I nomi dei donatori di convogli di camion canadesi sono trapelati dopo che è stata segnalata la violazione

I confini sono chiusi per il secondo giorno consecutivo da persone che continuano a protestare contro i mandati per un vaccino contro il coronavirus (COVID-19), vicino al confine nel Surrey, British Columbia, Canada, 13 febbraio 2022. REUTERS/Jennifer Gautier

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

14 febbraio (Reuters) – Un sito web dedicato alla pubblicazione dei dati trapelati ha affermato di aver ricevuto un pacchetto di informazioni sui donatori per i camionisti canadesi dopo che una piattaforma di raccolta fondi popolare tra i sostenitori del movimento è stata violata.

L’organizzazione Rejecting Secrets Distributed sul suo sito Web ha annunciato di avere 30 megabyte di informazioni sui donatori dal sito di raccolta fondi cristiano di Jeff Sendjo, inclusi nomi, indirizzi e-mail, codici postali e indirizzi IP.

Allo stesso tempo, GiveSendGo sembra essere offline.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I visitatori del sito sono stati accolti con il messaggio che il sito è in manutenzione e “torneremo molto presto”. I messaggi che richiedevano commenti dagli operatori del sito non sono stati restituiti immediatamente.

Un giornalista del sito di notizie digitali Daily Dot ha dichiarato su Twitter che il sito è stato violato durante la notte e la sua prima pagina è stata brevemente sostituita con una clip di “Frozen” e una dichiarazione in cui lo accusava di sostenere una “insurrezione a Ottawa”.

La Reuters non è stata immediatamente in grado di confermare l’hacking o le accuse sulla fuga di notizie, sebbene il Distributed Denial of Secrets (DDoS) abbia una lunga storia di hosting di dati trapelati da organizzazioni di destra, inclusi Patriots Front e Right Watchers di estrema destra.

READ  Convalida di falsi video sul conflitto in Ucraina

Il DDoS ha affermato che poiché le informazioni del donatore contengono informazioni personali sensibili, non renderà i dati pubblicamente disponibili ma li mostrerà invece a “giornalisti e ricercatori”.

DDoS si descrive come un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata a consentire il trasferimento gratuito di dati per l’interesse pubblico.

Il finanziamento delle proteste canadesi è emerso come un importante punto di interesse poiché le autorità di Ottawa e altrove cercano di controllare i raduni, che hanno bloccato città e valichi di frontiera in tutto il Canada con richieste che includono la rimozione del primo ministro Justin Trudeau. .

GiveSendGo è diventato un importante canale di raccolta fondi per i manifestanti dopo che la piattaforma di crowdfunding GoFundMe ha bloccato le donazioni al movimento. Il gruppo ha dichiarato all’inizio di questo mese di aver raccolto 8 milioni di dollari per le proteste.

Il collegamento commerciale più trafficato del Nord America è stato riaperto al traffico domenica scorsa, ha affermato la Canada Border Services Agency, ponendo fine a un blocco di sei giorni, dopo che la polizia canadese ha assolto i manifestanti che combattevano per porre fine alle restrizioni del coronavirus. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Raphael Satter riferisce. Montaggio di Nick McPhee, Thomas Janowski e Howard Goller

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply