è insolito, quindi, che l’attesa delle nomination smuova tutto lo showbusiness statunitense e non solo: ad attendere di sapere chi sarà nominato ci sono addetti ai lavori e fan, tutti curiosi di sapere se ci saranno colpi di scena tra le candidature o se tutto resterà come l’anno passato.

Emmy Awards 2018, le nomination

Il 12 luglio 2018 sono state annunciate le nomination degli Emmy Awards, giunti alla 70esima edizione. Un annuncio che, come da tradizione, viene fatto alle prime luci dell’alba, in America, per permettere ai media di avere tutta la giornata per dare la copertura necessaria alla notizia. Ogni anno cambiano i nomi di chi annuncia le nomination: per l’edizione 2018 l’onore è andato a Ryan Eggold (The Blacklist) e Samira Wiley (The Handmaid’s Tale).

Emmy Awards 2018, nomination Migliori serie tv

  • Miglior Drama
  • The Americans (Fx)
    The Crown (Netflix)
    Game of Thrones (Hbo)
    The Handmaid’s Tale (Hulu)
    Stranger Things (Netflix)
    This Is Us (Nbc)
    Westworld (Hbo)

  • Miglior Comedy
  • Atlanta (Fx)
    Barry (Hbo)
    black-ish (Abc)
    Curb Your Enthusiasm (Hbo)
    GLOW (Netflix)
    The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
    Silicon Valley (Hbo)
    Unbreakable Kimmy Schmidt (Netflix)

  • Miglior Miniserie
  • The Alienist (Tnt)
    The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story (Fx)
    Genius: Picasso (National Geographic)
    Patrick Melrose (Showtime)

  • Miglior Film-tv
  • Fahrenheit 451 (Hbo)
    Flint (Lifetime)
    Paterno (Hbo)
    The Tale (Hbo)
    Uss Callister: Black Mirror (Netflix)

    Emmy Awards 2018, nomination Migliori attori protagonisti

  • Miglior attore protagonista di una serie Drama
  • Jason Bateman, per il ruolo di Marty Byrde in Ozark (Netflix)
    Sterling K. Brown, per il ruolo di Randall Pearson in This Is Us (Nbc)
    Ed Harris, per il ruolo dell’Uomo in Nero in Westworld (Hbo)
    Matthew Rhys, per il ruolo di Philip Jennings in The Americans (Fx)
    Milo Ventimiglia, per il ruolo di Jack Pearson in This Is Us (Nbc)
    Jeffrey Wright, per il ruolo di Bernard Lowe in Westworld (Hbo)

  • Miglior attrice protagonista di una serie Drama
  • Claire Foy, per il ruolo della Regina Elisabetta in The Crown (Netflix)
    Tatiana Maslany, per il ruolo di Sarah, Alison, Cosima, Helena e Rachel in Orphan Black (Bbc America)
    Elisabeth Moss, per il ruolo di Difred in The Handmaid’s Tale (Hulu)
    Sandra Oh, per il ruolo di Eve Polastri in Killing Eve (Bbc America)
    Keri Russell, per il ruolo di Elizabeth Jennings in The Americans (Fx)
    Evan Rachel Wood, per il ruolo di Dolores in Westworld (Hbo)

  • Miglior attore protagonista di una serie Comedy
  • Anthony Anderson, per il ruolo di Andre “Dre” Johnson Sr. in black-ish (Abc)
    Ted Danson, per il ruolo di Michael in The Good Place (Nbc)
    Larry David, per il ruolo di se stesso in Curb Your Enthusiasm (Hbo)
    Donald Glover, per il ruolo di Earnest “Earn” Marks in Atlanta (Fx)
    Bill Hader, per il ruolo di Barry Berkman/Block in Barry (Hbo)
    William H. Macy, per il ruolo di Frank Gallagher in Shameless (Showtime)

  • Miglior attrice protagonista di una serie Comedy
  • Pamela Adlon, per il ruolo di Sam Fox in Better Things (Fx)
    Rachel Brosnahan, per il ruolo di Miriam “Midge” Maisel in The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
    Allison Janney, per il ruolo di Bonnie Plunkett in Mom (Cbs)
    Issa Rae, per il ruolo di Issa Dee in Insecure (Hbo)
    Tracee Ellis Ross , per il ruolo di Rainbow “Bow” Johnson in black-ish (Abc)
    Lily Tomlin, per il ruolo di Frankie Bergstein in Grace and Frankie (Netflix)

  • Miglior attore protagonista di un film-tv o miniserie
  • Antonio Banders, per il ruolo di Pablo Picasso in Genius (National Geographic)
    Darren Criss, per il ruolo di Andrew Cunanan in The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story
    Benedict Cumberbatch, per il ruolo di Patrick Melrose in Patrick Melrose (Showtime)
    Jeff Daniels, per il ruolo di John O’Neill in The Looming Tower (Hulu)
    John Legend, per il ruolo di Gesù Cristo in Jesus Christ Superstar Live in Concert (Nbc)
    Jesse Plemons, per il ruolo del Capitano Daly in Uss Callister: Black Mirror (Netflix)

  • Miglior attrice protagonista di un film-tv o miniserie
  • Jessica Biel, per il ruolo di Cora Tannetti in The Sinner (Usa Network)
    Laura Dern, per il ruolo di Jennifer Fox in The Tale (Hbo)
    Michelle Dockery, per il ruolo di Alice Fletcher in Godless (Netflix)
    Edie Falco, per il ruolo di Leslie Abramson in Law & Order: True Crime (Nbc)
    Regina King, per il ruolo di Latrice Butler in Seven Seconds (Netflix)
    Sarah Paulson, per il ruolo di Ally Mayfair-Richards e Susan Atkins in American Horror Story (Fx)

    Emmy Awards 2018, nomination Migliori attori non protagonisti

  • Miglior attore non protagonista di una serie Drama
  • Matt Smith, per il ruolo del Principe Filippo in The Crown (Netflix)
    Nikolaj Coster-Waldau, per il ruolo di Jaime Lannister in Game of Thrones (Hbo)
    Peter Dinklage, per il ruolo di Tyrion Lannister in Game of Thrones (Hbo)
    Joseph Fiennes, per il ruolo del Comandante Waterford in The Handmaid’s Tale (Hulu)
    Mandy Patinkin, per il ruolo di Saul Berenson in Homeland (Showtime)
    David Harbour, per il ruolo di Jim Hopper in Stranger Things (Netflix)

  • Miglior attrice non protagonista di una serie Drama
  • Vanessa Kirby, per il ruolo della Principessa Margherita in The Crown (Netflix)
    Lena Headey, per il ruolo di Cercei Lannister in Game of Thrones (Hbo)
    Alexis Bledel, per il ruolo di Diglen in The Handmaid’s Tale (Hulu)
    Ann Dowd, per il ruolo di Zia Lydia in The Handmaid’s Tale (Hulu)
    Yvonne Strahovski, per il ruolo di Serena Joy in The Handmaid’s Tale (Hulu)
    Millie Bobby Brown, per il ruolo di Undici in Stranger Things (Netflix)
    Thandie Newton, per il ruolo di Maeve in Westworld (Hbo)

  • Miglior attore non protagonista di una serie Comedy
  • Brian Tyree Henry, per il ruolo di Alfred ‘Paper Boi’ Miles in Atlanta (Fx)
    Henry Winkler, per il ruolo di Gene Cousineau in Barry (Hbo)
    Louie Anderson, per il ruolo di Christine Baskets in Baskets (Hbo)
    Tony Shalhoub, per il ruolo di Abe Weissman in The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
    Alec Baldwin, per il ruolo di Donald Trump in Saturday Night Live (Nbc)
    Kenan Thompson, per il ruolo di vari personaggi in Saturday Night Live (Nbc)
    Tituss Burgess, per il ruolo di Titus Andromedon in Unbreakable Kimmy Schmidt (Netflix)

  • Miglior attrice non protagonista di una serie Comedy
  • Zazie Beetz, per il ruolo di Van in Atlanta (Fx)
    Betty Gilpin, per il ruolo di Debbie Eagan in GLOW (Netflix)
    Alex Borstein, per il ruolo di Susie in The Marvelous Mrs. Maisel (Amazon)
    Laurie Metcalf, per il ruolo di Jackie Harris in Roseanne (Abc)
    Aidy Bryant, per il ruolo di vari personaggi in Saturday Night Live (Nbc)
    Leslie Jones, per il ruolo di vari personaggi in Saturday Night Live (Nbc)
    Kate McKinnon, per il ruolo di vari personaggi in Saturday Night Live (Nbc)
    Megan Mullally, per il ruolo di Karen Walker in Will & Grace (Nbc)

  • Miglior attore non protagonista in un film-tv o miniserie
  • Ricky Martin, per il ruolo di Antonio D’Amico in The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story (Fx)
    Edgar Ramírez, per il ruolo di Gianni Versace in The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story (Fx)
    Finn Wittrock, per il ruolo di Jeffrey Trail in The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story (Fx)
    Jeff Daniels, per il ruolo di Frank Griffin in Godless (Netflix)
    Brandon Victor Dixon, per il ruolo di Giuda in Jesus Christ Superstar Live in Concert (Nbc)
    Michael Stuhlbarg, per il ruolo di Richard Clarke in The Looming Tower (Hulu)
    John Leguizamo, per il ruolo di Jacob Vazquez in Waco (Paramount Network)

  • Miglior attrice non protagonista in un film-tv o miniserie
  • Adina Porter, per il ruolo di Beverly Hope in American Horror Story (Fx)
    Penelope Cruz, per il ruolo di Donatella Versace in The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story (Fx)
    Judith Light, per il ruolo di Marilyn Miglin in The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story (Fx)
    Letitia Wright, per il ruolo di Nish in Black Museum: Black Mirror (Netflix)
    Merritt Wever, per il ruolo di Mary Agnes in Godless (Netflix)
    Sara Bareilles, per il ruolo di Maria Maddalena in Jesus Christ Superstar Live in Concert (Nbc)

    Emmy Awards 2018, i numeri per serie e network

    La serie tv più nominata di quest’anno è Game of Thrones, con 22 nomination, seguita dal Saturday Night Live (21) e Westworld (20). The Handmaid’s Tale si porta a casa 20 candidature. Atlanta è la comedy più nominata, con 16 candidature, seguita da The Marvelous Mrs. Maisel con 14 e Barry con 13.

    Per quanto riguarda i network, Netflix è quello che ha ricevuto più nomination, ovvero 112. La Hbo ha ottenuto 108 nomination, mentre la Nbc 78.

    Emmy Awards 2018, quando andrà in onda la cerimonia di premiazione?

    La cerimonia di premiazione degli Emmy Awards 2018 è prevista per il 17 settembre 2018, ed andrà in onda dal Microsoft Theatre di Los Angeles, con la conduzione di Michael Che e Colin Jost, attori comici famosi per condurre il segmento del Weekend Update nel Saturday Night Live. In Italia, la cerimonia sarà trasmessa in diretta da Rai 4.

    About Paolino 27 Articles
    Bresciano, da sempre appassionato di piccolo schermo ed a suo agio nel vortice delle serie tv: datemi un episodio dei Simpson, fatemi rivedere il finale di Lost, divertitemi con The Big Bang Theory, regalatemi qualche mese di abbonamento a Netflix o Amazon e nessuno si farà male.

    Be the first to comment

    Leave a Reply

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *