Gli hacker hackerano i siti governativi in ​​Ucraina

KIEV, Ucraina – Gli hacker venerdì hanno violato diversi siti web del governo ucraino e hanno pubblicato un messaggio sul sito del ministero degli Esteri dicendo: “Temete e aspettatevi di peggio”. Questo è l’ultimo di una serie di attacchi informatici che prendono di mira il Paese nel bel mezzo del suo confronto con la Russia.

L’attacco di venerdì era una minaccia per il suo tempo Colloqui diplomatici Mirato a prevenire una minacciata invasione russa dell’Ucraina tra la Russia e l’Occidente. La notizia è stata pubblicata sul sito del ministero degli Esteri in ucraino, russo e polacco.

“A seguito del massiccio attacco informatico, i siti web del Ministero degli Affari Esteri e di diverse agenzie governative sono stati temporaneamente inattivi”, ha affermato il ministero in una nota. Rapporto.

Diplomatici e analisti prevedono un attacco informatico all’Ucraina, ma tali azioni sono difficili da dimostrare. La Russia non ha incolpato direttamente l’Ucraina per l’attacco, ma ha affermato che esiste una lunga storia di attacchi online russi contro l’Ucraina.

La mossa di postare la notizia in tre lingue sul sito della Farnesina è parsa un tentativo di chiarire l’origine e le motivazioni degli hacker e di sviare accuse e sospetti.

“Ucraini! Tutte le tue informazioni personali sono state caricate su Internet. ” “Tutti i dati sul sistema vengono cancellati. Tutte le informazioni su di te sono state rese pubbliche. Abbi paura, aspettati il ​​peggio. Ciò ha sollevato molte lamentele storiche tra Polonia e Ucraina.

L’attacco arriva poche ore dopo che i colloqui tra Russia e Stati Uniti e la NATO in Europa si sono conclusi questa settimana, volti a trovare una soluzione diplomatica dopo che la Russia ha mobilitato decine di migliaia di truppe vicino al confine con l’Ucraina. Mosca ha chiesto importanti concessioni di sicurezza, compreso l’impegno a non accettare l’Ucraina nell’alleanza NATO.

READ  Puoi iniziare a ordinare test Govt gratuiti mercoledì

Giovedì, funzionari russi hanno affermato che i colloqui non hanno prodotto risultati e un alto diplomatico ha affermato che si stavano avvicinando a un “punto morto”.

Il vice ministro degli Esteri russo Sergei A. Riabkov, dopo l’ultimo round di colloqui di giovedì, ha fatto riferimento a due bozze di accordi su questioni di sicurezza, affermando che “gli Stati Uniti ei loro alleati in realtà dicono ‘no’ agli elementi chiave di questi testi”. Che la Russia ha proposto alla NATO e agli Stati Uniti. “Questo è ciò che chiamiamo un vicolo cieco o qualche altro approccio”, ha detto. ha detto Ryapkov.

I siti web del governo ucraino sono interrotti dopo poche ore, secondo il ministero degli Esteri ucraino, che ha affermato che l’attacco informatico è avvenuto durante la notte da giovedì a venerdì.

Al mattino, l’hacking ha disabilitato la maggior parte dell’infrastruttura digitale pubblica del governo, inclusa Thea, la piattaforma più utilizzata per gestire i servizi governativi online. La versione dell’applicazione per smartphone del programma è ancora in esecuzione, secondo il quotidiano Ukrainska Pravda. Thea svolge un ruolo nella risposta dell’Ucraina al virus corona e nella promozione della vaccinazione.

L’attentatore ha colpito poco dopo mezzogiorno davanti a un raduno di siti web del governo e del ministero, inclusi i ministeri dell’energia, dello sport, dell’agricoltura, dei veterani e dell’ecologia. On line i siti del Presidente e del Ministero della Difesa.

Spesso possono volerci giorni o settimane per svelare i fili digitali di tali operazioni informatiche, che è uno degli appelli del loro utilizzo nei conflitti moderni. I sofisticati cyberdool sono diventati un ostacolo tra Israele e Iran e Donald J. Gli Stati Uniti hanno accusato la Russia di aver utilizzato l’hacking nelle elezioni del 2016 a vantaggio di Trump.

READ  Tesla richiama quasi mezzo milione di auto elettriche per motivi di sicurezza

L’Ucraina è stata a lungo vista come un banco di prova per le operazioni online russe come una sorta di zona di fuoco senza restrizioni per le armi informatiche in un paese già coinvolto in una guerra a fuoco nel mondo reale con i separatisti sostenuti dalla Russia in due province orientali. Il governo degli Stati Uniti ha identificato alcuni degli attacchi informatici più letali degli ultimi dieci anni alle operazioni russe in Ucraina.

Le tattiche viste per la prima volta in Ucraina sono poi apparse altrove. Lo spyware militare russo chiamato X-Agent o Sofacy è stato utilizzato durante le elezioni presidenziali del 2014 per hackerare la Commissione elettorale centrale dell’Ucraina, ad esempio. Successivamente è stato scoperto Sul server del Comitato Nazionale Democratico negli Stati Uniti dopo gli attacchi di hacking elettorale del 2016.

Altri tipi di malware, come BlackEnergy, Industroyer e KillDisk, mirano a distruggere i computer utilizzati per controllare i processi industriali, chiudere le sottostazioni elettriche in Ucraina nel 2015 e 2016, causando interruzioni di corrente nella capitale Kiev.

L’anno successivo, un attacco informatico contro le imprese e le agenzie governative ucraine, forse con noncuranza, si è diffuso in tutto il mondo. Rivista di filo In seguito è stato definito “l’attacco informatico più distruttivo della storia”. Gli esperti affermano che il malware, chiamato NotPetya, ha preso di mira un tipo di software fiscale ucraino, ma apparentemente fuori controllo.

READ  Il titolo Dow Jones Tesla ha affrontato una forte resistenza

L’attacco si è inizialmente concentrato sul conflitto tra Ucraina e Russia. L’assassinio di un ufficiale dell’intelligence militare ucraina in un attentato con un’autobomba a Kiev ha coinciso con l’avvio della politica dell’UE di concessione del visto – viaggi senza visto agli ucraini, un esempio del coordinamento della Russia con l’Occidente.

Ma NotPetya spiega i pericoli posti dagli attacchi informatici militari alle persone e alle aziende che si guadagnano da vivere online, anche se vivono lontano dalle aree di conflitto, con conseguenze catastrofiche, che si diffondono in tutto il mondo. Anche le società russe sono state colpite quando il malware ha iniziato a diffondersi in Russia.

Nel 2020, un gran giurì degli Stati Uniti a Pittsburgh ha incriminato sei ufficiali dell’intelligence militare russa per l’interruzione di corrente e l’attacco NotPetya, un caso giudiziario che mostra i costi della pubblicazione di malware di livello militare su Internet.

Il Accusa Citate tre società statunitensi: una controllata FedEx; Heritage Valley Health System, un team ospedaliero con sede in Pennsylvania; E una società farmaceutica non identificata: armi informatiche russe che inizialmente hanno causato danni per quasi 1 miliardo di dollari ai computer che operano in Ucraina. Si presume che il costo globale totale sia molto elevato

Maria Varenikova ha contribuito alla relazione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply