Gli scienziati suggeriscono che il tirannosauro avesse tre specie, non solo “Rex”

WASHINGTON (Reuters) – Un gruppo di ricercatori ha ipotizzato che i dinosauri, il più famoso dinosauro e predatore apicale, includessero in realtà tre specie e non l’unico tirannosauro, in base alla disparità tra femori e denti tra dozzine. dai suoi fossili.

T. rex, che significa “re tiranno lucertola”, è stata l’unica specie del genere Tyrannosaurus che è stata riconosciuta da quando il dinosauro è stato descritto per la prima volta nel 1905. Il genere è un gruppo più ampio di organismi correlati rispetto alle specie.

Un team di tre ricercatori guidati dal paleontologo e paleontologo indipendente Gregory Ball ha affermato lunedì che le differenze individuate nell’esame di una trentina di fossili di tirannosauro giustificano l’identificazione di due specie aggiuntive: T. e T. Regina, che significa “tiranno regina della lucertola”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Dopo più di un secolo passato a mettere tutti gli esemplari in una specie senza esaminare attentamente il problema, la prima e unica analisi ha scoperto che la varianza nei tirannosauri superava gli standard dei dinosauri ed era distribuita nel tempo in un modo che suggeriva che la speciazione darwiniana si verificasse da (un specie) in due nuove specie prima di portare a L’eventuale estinzione dei dinosauri ha interrotto un’ulteriore evoluzione”, ha detto Paul.

Il tirannosauro vagava per il Nord America occidentale durante il periodo Cretaceo nel crepuscolo dell’era dei dinosauri prima che un asteroide colpisse la penisola messicana dello Yucatan 66 milioni di anni fa, spazzando via i dinosauri.

Ball e colleghi notano differenze nella tenacità del femore o del femore – alcuni più grandi, altri leggermente costruiti – e differenze nel numero di piccoli denti sulla punta della mascella inferiore tra i fossili esaminati.

READ  Il razzo che colpirà la luna non è di SpaceX

“È motivo di preoccupazione che questo sarebbe controverso a causa della statura attraente del T. rex, ma d’altra parte, lo studio non otterrebbe molta attenzione altrimenti”, ha detto Ball, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista. biologia evolutiva.

Paul aveva ragione sulla controversia. Alcuni paleontologi non coinvolti nello studio non erano d’accordo con le sue conclusioni.

“In definitiva, per me, questa differenza è molto lieve e non indica una significativa separazione biologica di specie distinte che possono essere identificate sulla base di differenze chiare, esplicite e coerenti”, ha affermato il paleontologo Steve Brusatte dell’Università di Edimburgo.

“È difficile individuare una specie, anche per gli animali oggi, e questi fossili non hanno prove genetiche in grado di verificare se ci sono davvero gruppi separati. Finché non vedo prove molto più forti, per me questi sono ancora T. rex”. Brusatte ha aggiunto: “Li chiamerò”.

Ball non ha escluso che le differenze tra individui o differenze tra tirannosauro maschio e femmina avessero un ruolo, ma lo ha descritto come improbabile.

Il tirannosauro aveva una testa massiccia e un’enorme forza del morso, camminava su gambe forti e aveva solo due dita braccia deboli. Forse il più grande dinosauro conosciuto era un esemplare chiamato Sue nel Field Museum di Chicago, che misurava 40-1/2 piedi (12,3 metri) di lunghezza e una lunghezza stimata di 9 tonnellate. Il nuovo studio conclude che Sue non è un T. rex ma piuttosto un T.

La scala delle differenze tra le tre specie di tirannosauro proposte, ha detto Ball, è simile alle differenze tra un leone – nome scientifico Panthera leo – e una tigre, nome scientifico Panthera tigris. I leoni e le tigri sono membri dello stesso genere di Panther, ma hanno abbastanza differenze da essere riconosciuti come specie separate.

READ  Nuove missioni Sun per aiutare la NASA a scoprire i "misteri della nostra stella"

Il paleontologo Thomas Carr del Carthage College nel Wisconsin, premiato nel 2020 Studia la differenza In T. rex, non ha trovato prove di più specie e non è stato anche d’accordo con il nuovo studio.

“Forse la cosa più schiacciante è il fatto che gli autori non sono stati in grado di attribuire molti teschi eccellenti a nessuna delle tre specie”, ha detto Carr. “Se i loro tipi sono validi, devono specificare più di due attributi: quasi ogni dettaglio, specialmente nell’intestazione, deve essere diverso”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting di Will Dunham; Montaggio di Rosalba O’Brien

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply