Il notiziario pro – democrazia di Hong Kong chiude dopo il raid e l’arresto della polizia

Hong Kong – Hong Kong Il media pro-democrazia Stand News ha chiuso i battenti mercoledì dopo una recente repressione dei media in Cina, facendo irruzione nel suo ufficio, congelando i suoi beni e arrestando dipendenti senior con l’accusa di reati di “editoria a tradimento”.

Costituita come organizzazione senza scopo di lucro nel 2014, Stand News è la pubblicazione pro-democrazia che rimane a Hong Kong dopo che quest’anno ha portato alla chiusura di un presidente incarcerato a seguito di un’inchiesta sulla sicurezza nazionale. Jimmy LoyS Apple Daily Tabloid.

L’esperimento sulla libertà di stampa nell’ex colonia britannica, tornata al dominio cinese nel 1997, solleva ulteriori preoccupazioni, con la promessa di una più ampia tutela dei diritti individuali, hanno affermato i gruppi di avvocati dei media.

“Stand News sta ora chiudendo le operazioni”, afferma il comunicato su Facebook, aggiungendo che tutti i dipendenti sono stati licenziati.

Steve Lee, capo del dipartimento di sicurezza nazionale della polizia, ha detto ai giornalisti che Stand News ha pubblicato notizie e commenti odiosi contro i funzionari.

Li ha affermato che la polizia ha sequestrato beni per un valore di 61 milioni di dollari di Hong Kong (7,82 milioni di dollari) e computer, telefoni e giornali e non ha escluso ulteriori arresti.

“Non stiamo prendendo di mira i giornalisti. Stiamo prendendo di mira i reati alla sicurezza nazionale “, ha detto Li.

Il 29 dicembre 2021, Patrick Lam, caporedattore di Stand News, è stato ammanettato e portato nell’edificio degli uffici dell’agenzia di stampa dopo che la polizia si è fermata per perquisire i locali nel distretto di Kuon Dong a Hong Kong.Daniel Zune / AFP – Getty Images

La polizia ha detto che 200 agenti hanno fatto irruzione nell’ufficio Stand News e hanno arrestato tre uomini e quattro donne di età compresa tra 34 e 73 anni con l’accusa di “complotto per pubblicare pubblicazioni a tradimento”.

READ  "Non sono qui oggi per iniziare una guerra, per fermarla".

La polizia non li ha identificati, ma i media hanno riportato l’arresto di quattro ex membri del gruppo Stand News – l’ex democratica Margaret Eng, la cantante pop Denise Ho, Zhou Dot-Ci e Christine Fong – nonché l’ex caporedattore Chung Fui-kyun e il caporedattore Patrick Lam.

La moglie di Chung, San Pui-man, è stata precedentemente incarcerata di nuovo all’Apple Daily, secondo quanto riportato dai media.

Reuters non è stata in grado di contattare i detenuti oi loro rappresentanti legali.

Scarica App di notizie della NBC Per notizie importanti e politica

Tra gli arrestati c’era Ronson Chan, vicedirettore di Stand News e capo dell’Hong Kong Journalist Association (HKJA), ma ha detto che la polizia ha sequestrato il suo computer, cellulare, tablet, tessera stampa e documenti bancari durante una perquisizione della sua casa.

“Stand News riporta sempre le notizie in modo professionale”, ha detto Chan ai giornalisti.

Il segretario generale di Hong Kong, John Lee, ha dichiarato ai giornalisti di sostenere l’azione della polizia.

“Chiunque cerchi di utilizzare i media come strumento per perseguire la propria agenda politica o altri interessi contrari alla legge, in particolare i crimini che mettono in pericolo la sicurezza nazionale, sono elementi malvagi che danneggiano la libertà di stampa”, ha affermato Lee.

All’inizio di mercoledì, un gran numero di agenti di polizia stava caricando circa tre dozzine di documenti e sequestrato oggetti in un camion.

Steven Butler, coordinatore del progetto Asia per il Comitato per la protezione dei giornalisti, ha affermato che gli arresti sono stati “un aperto attacco alla già distorta libertà di stampa di Hong Kong”.

READ  La nuova mappa del Congresso della California incoraggia i Democratici

Non c’è tradimento nei crimini elencati sotto Sweeping Legge sulla sicurezza nazionale Imposta da Pechino nel giugno 2020, punisce il terrorismo, possibile l’ergastolo per collusione, sottomissione e secessione con potenze straniere.

Ma le recenti sentenze dei tribunali hanno consentito alle autorità di utilizzare i poteri concessi dalla nuova legge per utilizzare le leggi dell’era coloniale raramente utilizzate che coprono il tradimento.

Le autorità affermano che la legge sulla sicurezza spesso ripristina l’ordine dopo la violenza Disordini pro-democratici nel 2019. I critici affermano che la legge imposta il centro finanziario su un percorso dittatoriale abrogando le differenze.

A giugno, centinaia di poliziotti Testato nel campus dell’Apple Daily, Arresto di dirigenti con l’accusa di “collusione con stranieri”. Il giornale ha chiuso poco dopo.

Martedì, i pubblici ministeri hanno presentato ulteriori accuse di “pubblicazioni di tradimento” contro Loy e sei ex dipendenti dell’Apple Daily.

Lo Stand News Charter ha affermato il suo impegno a proteggere la libertà e “la democrazia, i diritti umani, lo stato di diritto e la giustizia”.

Dopo il test dell’Apple Daily, Stand News ha annunciato che avrebbe smesso di accettare donazioni dai lettori e ha rimosso i commenti dalla sua piattaforma per proteggere sostenitori, editori e personale editoriale, affermando che i “reati linguistici” sono arrivati ​​a Hong Kong.

A novembre, il Global Times, un quotidiano nazionalista sponsorizzato dallo stato nella Cina continentale, ha citato il vicepresidente dell’Associazione cinese di studi di Hong Kong e Macau, un think tank semi-ufficiale, dicendo: “Stand News sta per finire .” Il “salotto” per gli sbocchi antigovernativi si è ridotto.

Quest’anno, il governo ha anche apportato un cambiamento importante a RTHK, l’emittente pubblica, mentre i funzionari affermano che stanno prendendo in considerazione una legge sulle “notizie false”.

READ  40 La migliore cialde orzo nespresso del 2022 - Non acquistare una cialde orzo nespresso finché non leggi QUESTO!

L’HKJA ha dichiarato: “È molto preoccupante che la polizia abbia ripetutamente arrestato membri di spicco dei media” e perquisito le redazioni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply