I fan stanno lottando per far uscire Novak Djokovic dal suo hotel. Dentro, i rifugiati si chiedono se se ne andranno mai

“Soldi GRATIS [sic], “Leggi la firma di un avversario intrappolato su una racchetta da tennis.” Lascia che Novak giochi.

Il tennis è stato informato in una lettera all’Australia fino a novembre 2021 che i giocatori che non sono stati vaccinati contro l’ultima infezione da Govt-19 non potranno entrare nel paese in base alle linee guida sulla salute pubblica, ha detto Morrison ai giornalisti giovedì.

La squadra legale di Djokovic ha vinto un’ingiunzione di emergenza contro la decisione, ma non è chiaro se l’attuale campione di singolare maschile dell’Australian Open sarà in grado di competere nel torneo, che inizierà il 17 gennaio.

I documenti del tribunale rilasciati sabato dal Circuito Federale d’Australia lo mostrano A Djokovic è stata concessa un’esenzione medica per competere Dopo il test positivo al Covit-19 di dicembre. I suoi avvocati hanno presentato ricorso per la revoca del visto e non hanno voluto commentare davanti alla sua udienza in tribunale lunedì.
La gente ha affisso cartelli fuori dal Park Hotel dove il 20 volte campione del Grande Slam Novak Djokovic si trova a Melbourne il 7 gennaio 2022.
Il caso di Djokovic è tutt’altro che concluso Una questione di visto personale. Ciò ha provocato la rabbia delle persone che si sentivano ricche e potenti che potevano facilmente cavalcare quando si trattava delle rigide regole del Code-19 dell’Australia, che hanno visto le famiglie separate per anni, ma ha anche fatto arrabbiare Waxexers che credono che i controlli del virus corona stiano invadendo. I loro diritti civili. Ciò ha causato preoccupazione nella comunità serba in Australia, con alcuni che affermano che Djokovic è stato preso di mira ingiustamente.

Ma la situazione di Djokovic ha anche messo in luce la difficile situazione dei richiedenti asilo in Australia. La star del tennis alla fine sarà autorizzata a partecipare al torneo o sarà costretta a lasciare il paese, mentre altri prigionieri nella stessa struttura saranno trattenuti per anni, rischiando la detenzione a tempo indeterminato secondo le rigide regole sull’immigrazione dell’Australia.

Indignazione diffusa

Quando decine di manifestanti di diversi gruppi dello spettro politico si sono radunati davanti al Park Hotel venerdì, c’era una cosa che li univa: la spinta all’indipendenza.

Alcuni appartenevano a gruppi culturali serbi, cantando e sventolando la bandiera dei Balcani, e la detenzione di Djokovic era considerata una grave ingiustizia per una delle più grandi star dello sport del mondo.

“Non so perché dovrebbe essere rinchiuso in un centro di detenzione”, ha detto Tara, una tennista serbo-australiana di 17 anni il cui cognome non è stato menzionato. “Ognuno ha la libertà di scegliere, se vaccinato o meno”.

READ  Studi preliminari suggeriscono che se infettati da Omigran, il rischio di essere ricoverati all'ospedale Kovit-19 è inferiore rispetto a Delta.

Djokovic, che ha vinto 20 titoli del Grande Slam maschile con Roger Federer e Rafael Nadal, non ha dichiarato pubblicamente il suo stato di vaccino, ma nell’aprile 2020 ha espresso la sua opposizione ai vaccini Kovit-19 e agli ordini di vaccinazione.

Vista generale del centro di detenzione governativo, il Park Hotel.

Altri hanno usato la difficile situazione di Djokovic come un’opportunità per criticare come gli ordini di vaccinazione abbiano ridotto le libertà civili.

Una donna – che ha dato il nome di Matty solo per motivi di privacy – ha detto che non avrebbe assistito agli Australian Open se Djokovic fosse andato a casa.

“Vado ogni anno – non posso a causa degli ordini di vaccinazione quest’anno”, ha detto Matty, aggiungendo che non è stato vaccinato.

Un altro uomo mascherato che si è rifiutato di parlare con la CNN ha alzato una bacheca in cui dichiarava Djokovic un “ostaggio dello stato comunista”.

Ma altri hanno rivolto la loro attenzione a circa 30 rifugiati rinchiusi nell’hotel.

Le autorità hanno arrestato un altro grande tennista per una questione di visto prima degli Australian Open

Precedentemente utilizzato dal governo australiano come struttura di isolamento Covit-19, l’hotel è un rifugiato e richiedente asilo da almeno un anno (APOD).

Quasi un decennio fa, l’Australia ha dichiarato che nessun richiedente asilo arrivato in barca sarebbe stato autorizzato a stabilirsi nel paese. Centinaia sono state detenute nei centri di lavorazione costieri per molti anni, anche se alcuni sono stati inviati in hotel in Australia a causa di problemi di salute.

I rifugiati ancora non credono nella libertà e le condizioni che detengono sono molto controverse. In piedi di fronte al Park Hotel, contrassegnato dalle parole “Liberateli”, l’insegnante 27enne Tom Hartman ha detto di essere venuto in aiuto dei rifugiati.

“Sono qui perché la solitudine e il dolore che questi uomini provano senza sapere quando verranno rilasciati è insopportabile per il testimone”, ha detto.

Sicurezza della polizia presso il centro di detenzione del governo.

Oscar Sterner, 25 anni, ha affermato di opporsi sia al sesso contro la ceretta che al modo in cui i detenuti sono detenuti, affermando che il vero problema è trattenere un visitatore non vaccinato in un hotel con rifugiati che necessitano di cure mediche.

READ  Best Buy ora vende console PS5 sul suo sito

“Djokovic è un milionario brutto, ha giustamente fatto arrabbiare molti in Australia”, ha detto. “Non può preoccuparsi di vaccinare per proteggere le persone che lo circondano”.

Cosa c’è dentro

“È molto sporco e il cibo è orribile.”

Anche la star del tennis americano John Isner ha twittato a sostegno di Djokovic dicendo che non era giusto tenerlo in hotel.

“Non c’è giustificazione per il trattamento che riceve. Ha seguito le regole ed è stato autorizzato ad entrare in Australia. Ora è detenuto contro la sua stessa volontà. È un grande peccato”.

Il ministro dell’Interno australiano Karen Andrews ha dichiarato venerdì che Djokovic “non è stato tenuto prigioniero” e che potrebbe lasciare il Paese se lo desidera.

“È libero di andarsene quando vuole e la Border Force lo renderà davvero facile”, ha detto Andrews al Broadcasting ABC. “È responsabilità dei singoli viaggiatori assicurarsi di avere tutti i documenti necessari per entrare in Australia”.

La legge australiana sull’immigrazione prevede un divieto di tre anni di rientro nel Paese a seguito della revoca del visto a determinate condizioni, ma non è chiaro se Djokovic dovrà affrontare tale sanzione.

In una dichiarazione di venerdì, la Professional Tennis Players’ Association ha affermato che Djokovic ha verificato il suo benessere.

“Con il massimo rispetto di tutte le opinioni personali sui vaccini, sia gli atleti vaccinati che quelli non vaccinati (con esenzione medica riconosciuta) dovrebbero avere la libertà di competere”, ha affermato l’associazione, co-fondata da Djokovic. “Continueremo a sostenere e difendere i nostri membri e tutti i giocatori in un modo che sia per loro accettabile”.

L'Australia ha promesso di non permettere mai a questi uomini di stabilirsi sul suo suolo.  Alcuni hanno appena ottenuto un visto

Secondo Allison Pattison, un avvocato per i diritti umani con quattro clienti all’interno del Park Hotel, i visitatori senza un visto valido per l’Australia vengono solitamente ammanettati e portati in un centro di detenzione per immigrati in un furgone non identificato con i vetri oscurati.

“È stato un atto incredibilmente traumatico e disumano”, ha detto.

Il video del Park Hotel condiviso con la CNN mostra i detenuti in stanze piccole con letti matrimoniali, TV e alcune sedie. I richiedenti asilo hanno accesso a una scala che conduce al tetto dove possono fumare. Non è chiaro se Djokovic rimarrà nella stessa posizione.

READ  'Disastro': 15 vittime di incendi piangono al servizio del Bronx

“È una finestra, non possiamo aprirla in nessun caso”, ha detto Adnan Soupani, uno dei detenuti, in un video girato per la CNN.

Sebbene l’hotel appaia pulito e ben tenuto nelle scene girate da Supani, in passato sono stati segnalati problemi. Secondo Pattison, la baia è esplosa nella struttura l’anno scorso e i detenuti hanno trovato vermi nel loro cibo.

Altri prigionieri

Per i 30 o più rifugiati rinchiusi in albergo, la luce dei media su Djokovic è difficile da digerire. Molti sono stati detenuti per anni, senza alcuna speranza di uscirne mai più.

Mehdi, a cui è stato chiesto di usare un solo nome per proteggere la sua famiglia, è scappato dall’Iran all’età di 15 anni ed è sotto custodia australiana da più di otto anni, con poche strutture educative o sanitarie.

Mehdi, che ha compiuto 24 anni venerdì, ha detto: “Ho scontato la mia pena”. “Stiamo soffrendo, siamo stanchi, siamo stanchi … sei in custodia a tempo indeterminato, il che significa che possono trattenerti finché possono, finché vogliono”.

I parenti Adnan Sufani e Mehdi avevano 15 anni quando sono fuggiti dall'Iran, ora ne hanno 24 e sono ancora sotto custodia dell'immigrazione.

Soupani ha detto che lui e i suoi compagni di reclusione erano seduti nelle loro stanze e molti di loro stavano assumendo antidepressivi. Il cugino di Sufyani Mehdi ha lasciato l’Iran quando aveva 15 anni. Sogna di dover camminare per strada o uscire a bere un caffè.

“È incredibile”, ha detto. “Penso che sia un sogno… viviamo nel 21° secolo, e in un paese che crede nella democrazia ci comportiamo ancora così con persone innocenti”.

Anche se non è chiaro se Djokovic potrà giocare al Melbourne Park questo mese, la star del tennis verrà espulsa dall’hotel.

L’ex calciatore della nazionale australiana Craig Foster, che ha discusso a nome dei richiedenti asilo, afferma di ritenere che almeno qualche beneficio possa derivare da questa situazione.

“In un certo senso, che siamo richiedenti asilo o rifugiati, o che siamo stati un atleta come Novak, nei documenti sul nostro visto, ovviamente, è positivo per il mondo vedere come si comporta l’Australia”, ha detto.

“Se non altro, speriamo che tutta questa storia imbarazzante metta gli australiani nella posizione di comprendere la difficile situazione di queste persone”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply