Immagine della sonda solare Parker che mostra Venere che brilla come “ferro estratto da una pietra”

Le immagini scattate durante la quarta spedizione della Parker Solar Probe su Venere sono state messe insieme per creare questa animazione.
GIF: NASA/APL/NRL

La Parker Solar Probe della NASA ha catturato immagini in luce visibile senza precedenti della costa notturna di Venere, rivelando caratteristiche della superficie che possono essere oscurate dalle nuvole.

Le nuove viste sono state catturate quando la navicella spaziale ha fatto il suo quarto passaggio da Venere nel 2021. Parker usa la gravità del pianeta per avvicinarsi al suo obiettivo principale, il Sole, ma gli specialisti della missione hanno trovato un uso sorprendente della sonda come strumento per studiare Venere .

Il Wide Field Photographer a bordo della Parker Solar Probe, o WISPR, ha ripreso l’intero lato notturno di Venere nelle lunghezze d’onda dello spettro del visibile e del vicino infrarosso, secondo la NASA. Pubblicazione. La cosa divertente di tutto questo è che WISPR è progettato per scattare foto della corona, la regione del plasma attorno al sole, ma il team di Parker ha appreso, con loro grande sorpresa, che è anche in grado di scrutare la densa atmosfera di Venere.

Le aree scure sono più fresche, caratteristiche di elevazione più elevata, mentre le aree più chiare sono più calde, caratteristiche della superficie di elevazione inferiore.

Le aree scure sono più fresche, caratteristiche di elevazione più elevata, mentre le aree più chiare sono più calde, caratteristiche della superficie di elevazione inferiore.
foto: NASA/APL/NRL

“Venere è la terza cosa più luminosa del cielo, ma fino a poco tempo non avevamo molte informazioni sull’aspetto della superficie perché la nostra visione di essa è oscurata da una densa atmosfera”, Brian Wood, fisico ricercatore presso la US Naval Lo ha affermato il Laboratorio di Ricerca nel comunicato. “Ora stiamo finalmente vedendo la superficie in lunghezze d’onda visibili per la prima volta dallo spazio”.

Le immagini consentono agli scienziati di distinguere le caratteristiche della superficie come estensioni continentali, pianure e altipiani. La NASA ha affermato che i nuovi dati forniranno preziose informazioni sulla geologia e sulla storia del pianeta.

Le lunghezze d’onda più lunghe della luce visibile possono penetrare nelle nuvole di Venere, che WISPR rileva come un debole bagliore sul lato notturno del pianeta (quando il sole non sta affollando le lunghezze d’onda). Le aree chiare nelle foto sono più calde, mentre le aree scure sono più fredde. “La temperatura superficiale di Venere, anche sul lato notturno, è di circa 860 gradi”, ha detto Wood. “L’atmosfera è così calda che la superficie rocciosa di Venere brilla visibilmente, come un pezzo di ferro estratto da una fonderia”.

WISPR è diventato capace di questa impresa Chiaro Durante il terzo viaggio di Parker su Venere nel luglio 2020 Veduta parziale di Venere La squadra è rimasta sbalordita, quindi hanno accelerato le cose per la prossima resa dei conti. Il quarto volo di Parker intorno a Venere si è allineato così perfettamente che la sonda è stata in grado di catturare le intere notti del pianeta mentre passava.

Il team ha identificato le caratteristiche della superficie confrontando le nuove immagini con mappe topografiche preesistenti generate da radar, inclusi gli avvistamenti radar presi durante la missione Magellan della NASA negli anni ’90. Le caratteristiche visibili nelle nuove immagini includono l’Aphrodite Terra continentale, l’altopiano di Tellus Regio e le pianure di Aino Planitia. Il team ha persino rilevato un alone attorno a Venere, a seguito della collisione di atomi di ossigeno nell’atmosfera.

I nuovi dati saranno di interesse per altri scienziati, in quanto possono essere utilizzati per rilevare metalli sulla superficie, dove metalli diversi brillano a lunghezze d’onda specifiche. Potrebbe anche gettare nuova luce sulla storia del pianeta e su come l’attività vulcanica possa aver contribuito al suo sviluppo e alla densa atmosfera.

Di più: A un inizio scientifico, gli astronomi catturano una visione completa dell’anello di polvere orbitale di Venere

READ  Con sollievo, i ricercatori hanno trovato una spiegazione per le galassie povere di materia oscura

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply