Il petrolio scende verso i 125 dollari mentre gli investitori valutano il divieto di importazione degli Stati Uniti

  • La Russia giura ancora una volta di lasciare che gli ucraini sfuggano all’assedio
  • Gli Stati Uniti vietano le importazioni di petrolio dalla Russia, il Regno Unito per eliminarlo gradualmente
  • Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia afferma che l’agenzia può rilasciare più petrolio dalle scorte
  • Il capo negoziatore per i colloqui sul nucleare iraniano torna a Vienna
  • Il rapporto sull’inventario degli Stati Uniti mostra le scorte di greggio in aumento

LONDRA (Reuters) – Mercoledì il petrolio è sceso di circa 125 dollari al barile nel commercio volatile mentre gli investitori hanno valutato il divieto statunitense sulle importazioni di petrolio russo e la Russia ha annunciato mercoledì un nuovo cessate il fuoco in Ucraina per consentire ai civili di fuggire.

I commercianti hanno affermato che l’opinione che il divieto statunitense sulle importazioni di petrolio russo potrebbe non esacerbare la carenza ha tenuto a freno i prezzi, così come hanno affermato che l’Ucraina non stava più cercando l’adesione alla NATO dopo alcune notizie di questa settimana sulla questione. Per saperne di più

“Forse questo sta facendo la sua parte”, ha detto Tamas Varga dell’intermediazione petrolifera BVM sulla questione dell’adesione dell’Ucraina alla NATO.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“La consapevolezza che il divieto di importazione degli Stati Uniti potrebbe non peggiorare l’attuale shock dell’offerta di quanto non fosse potrebbe aver portato anche a questa presa di profitto”, ha aggiunto.

Il greggio Brent è sceso di $ 2,27, o dell’1,8 percento, a $ 125,71 al barile alle 1105 GMT, dopo essere salito in precedenza sopra $ 131. Gli Stati Uniti West Texas Intermediate (WTI) sono scesi di $ 3,19, o del 2,6%, a $ 120,51.

READ  La Russia afferma che potrebbe confiscare i beni lasciati dalle società occidentali

Anche il petrolio è sceso poiché il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia ha descritto la decisione dell’agenzia la scorsa settimana di rilasciare 60 milioni di barili di riserve di petrolio per compensare le interruzioni dell’approvvigionamento dopo l’invasione russa come una “risposta iniziale” e che se necessario ne potrebbero essere rilasciati di più. Per saperne di più

Un lavoratore cammina davanti a una gru in un giacimento petrolifero di proprietà di Bashneft vicino al villaggio di Nikolo Berezovka, a nord-ovest della città di Ufa, Bashkortostan, Russia, 28 gennaio 2015. REUTERS/Sergey Karpukhin

Il petrolio è aumentato da quando la Russia, il secondo esportatore mondiale di petrolio, ha lanciato quella che ha definito una “operazione speciale” in Ucraina. Lunedì il greggio Brent ha raggiunto i 139 dollari, il massimo dal 2008.

La Russia mercoledì ha annunciato un nuovo cessate il fuoco in Ucraina per consentire ai civili di fuggire dalle città assediate, dopo giorni di promesse per lo più fallite che hanno lasciato centinaia di migliaia di ucraini intrappolati senza accesso a medicine o acqua dolce. Per saperne di più

Oltre alla decisione degli Stati Uniti, martedì la Gran Bretagna ha dichiarato che avrebbe eliminato gradualmente le importazioni russe e la Shell ha affermato che avrebbe smesso di acquistare greggio russo. JP Morgan ha stimato che circa il 70% del petrolio marittimo russo stava lottando per trovare acquirenti. Per saperne di più

Una potenziale fonte di ulteriori forniture di petrolio è l’Iran, che da mesi è in trattative con le potenze occidentali per ripristinare un accordo che revoca le sanzioni contro l’Iran in cambio di un freno al suo programma nucleare.

Il capo negoziatore iraniano per i colloqui di Vienna è tornato mercoledì nella capitale austriaca. Per saperne di più

Tra i timori di una carenza di offerta, ci sono alcune indicazioni che il mercato non stia ancora vivendo una carenza di petrolio greggio.

READ  Approvazione finale per Tesla Giga Berlin prevista entro fine settimana, cerimonia di apertura prevista dal 22 al 23 marzo: Report

Martedì le scorte di greggio statunitensi sono aumentate di 2,8 milioni di barili, secondo fonti di mercato, citando i dati dell’American Petroleum Institute, un gruppo industriale. I numeri di inventario ufficiali degli Stati Uniti sono previsti alle 15:30 GMT.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Yuka Obayashi e Mohi Narayan; Montaggio di Jason Neely e Bernadette Baum

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply