Gli scioperi dei camionisti iniziano a colpire gli stabilimenti automobilistici in tutto il paese

Come i domino caduti, le case automobilistiche di tutto il Nord America si stanno aggiungendo all’elenco delle fabbriche colpite dall’assedio dei camion, che ha interrotto il traffico su due delle rotte più trafficate che collegano gli Stati Uniti e il Canada.

Dopo aver sospeso la produzione nei suoi tre stabilimenti in Ontario, Toyota ha annunciato giovedì che una carenza di parti di produzione canadesi aveva colpito uno stabilimento di assemblaggio nel Kentucky. Ford e General Motors hanno sentito l’impatto su alcune delle loro operazioni. Sebbene la casa automobilistica Stellandis abbia ripreso le operazioni in uno stabilimento di assemblaggio a Windsor, Mike Cowell, CEO del suo marchio Ram, ha affermato in un’intervista che la situazione era “fluida” e potrebbe portare a nuovi tagli alla produzione.

“È un pasticcio”, ha affermato Carla Beilo, CEO dell’Automotive Research Center, o CAR, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro. “Quello che vediamo è che gli stabilimenti in Canada stanno davvero soffocando per primi. Poi, gli stabilimenti negli Stati Uniti che fanno affidamento su motori e trasmissioni saranno i prossimi a soffrire.

Problemi continui

Migliaia di camionisti sono scesi nella capitale, Ottawa, il mese scorso e hanno organizzato una protesta, sostenendo di essere stati mobilitati per la frustrazione per gli ordini canadesi di maschere e vaccini, che hanno paralizzato la città. All’inizio di questa settimana, hanno ampliato le loro proteste, muovendosi prima per bloccare l’Ambassador Bridge che collega Windsor, in Ontario, con Detroit.

Il ponte attraversa la terra più trafficata tra gli Stati Uniti e il Canada e gestisce quasi il 25% del commercio tra i due paesi. Questo è il percorso principale per i ricambi auto e i veicoli finiti, in particolare quelli prodotti negli stabilimenti di produzione dell’Ontario e del Michigan.

READ  Un impiegato di Taco Bell è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco da un uomo armato in un'auto aperta a South Los Angeles, LAPD

Le autorità canadesi stanno deviando il traffico verso gli altri due valichi di frontiera regionali. La metropolitana tra Windsor e Detroit può gestire solo veicoli leggeri. Quindi, i camion sono stati dirottati verso il ponte dell’acqua blu che collega Sarnia nella regione canadese con Port Huron nel Michigan. Ma i manifestanti si sono rapidamente mossi per costruire quel collegamento anche sul lato canadese.

Nonostante sia in grado di superare alcune lacune di traffico, il traffico scorre e striscia in una direzione, con i camion che impiegano più di quattro ore per viaggiare da Sarnia a Port Horn. Il piccolo traffico che può attraversare due ponti va dal Canada al lato statunitense.

Tra gli impianti finora colpiti dall’assedio, il danno sul versante canadese è stato il più grave:

  • Stellandis – creata dalla fusione di Fiat Chrysler e Gruppo PSA lo scorso anno – ha chiuso brevemente lo stabilimento di minivan Chrysler Pacifica a Windsor. Ma ora è stato riportato indietro.
  • Ford ritirò presto la produzione da un’importante catena di montaggio di SUV a Oakville, in Ontario, e da uno stabilimento di motori a Windsor.
  • La Toyota continua a chiudere tre stabilimenti dell’Ontario “per tutta la settimana, e poi è TBD”, ha detto in un’intervista il portavoce capo Scott Vazin. Gli stabilimenti di Cambridge e Woodstock, in Ontario, producono versioni regolari e ibride del SUV RAV4, la linea di modelli Toyota più venduta, e del miglior prodotto Lexus, il SUV RX.
I manifestanti hanno bloccato la strada al valico di frontiera dell’Ambassador Bridge a Windsor, in Ontario, mercoledì.Jeff Robbins / AFP – Getty Images

Diffondere il caos

Giovedì, Toyota ha dichiarato in una dichiarazione che il suo stabilimento di assemblaggio nel Kentucky è stato recentemente colpito da problemi legati all’assedio dell’Ambassador Bridge. Prevediamo interruzioni durante il fine settimana e apporteremo le modifiche necessarie.

READ  Gli investitori sono volatili mentre l'Occidente si muove per disconnettere la Russia da Swift

Le carenze nello stabilimento General Motors di Lansing, nel Michigan, hanno già forzato i tagli alla produzione. Cresce la preoccupazione che un rallentamento della produzione nello stabilimento di motori Ford di Windsor possa presto farsi sentire in Kentucky e Ohio. Gli stabilimenti in quegli stati assemblano pickup Ford Super Duty ad alto profitto che utilizzano motori prodotti in inverno.

“Non c’è dubbio che avrà un impatto negativo e peggiorerà se durerà”, ha affermato Matt Blunt, presidente dell’Automotive Policy Council degli Stati Uniti ed ex governatore del Missouri. L’assedio “sta colpendo la produzione… una situazione che deve essere risolta chiaramente. Apprezziamo che il governo degli Stati Uniti stia facendo tutto il possibile per facilitare il più possibile il commercio, ma ha bisogno che le autorità canadesi affrontino la rivolta e riaprano ponti e traffico corsie.”

Separatamente, la portavoce della Casa Bianca Jennifer Zackie ha detto che il presidente Joe Biden “si concentra su questo e stiamo lavorando a stretto contatto con il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti e il governo canadese per trovare modi per porre fine all’assedio o aggirarlo”.

Problemi infettivi

I due ponti che collegano Michigan e Ontario trasportano merci per un valore di circa 100 miliardi di dollari all’anno.

In modo che il traffico possa essere interrotto in qualsiasi momento. Ma ha dovuto fare i conti con due anni di tagli alla produzione coperti e una recessione causata dalla scarsità di semiconduttori, che ora è motivo di grande preoccupazione.

Non solo le case automobilistiche, ma anche gli acquirenti di veicoli stanno vivendo un caldo estremo. Jedi Power riporta che attualmente ci sono solo circa 1 milione di veicoli nei lotti dei concessionari statunitensi, rispetto ai 3 milioni stimati in questo periodo dell’anno. Pertanto, gli acquirenti non solo hanno difficoltà a trovare i nuovi veicoli che desiderano, ma devono anche affrontare l’aumento del costo dei nuovi veicoli. Secondo JD Power e altri servizi di sorveglianza, il prezzo medio della transazione per un nuovo veicolo alla fine del 2021 è salito a $ 47.000, più di $ 10.000 dall’inizio dell’epidemia.

READ  febbraio Notizie in diretta e risultati il ​​15, 2022

Il direttore delle vendite Bryson Collins ha affermato che ci sono solo una manciata di veicoli nel sobborgo di Ferdinand, un sobborgo al confine settentrionale di Detroit. Ora teme che la sua presenza possa ridursi ulteriormente a causa dell’assedio.

“Tutto quello che ho sentito è che mancano ancora due giorni prima che ci faccia male”, ha detto Collins.

Paradossalmente, il ritmo con cui ha colpito la crisi delle barriere è stato, in parte, colpa dell’industria. Negli ultimi decenni, le case automobilistiche sono passate a un sistema di produzione “snello”, chiamato produzione tempestiva. Mantengono un basso volume di inventario e, se possibile, consegnano parti e componenti sulla catena di montaggio poco prima che siano necessari. Questo lascia poco spazio all’errore.

“Lo abbiamo visto anche durante l’epidemia”, ha detto Beilo, aggiungendo che la carenza di manodopera nelle fabbriche di riserva ha costretto alcuni impianti di assemblaggio a ridurre o interrompere la produzione. “Ci saranno cambiamenti”, ha aggiunto. In alcuni casi, i produttori potrebbero dover riprendere il magazzino. E sono più propensi a cercare doppie fonti di componenti. Se un fornitore cade, si rivolgerà a un altro per colmare il divario.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply