Gli Stati Uniti hanno proposto alla Turchia di trasferire un sistema missilistico di fabbricazione russa in Ucraina

WASHINGTON (Reuters) – Gli Stati Uniti hanno informalmente sollevato con la Turchia la possibilità di inviare sistemi di difesa missilistica S-400 di fabbricazione russa in Ucraina per aiutarla a combattere le forze d’invasione russe, hanno affermato tre fonti che hanno familiarità con la questione.

Le fonti hanno detto a Reuters che i funzionari statunitensi hanno presentato la proposta alle loro controparti turche il mese scorso, ma non è stata avanzata alcuna richiesta specifica o ufficiale. È stato anche sollevato brevemente, hanno detto, durante la visita del vicesegretario di Stato Wendy Sherman in Turchia all’inizio di questo mese.

L’amministrazione Biden ha chiesto agli alleati che utilizzano apparecchiature e sistemi di fabbricazione russa, incluso l’S-300S-400, di considerare di spostarli in Ucraina mentre cerca di respingere l’invasione russa iniziata il 24 febbraio. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’idea, che secondo gli analisti sarebbe stata quasi certamente respinta dalla Turchia, faceva parte di una discussione più ampia tra Sherman e funzionari turchi su come gli Stati Uniti ei loro alleati potrebbero fare di più per sostenere l’Ucraina e come migliorare le relazioni bilaterali.

Le autorità turche non hanno commentato alcuna proposta o proposta degli Stati Uniti in merito al trasferimento dei sistemi S-400 di Ankara in Ucraina, che è stato un punto di contesa di lunga data tra i due alleati della NATO.

Non è stato possibile raggiungere i funzionari del ministero degli Esteri turco per un commento.

Fonti e analisti turchi hanno affermato che qualsiasi proposta del genere non sarebbe un inizio per la Turchia, citando questioni che vanno dagli ostacoli tecnici relativi all’installazione e al funzionamento dei missili S-400 in Ucraina, a preoccupazioni politiche come la reazione che probabilmente Ankara dovrà affrontare da Mosca.

READ  L'attacco mortale degli squali in Australia costringe le spiagge di Sydney a chiudere

Washington ha chiesto ripetutamente ad Ankara di demolire le batterie di missili terra-aria di fabbricazione russa sin dalla prima spedizione arrivata nel luglio 2019. Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a un’industria della difesa turca e rimosso dall’F-35 la Turchia, membro della NATO. Di conseguenza, il programma dell’aereo da caccia.

Ankara ha detto che doveva scegliere gli S-400 perché gli alleati non avevano fornito armi a condizioni soddisfacenti.

I funzionari statunitensi sono desiderosi di cogliere l’attimo per riportare la Turchia nell’orbita di Washington. Fonti statunitensi e turche hanno affermato che gli sforzi per trovare modi “creativi” per migliorare le relazioni tese sono accelerati nelle ultime settimane, sebbene nessuna proposta specifica stia ancora guadagnando slancio.

“Penso che tutti sappiano che l’S-400 è stato un problema di vecchia data e forse questo è un momento in cui possiamo trovare un nuovo modo per risolvere questo problema”, ha detto Sherman alla TV turca Haberturk in un’intervista il 5 marzo.

Non era chiaro cosa intendesse esattamente e il Dipartimento di Stato non ha risposto alle domande sui suoi commenti. La Casa Bianca non ha risposto a una richiesta di commento sulla proposta avanzata durante la sua visita in Turchia.

Questo sforzo fa anche parte di uno sforzo più ampio dell’amministrazione Biden per rispondere alla richiesta di aiuto del presidente ucraino Volodymyr Zelensky per proteggere i cieli dell’Ucraina. I sistemi di difesa aerea russi o sovietici come gli S-300 posseduti da altri alleati della NATO e gli S-400 sono ricercati.

Una fonte che ha familiarità con il pensiero statunitense ha affermato che la quotazione di Washington su questa possibilità è stata il risultato di rinnovati sforzi per migliorare le relazioni in un momento in cui Ankara era inorridita dall’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Veterano cameraman e giornalista ucraino ucciso vicino a Kiev mentre copriva Fox News

Un’altra fonte a conoscenza delle discussioni ha affermato che il presidente turco Erdogan non ha ricevuto avvisi specifici dal presidente russo Vladimir Putin sui suoi piani per lanciare un attacco su larga scala contro l’Ucraina.

La Turchia condivide un confine marittimo con l’Ucraina e la Russia nel Mar Nero e ha buone relazioni con entrambe. Ha detto che l’invasione era inaccettabile e ha espresso sostegno all’Ucraina, ma si è anche opposta alle sanzioni contro Mosca e si è offerta di mediare.

Gli analisti affermano che Ankara ha elaborato la sua retorica con cura per non offendere Mosca, con la quale ha stretti legami energetici, di difesa e turistici. Ma Ankara ha anche venduto droni militari a Kiev e ha firmato un accordo per co-produrre altri, facendo arrabbiare il Cremlino. La Turchia si oppone anche alle politiche russe in Siria e Libia, nonché all’annessione della Crimea nel 2014.

“La Turchia è stata in grado di camminare sul filo di una lama di rasoio e il trasferimento del sistema russo S-400 porterebbe quasi certamente a un’intensa rabbia russa”, ha affermato Aaron Stein, direttore della ricerca presso la Foreign Policy Research di Filadelfia. Istituto. E per Erdogan, l’S-400 è diventato un simbolo della sovranità turca, quindi a venderlo non saranno solo rose e fiori.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Coprendo Humaira Pamuk). Segnalazioni aggiuntive di Phil Stewart e Steve Holland. Montaggio di Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply