I leader dell’UE si incontrano a Versailles per discutere della guerra russa in Ucraina e delle sue ricadute economiche

La manifestazione arriva quasi due settimane dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato un’offensiva su vasta scala, l’inizio di quello che è diventato un brutale assalto su più fronti alle città e ai civili ucraini. Primi colloqui ad alto livello tra Ucraina e Russia dall’invasione Impossibile raggiungere un accordo Giovedì, il ministro degli Esteri ucraino ha affermato che il suo Paese non si “arrenderà” e la sua controparte russa ha messo in guardia l’Occidente dall’invio di più armi in Ucraina.

Il conflitto ha stravolto l’architettura della sicurezza europea, ma ha in gran parte unito il blocco, almeno per il momento. Ma mentre la guerra si trascina, l’UE dovrà affrontare domande difficili su quanto lontano sia disposta ad andare.

Motivati ​​dagli appelli urgenti del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, i paesi dell’Unione europea si sono rapidamente riuniti per colpire Putin con sanzioni “senza precedenti”. Per la prima volta, il blocco ha accettato di fornire e finanziare armi all’Ucraina. Ha anche deciso di offrire “protezione temporanea” agli ucraini in fuga dai combattimenti, un altro precedente.

“Putin pensava di invadere l’Ucraina, ma ha fallito”, ha detto giovedì il principale diplomatico dell’UE, Josep Borrell.

“Pensava che ci avrebbe diviso, ma ha fallito. Pensava che avrebbe indebolito le relazioni transatlantiche e ha fallito”, ha continuato Borrell. “Ora deve porre fine alla guerra”.

Ma i dettagli sono ancora in fase di elaborazione. L’Unione Europea ha aumentato il suo rinnovato impegno per la difesa, ad esempio, ma l’impegno di Borrell di inviare aerei da combattimento in Ucraina è fallito con poche spiegazioni.

READ  Il crescente isolamento dell'aviazione russa mentre gli aerei rimangono al loro posto

I leader dell’Unione europea si sono impegnati a sostenere gli ucraini, compresi quelli in fuga dal conflitto. Ai cittadini ucraini sarà offerta una “protezione temporanea” per un massimo di tre anni, potranno vivere e lavorare in uno qualsiasi dei 27 paesi dell’UE e avranno diritto a prestazioni scolastiche e sociali. Aggireranno anche il sistema di asilo che ha lasciato gran parte dell’Africa e del Medio Oriente nel limbo per anni.

Sebbene l’Europa appaia relativamente unita nella sua volontà di aiutare, i paesi dell’UE devono ancora capire come assorbire i quasi due milioni di persone fuggite dall’Ucraina in due settimane, Più milioni di altri che potrebbero seguire.

L’obiettivo principale ora è L’impatto economico delle sanzioni e di altre misure. Si prevede che la proposta dell’Unione europea di ridurre drasticamente, anche se non vietare, le importazioni di gas russe lascerà i paesi a lottare per assicurarsi forniture scarse e a litigare sulla condivisione degli oneri.

Il primo ministro lettone Krisjanis Karenz ha dichiarato giovedì che l’Unione europea dovrebbe fermare tutte le importazioni di energia dalla Russia per portare Putin al tavolo dei negoziati. “Abbiamo bisogno di sanzioni per fermare la guerra”, ha detto.

Il punto di vista contrasta con i paesi dell’Unione Europea, che si oppongono a tali misure. In una dichiarazione rilasciata prima del vertice, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha affermato che un divieto era fuori questione. “Abbiamo ancora bisogno di gas e petrolio dalla Russia”, afferma la dichiarazione.

L’elefante nella stanza tutto il tempo era l’appello urgente di Zelensky a unirsi alla gilda. In un recente discorso al Parlamento europeo, il leader ucraino ha pregato il blocco di consentire l’ingresso nel suo Paese. “Ora stiamo combattendo per la sopravvivenza”, ha detto in un discorso ipotetico. “Ma ci sforziamo anche di essere membri uguali dell’Europa”.

READ  La Banca centrale russa è presa di mira dalla Casa Bianca e dai suoi alleati

I legislatori e i funzionari europei hanno ricevuto il discorso con una standing ovation e parole gentili. Ma nei giorni seguenti è diventato chiaro che i paesi dell’UE erano divisi su cosa fare in merito alla richiesta dell’Ucraina e sembravano cercare un modo per dire “no” o almeno “non ancora”, senza dirlo direttamente.

Giovedì, Clement Bonn, ministro francese degli Affari europei, ha suggerito alla radio pubblica francese che i negoziati sull’allargamento dell’UE non dovrebbero per ora essere al centro dell’attenzione. “Ciò che salva vite oggi è l’aiuto militare e umanitario”, ha affermato.

Un alto diplomatico dell’UE, che ha parlato in condizione di anonimato ai giornalisti, è stato più diretto. “Una volta che le cose si saranno calmate”, ha detto, “metteremo i nostri soldi dove sono le nostre bocche”.

Una dichiarazione rilasciata giovedì ha affermato che il Consiglio europeo “ha riconosciuto le aspirazioni europee e la scelta europea per l’Ucraina”.

Ha affermato che il Consiglio ha chiesto alla Commissione europea di fornire il suo parere sulla richiesta. In attesa di ciò e senza indugio, lavoreremo per rafforzare i nostri legami e approfondire la nostra partnership per sostenere l’Ucraina nel perseguire il suo percorso europeo. L’Ucraina appartiene alla nostra famiglia europea”.

Quentin Aris a Bruxelles ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply