Frasi culTV: Vanessa Incontrada-Gigi D’Alessio, Pupo, Simona Ventura, Paolo Bonolis, Vittoria Puccini

Ecco le dichiarazioni cult sulla televisione rilasciate a quotidiani o settimanali da personaggi dello spettacolo e/o addetti ai lavori.

Dichiarazioni tv 17-23 novembre 2019

Vittoria Puccini (attrice protagonista de Il processo, in onda dal 29 novembre il venerdì alle 21.30 su Canale 5): “Elena Guerra (è un pubblico ministero, ndr) è una donna dura, che crede nella giustizia e nel lavoro. E per il lavoro ha sacrificato la sua vita privata. La serie inizia con il suo matrimonio in crisi, il marito le dà un aut aut: o ti prendi una pausa per passare del tempo insieme a ricucire il nostro rapporto, oppure ti lascio. Lei accetta, perché ama suo marito e non vuole perderlo, ma inaspettatamente le viene assegnato il caso di una ragazza uccisa e non riesce a non occuparsene, anche perché scopre di essere intimamente legata alla giovane vittima” (da Tv Sorrisi e Canzoni del 19 novembre).

Vanessa Incontrada (conduttrice di 20 anni che siamo italiani, in onda dal 29 novembre il venerdì alle 21.30 su Rai1): “Nelle tre serate racconteremo cosa è successo in questi ultimi 20 anni a noi, cosa è successo nel mondo, i cambiamenti che ci sono stati in Italia, nelle nostre vite, e li racconteremo con tanti amici che verranno a trovarci” (da Tv Sorrisi e Canzoni del 19 novembre).

Gigi D’Alessio (conduttore di 20 anni che siamo italiani, in onda dal 29 novembre il venerdì alle 21.30 su Rai1): “Il programma è una festa popolare. Sarà un varietà con musica, spettacolo e tanta emozione. Faremo ridere, piangere e anche riflettere. Perché io e Vanessa nella vita siamo fatti così e in scena porteremo le nostre vite” (da Tv Sorrisi e Canzoni del 19 novembre).

Paolo Bonolis (conduttore): “Uan è stato il compagno di viaggio del mio primo grande successo tv. Dopo i primi due giorni non era solo un pupazzo. Io e Giancarlo Muratori, prima voce di Uan e autore con me di Bim bum bam, scrivevamo un canovaccio ma alla fine parlavamo senza filtri. E non tenevamo un cecio in bocca. Volevamo parlare ai bambini senza moine e birignao. Era uno spazio che stava rivoluzionando il mondo di fare tv, in quel periodo più del 40% dei televisori erano accesi per guardarci” (da Tv Sorrisi e Canzoni del 19 novembre).

Vincenzo Mollica (giornalista del Tg1): “La mia versione-pupazzo a Viva RaiPlay nasce dal genio di Fiorello, io mi sono limitato a dargli la mia voce con gioia. Esagero i toni e faccio un po’ la parodia di me stesso. Le battute sono tutta farina di Rosario, trovo i suoi messaggini WhatsApp con le frasi da recitare, poi le registro negli studi di Saxa Rubra e lui si ‘sincronizza’ col pupazzo come fosse in un cartone animato. A Sanremo 2020 anche se andrò in pensione a gennaio? Stiamo lavorando a una soluzione e penso proprio che ci sarò, del resto mi piacerebbe, sarebbe il mio 39° Festival” (da Tv Sorrisi e Canzoni del 19 novembre).

Pupo (opinionista del Grande Fratello Vip, in onda dal 7 gennaio su Canale 5): “Mi hanno offerto tutti i reality. Probabilmente mi considerano un personaggio in grado di movimentare le situazioni. Ma per me un artista che si chiude dentro una casa sminuisce le proprie peculiarità. Non voglio offendere nessuno, ci sono personaggi che con i reality ci campano perché sono bravi ad apparire. Il mondo dello spettacolo ha aperto le porte a tutti e oggi lo showbusiness chiede di essere bravo a rappresentare il volto della società ‘usa e getta’ in cui viviamo. Farò il concorrente solo se non avrò da mangiare per i miei figli. Mi proposero 250 milioni di lire per fare Music farm quando avevo veramente bisogno di soldi, ma non mi vedevo con altri vecchietti a cercare il successo perduto. Per questo ho rifiutato di fare il giudice a Ora o mai più perché prometteva una cosa che non poteva mantenere, cioè riportare al successo dei cantanti disperati che al massimo faranno più serate nelle piazze, ma il successo non te lo può garantire nessuno. A La fattoria mi avevano chiamato come concorrente e ho risposto: ‘Sono un cantante e un conduttore, se mi date mezzo milione di euro faccio il concorrente, ma se mi fate fare l’inviato chiedo solo il rimborso spese’. Una settimana prima che partisse il programma mi hanno chiamato: ‘È stata accettata la tua follia’. Nel 2005 conducevo Affari tuoi su Rai1? I direttori di rete che sono venuti dopo Del Noce, vale a dire Mazza, Leone e Fabiano, non mi hanno calcolato o avevano altri interessi. Esperienza ad Agon Channel? Inventai un quiz sulla musica che ogni sera metteva in palio 100mila euro. Il proprietario mi disse: ‘Mi raccomando, non farli vincere, altrimenti chiudiamo’. E così, in 80 puntate, riuscii a far vincere premi per un totale di 77mila euro. Ancora oggi i vincitori non sono stati pagati e io non ho ricevuto tutti i soldi che mi erano stati promessi nel contratto, mi mancano 100mila euro: se mi arrivano li devolvo ai vincitori del gioco. Voglio morire il giorno in cui mi arriveranno quei 100mila” (da Chi del 20 novembre).

Simona Ventura (conduttrice di Settimana Ventura, in onda la domenica alle 11.55 su Rai2): “La trasmissione cambia titolo e ci saranno alcune belle novità nel format. Abbiamo fatto un punto e mezzo in più di ascolti, stiamo crescendo piano piano, come ogni nuovo programma. Tra l’altro la trasmissione si è sempre fermata quando non c’è il campionato, non è una novità. Va tutto bene e dal 24 novembre ci rivedremo su Rai2. Sono soddisfatta del lavoro” (da Oggi del 21 novembre).

Riccardo Rossi (conduttore di Battute?, in onda in seconda serata su Rai2): “Siamo molto soddisfatti per il prolungamento di una settimana ma soprattutto ci ha fatto piacere la fiducia che ci hanno voluto accordare proponendoci la prima serata di sabato 30 in sostituzione del Tg2 Post. Una seconda edizione? So che ne stanno parlando, dovrebbe iniziare entro la prossima stagione che va da gennaio a maggio, ma veramente non ho notizie aggiornate su questo. Fare da traino al Tg2? Perché no? In contemporanea sulle due reti ammiraglia Rai e Mediaset ci sarebbero i Tg, da noi si potrebbero fare due risate, un commento ironico al Tg3 e un’anticipazione del Tg2” (da Repubblica del 22 novembre).

Lino Guanciale (attore): “La fiction italiana sta diventando un prodotto sempre più di eccellenza, per scrittura e regia. È il caso di Il Commissario Ricciardi: un autore forte e un personaggio potentissimo. Ricciardi è un uomo misterioso che ha un rapporto sentimentale con la morte: sente gli ultimi momenti di vita delle vittime, qualcosa che ha a che fare con la sua vicenda biografica, un dono ma anche una maledizione. È un sociopatico, un uomo chiuso oltre ogni ragionevole limite. L’opposto dei personaggi tv che ho interpretato finora, ma l’empatia la trova col pubblico, l’unico a condividere con lui il suo segreto” (da Il Venerdì di Repubblica del 22 novembre).

Stefania Sandrelli (attrice): “Non ho più lavorato per il piccolo schermo da quando facevo parte del cast di Una grande famiglia, una serie formata da tre stagioni trasmesse da Rai1 fino a qualche anno fa. E aggiungo che non mi dispiacerebbe tornare in televisione proprio con quella serie, visto che si tratta di un progetto in cui ogni attore aveva cercato di dare il proprio meglio. Lo farei anche per le tante persone che, ancora oggi, mi fermano per strada per chiedermi se e quando quella fiction tornerà in onda, visto che alla base della trama ci sarebbe un mistero da svelare. E, francamente, non capisco perché non sia ancora stato svelato” (da Il Giornale del 23 novembre).

About Fabio Traversa 83 Articles
Fabio Traversa nasce a Bari l'11/01/1981 e, dopo alcuni mesi di vagiti e poppate, i suoi genitori si rendono conto che non riesce a fare a meno della lettura giornaliera di quotidiani, riviste, libri. Deve assolutamente essere a conoscenza dell'ultim'ora di cronaca, dei risultati di calcio e delle notizie sul panorama televisivo. E così al percorso scolastico (diploma al liceo classico e laurea in Giurisprudenza) si affianca il contatto diretto con il mondo del giornalismo (è pubblicista dal 21 ottobre 2003). Oltre a essere stato collaboratore di alcuni quotidiani locali o addetto stampa di enti pubblici o partiti ha curato (per oltre 10 anni) Reality&Show, fiore all'occhiello della blogosfera nella sezione spettacoli, e ha scritto per Tvblog.it, Soundsblog.it e GossipeTv.com. Da gennaio 2018 è autore su AltroSpettacolo.it.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*