Il cratere da impatto della Groenlandia ha 58 milioni di anni

Gli scienziati hanno svolto un lavoro sul campo ai margini della calotta glaciale della Groenlandia.

Gli scienziati hanno svolto un lavoro sul campo ai margini della calotta glaciale della Groenlandia.
Foto: Pierre Beck

Il cratere nascosto nel nord-ovest della Groenlandia ha circa 58 milioni di anni, il che lo rende molto più antico delle stime precedenti. La sfida ora sarà trovare ulteriori prove di quello che è stato sicuramente un evento globale enormemente devastante.

La datazione della sabbia e della roccia associate all’evento di impatto ha consentito a un team internazionale di ricercatori di ricavare la nuova stima. Il cratere della Groenlandia, largo 31 chilometri, è stato scoperto solo sette anni fa. È sepolto sotto 3200 mphspesso t (1000 metri) Ghiacciaio Hiawatha, rendendolo un essere difficile studia.

“Siamo rimasti molto sorpresi dal fatto che il cratere avesse 58 milioni di anni”, mi ha detto in una e-mail Nikolai Larsen, geologo dell’Università di Copenaghen e coautore del nuovo studio. “Tutte le prove circostanziali che abbiamo finora indicano che il cratere era molto più piccolo e da un periodo in cui era presente la calotta glaciale della Groenlandia”.

La posizione del cratere da impatto largo 19 miglia (31 chilometri) nel nord-ovest della Groenlandia.

Larghezza della posizione 19 miglia (31-chilometroCratere da impatto nel nord-ovest della Groenlandia.
foto: Il Museo di Storia Naturale in Danimarca

Larsen e colleghi per primi figurato Quel cratere era compreso tra 3 milioni e 1.200 anni fa. L’apparente novità dell’effetto durante il tardo Pleistocene presentava una possibilità allettante, poiché indicava che gli esseri umani erano stati colpiti dall’evento. Probabilmente hai anche parlato del periodo Younger Dryas, una fase di raffreddamento iniziata circa 12.900 anni fa. maè nuovo RicercaPubblicato oggi su Science Advances, rileva che l’effetto non ha influenzato gli esseri umani, né ha fatto precipitare i Dryas più giovani. Per quanto riguarda gli effetti effettivi dell’effetto, questa è una domanda a cui è necessario rispondere ora.

La calotta glaciale della Groenlandia si è formata tra 2 milioni e 3 Milioni di anni fa, molto tempo dopo che l’asteroide ricco di ferro si scontrò con quella che oggi è la Groenlandia nord-occidentale. Al momento dell’impatto, la Groenlandia era caratterizzata da una foresta pluviale temperata e da un ambiente diversificato. Il cratere – che si colloca tra i 25 più grandi buchi di asteroidi sulla Terra – è stato sepolto nel ghiaccio nel tempo, motivo per cui L’ho appena scoperto Di recente e completamente per caso.

Larsen stava controllando le mappe della Groenlandia nel 2015 quando ha notato una caratteristica circolare nella roccia sotto il ghiacciaio Hiawatha. Successivi rilievi mediante radar a penetrazione del suolo, o in questo caso radar a penetrazione di ghiaccio, hanno confermato l’esistenza della struttura d’impatto, risultata nel 2018. carta Annunciando la sua scoperta.

Il cratere è così vecchio è stata una grande sorpresa per il team, che comprendeva ricercatori del Museo di Storia Naturale della Danimarca, dell’Istituto GLOBE dell’Università di Copenaghen e del Museo Svedese di Storia Naturale di Stoccolma. Prove preesistenti, sebbene circostanziali, indicano un evento relativamente recente, in cui la forma del cratere sembra essere “relativamente nuova”, gli strati di ghiaccio contengono ghiaccio disturbato dell’ultima era glaciale e il materiale dell’area contiene resti organici di una foresta boreale – Larsen ha detto: “L’ultima volta che una foresta boreale è cresciuta nel nord della Groenlandia è stato da due a tre milioni di anni fa”.

I membri del team conducono lavori sul campo lungo il bordo della calotta glaciale della Groenlandia nel 2019.

I membri del team conducono lavori sul campo lungo il bordo della calotta glaciale della Groenlandia nel 2019.
Foto: Joe McGregor

Ciò di cui Larsen e i suoi colleghi avevano davvero bisogno erano campioni dal cratere, un compito non facile visti i 1.000 piedi di ghiaccio che si accumulavano sopra di esso. Invece, il team ha visitato aree remote in tre stagioni sul campo per trovare materiale di datazione adatto, in particolare rocce d’impatto trovate nei detriti ghiacciati dietro la calotta glaciale.

Non è stato un compito facile, ha detto Larsen. Perché il lavoro sul campo nella remota Groenlandia settentrionale è molto difficile e costoso”. La chiave della nuova ricerca è stata la raccolta di sabbia parzialmente fusa e cristalli di zircone scioccati, che sono stati trasportati a valle del cratere dall’acqua di disgelo.

All’NHM in Danimarca, gli scienziati hanno utilizzato i laser per riscaldare i granelli di sabbia fino a quando non hanno rilasciato gas argon, mentre un team dell’MNH svedese ha utilizzato la datazione dell’uranio e del piombo dello zircone. Entrambi i metodi hanno prodotto lo stesso risultato, fornendo la nuova stima dell’effetto.

La datazione dei cristalli di zircone scioccati è stato uno dei due metodi utilizzati per elaborare una nuova stima dell'effetto.

La datazione dei cristalli di zircone scioccati è stato uno dei due metodi utilizzati per elaborare una nuova stima dell’effetto.
foto: Università di Copenaghen

La sfida futura sarà per gli scienziati collegare questo evento con altre linee di prova legate all’impatto. L’asteroide si è schiantato nel nord-ovest della Groenlandia circa 8 milioni di anni dopo l’estinzione dei dinosauri e, date le dimensioni dell’asteroide – circa 0,6 miglia (1 chilometro) di larghezza– Avrebbe sconvolto in larga misura il clima globale.

“Il nostro prossimo passo è esaminare le sezioni geologiche del Paleocene di 58 milioni di anni fa per vedere se siamo in grado di identificare il segnale di impatto”, ha detto Larsen. “Questo è importante se vogliamo capire se un impatto di questa portata ha alterato il clima terrestre o ha portato a estinzioni di massa, cosa che sospettiamo accadrà”.

Il nuovo documento aggiunge ulteriore chiarezza a questo straordinario evento, mentre apre nuove strade per la ricerca futura. Indubbiamente, questa antica ferita della Groenlandia ha ancora molte storie da raccontare.

di più: Gli scienziati scoprono un antico lago lacustre sotto il ghiaccio della Groenlandia.

READ  Il bagliore radioattivo di Kilonova suggerisce un rapido collasso della rotazione tardiva delle stelle di neutroni nel buco nero.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply