Gli scienziati stanno cercando i resti del “continente perduto” sulla Terra

Durante l’epoca dell’Eocene, che va da 55 milioni a 34 milioni di anni fa, l’Europa e l’Asia ospitavano vari tipi di mammiferi. Ma alla fine dell’Eocene, ci fu un cambiamento drammatico.

“Molti animali vissuti in Europa milioni di anni fa si sono estinti e stavano bene”, ha detto Baird. “Sono stati sostituiti da mammiferi che ovviamente non avevano antenati in Europa”.

Il ritrovamento di resti fossili di origini apparentemente inspiegabili indica che l’area ha subito nel tempo profondi cambiamenti paleobiologia.

“C’erano segni che stava succedendo qualcosa di veramente strano”, ha detto Baird. “Alcuni degli animali che vivevano nei Balcani semplicemente non esistono da nessun’altra parte. E poi i gruppi di animali che vivevano lì non vivevano insieme da nessun’altra parte”.

Gli scienziati hanno scoperto che per quasi 50 milioni di anni i Balcani sono esistiti come un continente insulare separato dai suoi vicini. La massa terrestre aveva una sua fauna unica, diversa da quelle che abitavano l’Europa e l’Asia.

Circa 40 milioni di anni fa, una combinazione di spostamenti tettonici, espansione della calotta glaciale e fluttuazioni del livello del mare unì i Balcani prima all’Asia e poi collegò il continente all’Europa meridionale, creando un gigantesco ponte terrestre attraverso la regione.

“In quel momento, il livello del mare è diminuito di 70 metri [about 230 feet]”È enorme”, ha affermato Alexis Licht, uno scienziato del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica, che ha guidato lo studio. “Questo evento da solo avrebbe creato molti ponti terrestri, che è l’ipotesi principale per spiegare il rapporto tra i Balcani e l’Europa”.

I fossili trovati in Turchia datati da 35 milioni a 38 milioni di anni fa suggeriscono anche che l’afflusso di mammiferi asiatici nell’Europa meridionale potrebbe essere avvenuto prima di quanto si pensasse, diversi milioni di anni prima dell’evento della Grande Estinzione, ha detto Licht. Tra i fossili turchi c’erano frammenti di mascella di Brontotheres, un grande mammifero simile a un rinoceronte morto alla fine dell’epoca dell’Eocene.

READ  Il bagliore radioattivo di Kilonova suggerisce un rapido collasso della rotazione tardiva delle stelle di neutroni nel buco nero.

“La posizione in Turchia ha contribuito a confermare e verificare la nostra ipotesi perché questo lasso di tempo si adatta a tutto il resto che abbiamo trovato nei Balcani”, ha detto Licht.

Ma mentre Balkantolia aiuta a tracciare un resoconto coerente della distribuzione dei mammiferi in tutta l’Eurasia, molte domande rimangono senza risposta. In primo luogo, non è ben compreso cosa abbia determinato gli spostamenti tettonici che all’epoca alterarono il livello del mare, causando la sommersione e la riesposizione di parti del continente perduto.

I ricercatori sperano anche di trovare fossili più antichi nell’area, risalenti a più di 50 milioni di anni fa, che potrebbero far luce sulla storia antica dei Balcani. Questi indizi potrebbero aiutare gli scienziati a capire come il gruppo di mammiferi del Continente Perduto sia arrivato lì in primo luogo.

“Abbiamo animali nei Balcani che vivono fianco a fianco e non coesistono da nessun’altra parte sulla Terra”, ha detto Baird. “Com’è successo? Come è stata assemblata questa strana e unica isola?”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply