Ho rivisto Fantaghirò su Netflix da over 30 e ho capito che cosa mi era sfuggito da bambina…

Rivedere Fantaghirò su Netflix da adulti
CROWDFUNDING ALTROSPETTACOLO
Se vuoi aiutare la nostra realtà a crescere e vuoi fare una donazione CLICCA QUI

Per cinque anni della mia vita, proprio nel passaggio dall’infanzia all’adolescenza, Fantaghirò è stato per me un appuntamento fisso in tv. Aspettavo con ansia l’anteprima su Sorrisi e Canzoni Tv la settimana prima della messa in onda e addirittura registravo le puntate (sì, con quell’aggeggio obsoleto chiamato videoregistratore), anche se, in realtà, non è che le rivedessi più nei mesi successivi.

Non so in totale quante volte abbia visto Fantaghirò nei passaggi tv (forse poche e tutte da under 15), ma una cosa è certa: avevo dimenticato molte, ma molte cose. Anzi, alcune, probabilmente per questioni d’età, non le avevo neanche notate. Per questo rivedermele tutte in modalità “binge watching” su Netflix è stato molto utile, quasi formativo. Ne sono scaturite alcune riflessioni che vado a elencarvi.

Fantaghirò ride anche in situazioni drammatiche

Alessandra Martines FantaghiròIn molte scene, proprio quando si trova nel bel mezzo di situazioni drammatiche, Fantaghirò ride. Sì, non sono risate vere e proprie, sono dei sorrisi che poi, forse per colpa del doppiaggio, diventano delle risatine. Di solito sono presenti in momenti di grande pericolo, subito dopo che la nostra eroina ha deciso di compiere qualche azione.

Faccio un esempio: in Fantaghirò 3 la protagonista è nel castello della piccola Smeralda, ha appena visto morire i genitori della bambina che ancora non sa nulla del destino dei suoi cari e si fa inseguire dalla regina guerriera lungo le scale. Fantaghirò, nonostante abbia appena vissuto un dramma (la morte del re padre di Smeralda) e sia assediata dai soldati di Tarabas, mentre insegue la bimba sulle scale ride. E ride anche mentre le due si calano in un pozzo, sempre inseguite dai perfidi soldati. Di esempi così ce ne sono decine in tutte e cinque le serie. Non importa che Romualdo sia mezzo morto da qualche parte, che le sue sorelle siano in pericolo o che lei stessa sia inseguita da un cattivo che all’inizio sembra sempre invincibile, durante le scene d’azione Fantaghirò ride. Probabilmente è per sottolineare il suo carattere solare e avventuroso. Però ecco… diciamo che un essere umano normale in quelle situazioni lì non riderebbe neanche per sbaglio.

[amazon_link asins=’B00B76YKPW,B00B76YKRK,B00B76YKAW,B00B76YKZC,B00B76YKF2′ template=’ProductCarousel’ store=’sn095f-21′ marketplace=’IT’ link_id=’4580e0e2-020b-11e8-862a-9bacefa87c3b’]

In Fantaghirò 5 c’è un altro personaggio che fa la stessa cosa, Masala: mentre sua madre viene catturata dalle piante (proprio nello stesso istante in cui avviene questa tragedia), lui vede la talpa che lo chiama e le sorride mentre la ascolta. Ma cosa ridi? Tua madre sta per scomparire e forse muore!

Fantaghirò è “respiriana”?

Fantaghirò non ha mai fame. Dice esplicitamente di non mangiare gli animali (ok, è vegetariana), ma a un certo punto quando le parlano le mele non mangia più neanche quelle. Cosa mangia allora? E soprattutto perché durante i lunghissimi inseguimenti e accampamenti non si lamenta mai per la fame e non cerca cibo? L’unica volta che la si vede mangiare è nella terza serie: la casetta di marzapane creata da Tarabas e che dunque è cibo artificiale. Per il resto sembra proprio una “respiriana”.

Romualdo è per l’80% del tempo bagnato, per il 20% svenuto

Romualdo bagnatoAmmetto che da piccola il fatto che Romualdo non ci fosse nella quinta serie è stato un dramma, uno di quegli avvenimenti che ti segna e ti fa smettere di credere nell’amore eterno, ti fa diventare cinico e anche un po’ asociale. Ma soprattutto ti fa pensare che Kim Rossi Stuart sia un ingrato. Come puoi lasciare la serie che ti ha reso famoso? Come?!

Ora, da grande, ho capito. Il povero Romualdo nelle due serie e mezza in cui è stato presente era per l’80% bagnato e per il 20% svenuto. E per un buon 70-80% era anche sotto incantesimo. Sono percentuali fatte un po’ a casaccio, lo so, ma rendono l’idea.

In Fantaghirò 1 e 2 è molto spesso in fiumi, laghi o fontane, in Fantaghirò 3 è pietrificato quasi tutto il tempo (ovviamente dopo essere stato in acqua). La Strega Nera e la stessa Fantaghirò lo fanno svenire continuamente. Insomma, faccio pace con Kim Rossi Stuart, posso capire perché si era stufato di Romualdo. Per non parlare del fatto che già in Fantaghirò 3 Tarabas gli ha rubato la scena. E infatti quando, nella quarta serie, Romualdo non c’è stato più, a chi è toccato bagnarsi (e pure svenire ogni tanto)?

Tarabas in acqua

Team Tarabas vs Team Romualdo

Quando ho visto Fantaghirò da bambina, non ho subìto molto il fascino di Tarabas o quanto meno ho continuato a preferire Romualdo, proprio come Fantaghirò. Ma rivedendolo da grande e sapendo quindi come va a finire la quinta serie, ho notato che alla fine dell’episodio 3.1 ero già al punto: “Romualdo chi?”. Invece Fantaghirò resta in fissa e non si fila di pezza il Principe del Male.

Nella quarta serie sembra esserci un barlume di speranza quando Romualdo-Fiodor di fatto consegna Fantaghirò a Tarabas, che prima si illude, poi si convince che lei non dimenticherà mai il primo amore. Eppure, dopo che Fantaghirò scopre che Fiodor è Romualdo, a un certo punto, quando lui cade nel fosso, decide all’improvviso che deve preoccuparsi prima di tutto del Castello e non dice nulla. Non dice tipo “Vado ma tornerò a cercarti”. Insomma, per una volta sembra “umana” e decide di lasciare il “mostriciattolo” al suo destino. Infatti poi è lui a tornare e a salvarla uccidendo Darken. E se non fosse tornato? Se si fosse fatto male nel dirupo o se fosse addirittura morto? È possibile che dopo la caduta nel dirupo lei non si sia nemmeno preoccupato delle condizioni fisiche di Fiodor?

Va be’, queste domande non me le ero poste durante la prima visione, perché ero convinta che Fantaghirò dovesse restare con Romualdo. Ora, potendo riscrivere la storia, un pensiero a Tarabas glielo farei fare seriamente. Ma comunque, essendo sia Nicholas Rogers sia Kim Rossi Stuart bellissimi quasi allo stesso modo, l’unico motivo per cui Tarabas batte Romualdo nella visione da adulta è uno: tutto merito del kajal… Sì perché Tarabas è truccato, parecchio, ma da piccola non lo noti. Lo sguardo magnetico è merito soprattutto dei sapienti primi piani di Lamberto Bava e, appunto, del kajal (ovviamente waterproof)… Tra l’altro c’è il forte sospetto che abbia le orecchie a sventola.

Babilonia

Nella quarta serie (ma forse era cominciata già prima…) ho notato dal labiale che Alessandra Martines recita praticamente sempre in francese (non più in inglese come nelle prime serie), mentre Nicholas Rogers e Brigitte Nielsen solo in inglese, la bambina che interpreta Parcel in italiano (ma poi perché non hanno preso un maschio?!?).

Insomma, a quanto pare ognuno recitava nella lingua che gli era più congeniale, ma questo sostanzialmente significa che sul set, nello stesso dialogo, i protagonisti parlavano nella stessa scena due-tre lingue diverse. Perfino nella quinta serie, nei dialoghi con Remo Girone, Martines parla francese e lui italiano. Sarebbe stato uno spasso sentire la versione originale…

Il target di Fantaghirò: bambini o young adult?

Donna nel fiume in Fantaghirò 1

Rivedendo Fantaghirò da grande, mi è venuto un dubbio. Da piccola amavo la serie principalmente per gli animali parlanti, il carattere della protagonista e la storia d’amore con Romualdo. Non mi sono accorta di alcune scene.

Per esempio nel secondo episodio della prima serie, prima della gara di nuoto tra Fantaghirò e Romualdo (che è in mutande e, ovviamente, sempre bagnato), a un certo punto si vedono un paio di tet… ehm seni nudi. Ebbene sì: il cavaliere alcolizzato, che deve raggiungere Fantaghirò e dirle che il re è in pericolo di vita solo per evitarle di spogliarsi, viene distratto a più riprese dalla Strega Bianca che prima si presenta come un viticoltore che gli offre del vino, poi come una vecchietta in cerca d’aiuto, ma il cavaliere ubriaco cede solo a una donna mezza nuda nel fiume, molto seducente e con addosso solo una specie di velo che, di fatto, fa vedere proprio tutto.

Ma anche tutti i primi piani di Romualdo e Tarabas e le scene con i due a torso nudo (per non parlare di certi dialoghi con Aries nella quinta serie) mi hanno fatto sospettare: ma il target di Fantaghirò qual era di preciso? Quello dei bambini dai 6-7 anni in su o quello dei cosiddetti young adult? Gli adolescenti? Le ragazzine dalla cotta facile e i ragazzini in piena tempesta ormonale?

La Strega Bianca ringiovanisce… e va in pensione

Strega Bianca

Tra Fantaghirò 1 e Fantaghirò 2 la Strega Bianca cambia. Non è più la brava Angela Molina che ci ha fatto sognare nella prima serie vestendo anche i panni del Cavaliere Bianco, ma l’attrice slovacca Katarina Kolajova di 12 anni più giovane. Insomma, in poche parole, tra la prima e la seconda serie ringiovanisce, ma nella terza Fulmine e Saetta dicono che è andata in pensione e che si è ritirata in campagna. È una specie di Benjamin Button.

Fantaghirò ha precorso i tempi?

Non sappiamo se i grandi produttori e sceneggiatori internazionali abbiano visto Fantaghirò, ma di certo nella serie italiana c’è un po’ di tutto e molte cose le abbiamo ritrovate dopo, magari più approfondite e sviluppate meglio.

Per esempio c’è la rivisitazione delle favole come in Once Upon a Time (da Tarabas/la bestia alla casetta di marzapane a Fantaghirò e Romualdo che si ritrovano sempre come i Charming), c’è anche un po’ di Bibbia (Tarabas sembra Erode quando fa rapire tutti i figli di re), e poi c’è l’Altrove, che non sarà il Sottosopra, ma il concetto è simile. Ci sono i triangoli amorosi alla Vampire Diaries (ma pure alla Jane the Virgin), ci sono i cattivi che diventano buoni o addirittura comici (Tarabas e la Strega Nera) come succede sempre più spesso nelle serie tv. Ci sono anche tanti richiami alla mitologia, alla simbologia e alla letteratura per bambini. E ricordiamoci che anche Xena – Principessa guerriera è successiva (dal 1995 al 2001) e i libri di Harry Potter venivano scritti in quegli anni. Purtroppo non guardo il Trono di Spade, ma mi dicono che anche lì c’è qualche elemento in comune.

I duelli di amore e odio di Fantaghirò con Romualdo, Tarabas e Aries sono un po’ come le lotte di Buffy con Spike e Angel. Inoltre, possiamo dire che Fantaghirò 5 ha un “lieto fine brutto” come How I Met Your Mother e che le memosughe sono una roba alla Eternal Sunshine of The Spotless Mind.

Ah… Chioma d’Oro è chiaramente l’antenato di Ciuchino!
Insomma, in Fantaghirò si possono vedere tanti semini che sono diventati piante in altre serie/film nate molti anni dopo.

Attori che cambiano ed effetti speciali

Carolina e Saetta

Rivedere Fantaghirò tutta d’un fiato ti fa notare i cambi di attori di cui non ti eri accorta da piccola. Abbiamo già parlato della Strega Bianca, ma anche Caterina, la sorella mora, cambia tra la prima e la seconda serie (da Ornella Marcucci a Barbora Kodetovà). Nella terza troviamo quella che c’era nella seconda, ma nella quarte, le due attrici che si vedono per un secondo sotto il vetro in cui è imprigionato il castello rimpicciolito di certo non sono quelle della serie precedente.
Invece Ivaldo e Cataldo, molto presenti nelle prime due serie, nella terza vengono nominati solo una volta, nella quarta neanche quello…

La bambina che nella prima serie interpreta la piccola e vanitosa Carolina è Lenka Kubálková, che nella seconda e terza serie viene “riciclata” nel ruolo di Saetta.

Per quanto riguarda gli effetti speciali, è davvero dura rivedere Fantaghirò dopo aver visto i vari Harry Potter, Avatar e compagnia. Soprattutto all’inizio di ogni puntata c’è un attimo di disorientamento per abituarsi a quella qualità, ma bisogna ricordare che risale a 26 anni fa. 26 anni. 26, porco Giuda. Lo devo ripetere perché ancora non me ne capacito.
Tuttavia vanno fatti i complimenti alle “creature” di Sergio Stivaletti, perché sarebbero ancora degne dei film di oggi.

Date un Oscar ad Amedeo Minghi

Vedere cinque serie di Fantaghirò una dopo l’altra ti fa amare le musiche di Amedeo Minghi neanche fossero quelle dei Beatles. Anzi, si crea una vera e propria dipendenza, tanto che non solo sono andata a cercarmi su Spotify l’album Il fantastico mondo di Fantaghirò, ma quando lo stesso Spotify, dopo che avevo ascoltato 5-6 volte di fila Mio nemico cantato da Rossana Casale, mi ha fatto partire I ricordi del cuore, non ho nemmeno avuto il coraggio di spegnere. Poi dopo sono dovuta ritornare in me sparandomi nelle orecchie la playlist di Guitar Hero…

Osservazioni sparse

Tarabas friendzone– Il trucco di Alessandra Martines è impeccabile. Ha sempre il rossetto perfetto, in tutte le situazioni, e ogni tanto cambia colore. Per esempio nella prima puntata della quarta serie, quando mette Tarabas nella friend zone con il discorso sul vero amico, il rossetto è più scuro e provocante rispetto al solito.

– Il corpetto di Xellesia/Ursula Andress è strettissimo: come faceva a respirare?!?

– Le controfigure non sono fisicamente per niente simili agli originali. Nelle scene dei duelli si vede benissimo che gli attori cambiano e spesso anche nelle scene al galoppo.

Brigitte Nielsen è davvero brava nel suo ruolo. A me piace e non me lo aspettavo. Anche se quando ride le si vedono tutte le otturazioni e se nella seconda serie ha lunghi capelli rossi che spariscono nelle successive.

Berlusconi in Fantaghirò– La grande faccia di pietra con la bocca come unica via d’uscita dal regno di Darken sembra il volto di Silvio Berlusconi.

– In Fantaghirò 4 il giochetto di Darken va avanti troppo a lungo e annoia, a un certo punto Fantaghirò diventa il gatto di Schrödinger, viva o morta? Viva o morta? E il vecchio che la bacia? Bleah…

Il potere di streghe e maghi come funziona?!? Non si capisce: la Strega Bianca perde i poteri nel regno della Strega Nera, ma può rompere la promessa di Fantaghirò di non usare più la spada e fargliela arrivare a domicilio facendo anche un gran fumo. La Strega Nera quando è cattiva non ha poteri al di fuori del suo regno, ma quando diventa buona funzionano anche nell’ex regno di Tarabas, anche se trasforma tutto in fiori. Invece Tarabas non usa la sua magia per quasi tutta la quarta serie, eccetto quando deve guarire velocemente da una ferita mortale. Inoltre, mentre la Strega Nera e Tarabas non invecchiano, Xellesia e Darken sì. Perché?

– Anche il bacio di Tarabas non si è capito bene quando lo trasforma in bestia e quando no: in Fantaghirò 3 quando bacia la principessa la prima volta diventa una bestia, la seconda no, poi la ribacia in Fantaghirò 4 e si imbestialisce di nuovo, mentre quando bacia Smeralda e Angelica non succede nulla.

– Ah, a proposito di Angelica: è una fangirl. Da bambina la odiavo, da adulta… la capisco. Anzi, forse è uno dei personaggi più interessanti, perché non è ipocrita e non è buonista come Fantaghirò, ma è umana e “normale”.

Senzanome è una sorta di Capitan Uncino, senza uncino, ma con l’artrosi.

Aries è colui che, teoricamente, conquista definitivamente il cuore di Fantaghirò. Ha gli occhi chiari come Romualdo, i capelli lunghi come Tarabas e neanche metà del loro charme. Non è un principe, ma un furfantello sciupafemmine e, anche se ricorda tanto Trinità, non regge il confronto con i suoi predecessori e non è sexy neanche bagnato anche se è chiaramente il sosia di Raoul Bova. La domanda quindi è solo una: perché? Perché? PERCHÉ?!?

– Resta un ultimo, grande interrogativo: ma Fantaghirò e Romualdo hanno mai “quagliato”? Nella seconda serie vengono interrotti durante il matrimonio e quando la Strega Nera si traveste da Fantaghirò per baciare e stregare Romualdo gli dice esplicitamente che non hanno mai passato la notte insieme e lui non nega. Dopo non se ne parla più e di fatto non si sposano mai. Le sorelle, invece, fanno in fretta: nella prima serie si innamorano a prima vista Caterina di Cataldo e Carolina di Ivaldo, nella seconda sono incinte e nella terza hanno i bambini piccoli. Tra Fantaghirò e Romualdo tante parole d’amore, ma fatti?

Fantaghirò 5 non ci voleva. O si faceva la 6 o ci si fermava alla 4. Punto.

P.S.
Forse i fan più accaniti di me sanno rispondere a qualcuno degli interrogativi che mi sono posta, i commenti sono sempre benvoluti, anche da chi vuole provare a convincermi che quello di Fatanghirò 5 non è il cliffhanger più brutto della storia della tv.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*