Frasi culTV: Mara Venier, Piero Chiambretti, Elisa Isoardi, Il Volo, conduttori di Uno mattina estate

Ecco le dichiarazioni cult sulla televisione rilasciate a quotidiani o settimanali da personaggi dello spettacolo e/o addetti ai lavori.

Dichiarazioni tv 23-29 giugno 2019

Mara Venier (conduttrice): “Posso dire che non ho mai avuto tante offerte di lavoro come in questo momento. Successo di Domenica In? Veramente pensavo fosse un passo azzardato e avevo una paura pazzesca soprattutto perché avevo una competitor molto forte. Poi, rispetto ad altre edizioni del programma, questa volta c’ero io, io sola, Mara. Era una partita difficile, mi hanno seguito e appoggiata Angelo Teodoli e Teresa De Santis, posso dire che questa Rai mi ha lasciato piena libertà. Credo che abbiamo fatto una bella tv, come la chiedono le famiglie italiane oggi, un programma con cuore e sentimenti, di riflessione, ma anche elegante. A Mediaset, grazie all’amicizia con Maria De Filippi, mi ero divertita, avevo un mio pubblico giovane che mi ha seguito in Rai come in una ondata di amore” (da Il Mattino del 23 giugno).
“Ero stata rottamata. Anna Maria Tarantola e Giancarlo Leone, rispettivamente presidente e direttore di rete, semplicemente ritenevano non fossi più in linea con il programma che loro volevano. Avevano fatto altre scelte, mi sta. Mi è dispiaciuto il modo, avrei gradito più eleganza. Eravamo rimasti che ci saremmo visti per il contratto, poi l’agente mi ha detto che ero fuori. E io per vent’anni avevo dato l’anima alla Rai. Pamela Prati? Durante l’intervista avevo capito che qualcosa non andava. Il giorno dopo mi chiama Roberto D’Agostino e mi dice che è tutta una bufala. Poco dopo a chiamarmi è l’ex fidanzato della Prati e anche lui mi dice che era tutto falso. Era partito un circo dal quale volevo rimanere fuori. Mi ha cercata e voleva tornare, piangeva ‘sono innocente’. Una gran tristezza. Mi è dispiaciuto per lei” (da La Stampa del 26 giugno).

Franca Leosini (conduttrice di Storie maledette, in onda il 30 giugno e il 2 luglio in prima serata su Rai3): “Il mio lessico non è ricercato. È diverso: io le parole le possiedo e le metto al servizio del racconto. Il talento è come l’erba: va coltivata e curata. Ho delle doti naturali che coltivo con la lettura: sono una lettrice onnivora, tranne che di gialli. Mi piace indagare il percorso psicologico, umano, ambientale che porta una persona a commettere un gesto da cui fino a quel momento era lontana. Persone di normale quotidianità che poi cadono nel vuoto e nell’orrore di un gesto che non gli somiglia. Le regole del mio lavoro? Tre. Inderogabili. Non anticipo mai le domande. Devo incontrare una volta i condannati per studiarne la prossemica e il passato, ma non prendo appunti davanti a loro. Valuto il tasso di sincerità, non strumentalizzo nessuno ma non mi faccio strumentalizzare: se ho la sensazione che succeda, lascio perdere” (dal Corriere della Sera del 24 giugno).

Valentina Bisti (conduttrice di Uno Mattina estate, in onda dal lunedì al venerdì alle 7.10 su Rai1): “Sono più serena perché credo che sia l’ultimo anno. Penso che se dopo la fine di questa terza esperienza non arriverà una proposta in un’altra fascia oraria sempre sul versante dell’infotainment, me ne tornerò al Tg1 che amo tantissimo. Comunque quest’anno la carica me la dà anche il nuovo conduttore al mio fianco, Roberto Poletti. Lui è stato una piacevole scoperta. Siamo talmente in sintonia che, qualche giorno fa, prima di andare in onda, ci ha preso la ridarella… Tra noi c’è una complicità giornalistica e caratteriale che speriamo duri tutta l’estate” (da Tv Sorrisi e Canzoni del 25 giugno).

Piero Chiambretti (conduttore): “#CR4-La repubblica delle donne sarà di nuovo in onda su Rete 4 in prima serata da ottobre ad aprile, Natale compreso. Squadra che vince non si cambia anche se, visto che amo cambiare, farò un programma che sembrerà uguale ma che, con piccole sorprese svelate poco alla volta, sarà diverso. Ringrazio Cairo per il corteggiamento, l’idea era stuzzicante perché dieci anni fa lasciai La7 per Mediaset e non mi sarebbe dispiaciuto fare altri dieci anni a La7, ma non potevo abbandonare un progetto che ha ancora un grande potenziale e un’azienda che mi ha dato tanto. I programmi della d’Urso esprimono il senso dei tempi, sono contemporanei come lei, Barbara usa quelle tecniche che sono più funzionali a chi guarda la tv condizionato dal linguaggio di Internet. Cristiano Malgioglio è passato dall’ambiguità all’ubiquità, agli amanti del malgioglismo dico che sarà presente anche la prossima stagione, ma dovrà pagare pegno: ho un’idea per avere un Malgioglio solo nostro” (da Chi del 26 giugno).

Elisa Isoardi (conduttrice): “La prova del cuoco? La televisione vive di numeri, quel mezzo punto in più o in meno di ascolti che facevo era ascrivibile solo a me. Avevamo avuto un mandato dai capi appena siamo partiti: ‘Discontinuità’. Molto più di una semplice parola d’ordine. Ma solo dando continuità si potevano apportare le modifiche che ci richiedevano: quando lo abbiamo capito abbiamo fatto una virata, tornando al format iniziale per introdurre piano piano piccoli cambiamenti. Il pubblico si doveva abituare a me, alla mia faccia, al mio modo di condurre: il tempo è galantuomo e i risultati poi sono arrivati. Mi piace il mio mestiere e, in questa fase in cui non vado in onda, ho il tempo per fare le cose con calma. Per pensare alla nuova scenografia, per scrivere il libro della Prova del cuoco, per riflettere sui cambiamenti da apportare nella prossima stagione: il tutto senza fretta” (da Oggi del 27 giugno).

Bianca Guaccero (conduttrice): “Il mio debutto a Detto fatto è andato alla grande, sono strafelice e di questo devo
ringraziare tutta la squadra che ha lavorato con me e il pubblico. Sono riuscita a dare la mia impronta al programma
senza stravolgerlo e l’anno prossimo faremo ancora meglio. Abbiamo lavorato sodo ma è talmente appagante questo mio nuovo mestiere di conduttrice che non mi è pesato e, anzi, posso dire di essermi divertita. La paura di non farcela è un ricordo lontano perché ora a Detto fatto mi sento a casa mia” (da Oggi del 27 giugno).

Elisabetta Gregoraci (conduttrice): “Sono tre anni che il palco di Battiti live mi regala un’energia pazzesca, e con
quella comincia la mia estate, che quest’anno sarà per lo più di lavoro. Provo un’emozione che cresce tappa dopo tappa. Il calore del pubblico mi travolge fino a lasciarmi quasi senza fiato: i ‘battiti’ scaldano il mio cuore e consentono a tutti noi, conduttori, artisti, staff e pubblico, in piazza e a casa, di vivere cinque splendide serate pensando solo a divertirci ascoltando ottima musica” (da Oggi del 27 giugno).

Il Volo (cantanti): “Sapevamo che partecipando a Sanremo andavano nella tana del leone, ma abbiamo rischiato. In dieci anni abbiamo affrontato tanti pregiudizi contro la musica che facciamo. Ma il fatto stesso che ad Amici abbia vinto Alberto Urso, un tenore, ci riempie d’orgoglio. Il nostro messaggio è passato, ce l’abbiamo fatta” (da Oggi del 27 giugno).

Roberto Poletti (conduttore di Uno mattina estate, in onda dal lunedì al venerdì alle 7.10 su Rai1): “Arriva il mostro sovranista, dicevano. Temevo che in azienda fossero un po’ prevenuti dopo la campagna di stampa contro di me. Invece siamo una squadra, io mi sento protetto, tutti danno il massimo e chi pensa che alla Rai sia pieno di gente che non fa niente non conosce la realtà. Quando si critica Viale Mazzini non si tiene conto che nel mucchio ci finiscono anche persone che lavorano duro” (da Repubblica del 28 giugno).

About Fabio Traversa 73 Articles
Fabio Traversa nasce a Bari l'11/01/1981 e, dopo alcuni mesi di vagiti e poppate, i suoi genitori si rendono conto che non riesce a fare a meno della lettura giornaliera di quotidiani, riviste, libri. Deve assolutamente essere a conoscenza dell'ultim'ora di cronaca, dei risultati di calcio e delle notizie sul panorama televisivo. E così al percorso scolastico (diploma al liceo classico e laurea in Giurisprudenza) si affianca il contatto diretto con il mondo del giornalismo (è pubblicista dal 21 ottobre 2003). Oltre a essere stato collaboratore di alcuni quotidiani locali o addetto stampa di enti pubblici o partiti ha curato (per oltre 10 anni) Reality&Show, fiore all'occhiello della blogosfera nella sezione spettacoli, e ha scritto per Tvblog.it, Soundsblog.it e GossipeTv.com. Da gennaio 2018 è autore su AltroSpettacolo.it.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*