I fulmini finanziari si sono rivolti alla Russia mentre le compagnie assicurative escono, le azioni di Londra sono in stallo

  • La Borsa di Londra interrompe le negoziazioni dei GDR legati alla Russia
  • Gli assicuratori commerciali si ritirano dai rischi russi
  • Gli investitori continuano a vendere asset russi
  • Deutsche Bank testa il centro tecnologico russo

LONDRA (Reuters) – L’isolamento finanziario globale della Russia si è intensificato venerdì quando la Borsa di Londra ha sospeso le negoziazioni dei suoi ultimi titoli russi e alcuni assicuratori hanno ritirato la copertura dagli emittenti sull’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Banche, investitori e compagnie assicurative negli ultimi giorni hanno rafforzato questa pressione uscendo dagli investimenti in Russia e interrompendo la fornitura dei loro servizi.

La Borsa di Londra ha dichiarato di aver sospeso i GDR, che rappresentano azioni di una società straniera, per otto società russe, tra cui Magnet e Sistema, dopo aver congelato le negoziazioni in 28 società giovedì. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo stop commerciale arriva mentre Gran Bretagna, Unione Europea e Stati Uniti continuano a imporre sanzioni finanziarie alla Russia per impedire alle sue aziende di accedere ai mercati occidentali.

Gli assicuratori del credito commerciale, che forniscono una rete di sicurezza finanziaria per le esportazioni e le importazioni, si stanno tirando indietro dal coprire le imprese che esportano in Ucraina e Russia, hanno affermato fonti del settore, a rischio di sanzioni, richieste elevate o mancati pagamenti, in un altro spostamento nel cappio su Mosca . . Per saperne di più

Il passaggio al mercato globale di quasi 3 trilioni di dollari eserciterà maggiore pressione sull’economia russa già vacillante.

“La scorsa settimana, gli assicuratori del credito commerciale smetteranno temporaneamente di sostenere nuovi rischi per Ucraina e Russia”, ha affermato Nick Robson, leader globale nelle specialità di credito presso il broker assicurativo Marsh.

READ  Dow futures: Biden dice che Putin ha deciso di invadere l'Ucraina. 5 titoli che non fanno schifo

Sei funzionari hanno detto a Reuters che i funzionari dell’UE stavano anche valutando la possibilità di frenare l’influenza della Russia e l’accesso ai finanziamenti del Fondo monetario internazionale sulla scia dell’invasione. L2N2V71XO

Da parte sua, Washington continuerà ad adottare sanzioni multilaterali, [and] Ha preso di mira la ricchezza degli oligarchi russi come parte di una campagna di pressione”, ha scritto in una nota Isaac Boltansky, direttore della politica presso l’intermediazione BTIG.

Investitori fuori

L’assicuratore e gestore patrimoniale britannico Royal London è diventato l’ultimo investitore occidentale a dire che venderà i suoi asset russi il prima possibile, dopo una corsa di annunci simili negli ultimi giorni.

“Non possiamo comunque scambiare queste cose, ma il più rapidamente possibile intendiamo chiaramente disinvestire”, ha detto a Reuters Barry O’Dwyer, amministratore delegato di Royal London. Per saperne di più

L’amministratore delegato di un altro importante gruppo di investimento britannico, Schroders, ha dichiarato giovedì che le azioni e le obbligazioni russe sono ora “in un mondo totalmente non investibile”. Per saperne di più

Julius Baer, ​​gestore patrimoniale svizzero (BAER.S) Due fonti che hanno familiarità con le operazioni della banca hanno detto a Reuters che aveva interrotto i nuovi affari con i ricchi russi. Per saperne di più

Tuttavia, alcuni investitori si stanno accumulando in fondi legati alla Russia e vedono gli attuali livelli vacillanti come un potenziale punto di ingresso a basso costo per le attività russe. Per saperne di più

Banca tedesca (DBKGn.DE) Ha affermato che sta testando le sue operazioni in Russia, dove impiega circa 1.500 lavoratori in un importante hub tecnologico, poiché le banche con una grande presenza russa sono alle prese con le ricadute del loro crescente isolamento finanziario.

Segnalazioni aggiuntive di Caroline Cohn e Lawrence White Segnalazioni aggiuntive di Michelle Price, Tom Sims e Frank Sebelt a Francoforte Montaggio di Alexander Smith, Jonathan Otis e David Gregorio

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply