La Banca centrale russa è presa di mira dalla Casa Bianca e dai suoi alleati

Putin ha intrapreso un percorso volto a distruggere l’Ucraina. Sabato, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che ciò che stava effettivamente facendo stava distruggendo il futuro del suo Paese. In risposta, ha detto: “Paralleremo le attività della Banca centrale russa. Ciò congelerà le sue transazioni. Renderà impossibile per la Banca centrale liquidare le attività”.

In una dichiarazione congiunta rilasciata da Unione Europea, Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada, i paesi hanno annunciato di aver raggiunto un accordo su quelle che sembravano misure senza precedenti “per garantire che questa guerra sia un fallimento strategico per Putin”.

“Mentre le forze russe lanciano il loro attacco a Kiev e ad altre città ucraine, siamo determinati a continuare a imporre costi alla Russia che isoleranno ulteriormente la Russia dal sistema finanziario internazionale e dalle nostre economie”, si legge nella nota. “Attueremo queste misure nei prossimi giorni”, ha aggiunto.

Ma la Casa Bianca non ha rilasciato immediatamente i dettagli su come sarebbero state attuate le mosse contro la banca centrale. I passi prima del congelamento delle riserve russe detenute in tutte le principali economie occidentali potrebbero avere un impatto minore sulla sua banca centrale, che è l’equivalente della Federal Reserve russa.

La Banca centrale russa aveva più di 640 miliardi di dollari di riserve valutarie al 18 febbraio, la maggior parte delle quali si trova nei computer delle banche centrali occidentali in città come New York, Londra e Francoforte. È probabile che gli sforzi per congelare o isolare quei fondi eserciteranno un’enorme pressione sulla Russia, una delle più grandi economie del mondo. e nucleare. Ciò può portare a disordini interni, innescando un’ondata di banche, distruggendo il rublo e provocando il panico nelle imprese.

“Stiamo disarmando la ‘Fortezza Russia’ intraprendendo questa azione”, ha affermato un alto funzionario dell’amministrazione statunitense, che ha parlato in condizione di anonimato secondo le regole stabilite dalla Casa Bianca.

“Ci impegniamo a imporre misure restrittive che impediscano alla Banca centrale russa di dispiegare le sue riserve internazionali in modi che minano l’impatto delle nostre sanzioni”, hanno affermato gli alleati nella loro dichiarazione.

READ  La Finlandia neutrale e la Svezia accettano l'idea dell'adesione alla NATO

Queste misure si aggiungono alle sanzioni che gli Stati Uniti e l’Europa hanno iniziato a imporre questa settimana in risposta all’invasione russa. Biden ha annunciato, martedì, l’imposizione di sanzioni a due banche statali russe. Giovedì, l’Occidente ha alzato la posta, punendo più banche russe e prendendo di mira le 10 maggiori istituzioni finanziarie russe, che detengono quasi l’80% delle attività totali delle banche.

“Questa è stata la settimana peggiore in assoluto per il mercato azionario russo”, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione. Il rublo russo ha avuto la sua peggior settimana da marzo 2020, ha affermato il funzionario, poiché la sua valuta ha raggiunto un minimo storico rispetto al dollaro questa settimana e il costo dei prestiti russi è quasi raddoppiato al 17%. In breve, la Russia è diventata un paria dal punto di vista economico e finanziario globale”, ha affermato il funzionario.

Prendere di mira la Banca centrale russa sarà la punizione più significativa di sempre. Il funzionario ha affermato che gli Stati Uniti e altri governi stanno ancora lavorando alle misure precise, spiegando che potrebbero includere il blocco “dei flussi che la Banca centrale russa è autorizzata a effettuare” e il congelamento dei suoi beni.

In effetti, le sanzioni imposte hanno spinto Mosca a sprofondare nelle sue riserve estere. La Banca centrale russa ha annunciato di aver deciso di “iniziare un intervento sul mercato dei cambi” per stabilizzare il proprio mercato finanziario e fornire alle banche “liquidità aggiuntiva”. Non ha detto quanto della sua valuta estera ha venduto per farlo.

Michael Bernstam, ricercatore presso la Hoover Institution della Stanford University, ha affermato che una sanzione completa e immediata della banca centrale è l’unica sanzione finanziaria che potrebbe spingere Mosca a ritirarsi dalla sua aggressione.

Bernstam ha affermato che la repressione della banca centrale potrebbe spingere i cittadini e le imprese russe a “correre i dollari”. “Ci sarà un grande panico, una corsa al dollaro. Il tasso di cambio crollerà”.

Se ciò fosse fatto in modo coordinato, Richard Nephew, ricercatore senior presso la Columbia University, ha dichiarato: “Imporresti costi enormi e ingenti allo stato russo. Ciò direbbe in un colpo solo che tutte le riserve russe sono chiuse e non più utilizzabile”, aggiungendo che “potrebbe avere un effetto devastante sull’economia russa”.

READ  Biden colpisce la Russia con sanzioni, sposta truppe in Germania

Ma la strategia non è priva di rischi. Gli Stati Uniti non hanno mai fatto questo passo contro nessun paese con armi nucleari o una grande economia come la Russia. Il Cremlino probabilmente risponderà intensificando le ostilità contro l’Ucraina o usandole per rafforzare l’affermazione interna di Putin secondo cui l’Occidente cerca di distruggere la Russia. Neveu ha affermato che l’imposizione di sanzioni alla banca centrale “sarebbe vista come una massiccia escalation a prescindere”.

Mark Weisbrot, un economista liberale e direttore del Center for Economic and Policy Research, ha avvertito che prendere di mira la Banca centrale russa potrebbe essere un errore. “Se c’è una cosa che gli eventi recenti hanno dimostrato, è che le minacce per contrastare o scoraggiare la forza militare con sanzioni economiche non funzionano”, ha affermato. “E se queste minacce vengono implementate, comportano costi aggiuntivi per tutte le parti”.

I russi hanno un ricordo nitido della crisi finanziaria del paese nel 1998. Molte persone hanno visto i loro risparmi accumularsi quando Mosca ha svalutato il rublo ed è andata in default sui suoi debiti. Nel 2014, quando la prima invasione di Putin in Ucraina ha coinciso con un calo dei prezzi del petrolio, anche il rublo è sceso, spingendo i russi a fare la fila alle banche per ritirare denaro e fare acquisti massicci di elettrodomestici, automobili e altri articoli prima che i prezzi aumentassero.

Al 30 giugno dello scorso anno, il 32% delle riserve valutarie russe erano in euro e il 16% in dollari USA, secondo lei. Banca centrale. Circa il 7% di sterline britanniche, il 13% di renminbi cinese e il 22% di oro in contanti. Il resto è stato detenuto in altre valute.

Quindi, hanno detto gli analisti, la Cina non è una potenziale rete di sicurezza qui per la Russia. L’alto funzionario dell’amministrazione ha anche sottolineato i resoconti dei media di questa settimana secondo cui la Cina ha limitato i finanziamenti per gli acquisti di beni russi, suggerendo che Pechino ha dei limiti alla sua volontà di sostenere Mosca nella crisi.

READ  Cosa significherà per i mercati l'invasione russa dell'Ucraina quando la Casa Bianca avverte che l'attacco potrebbe arrivare "da un giorno all'altro"

SWIFT è l’acronimo di Society for Global Interbank Financial Telecommunication, una rete di messaggistica globale che collega le banche di tutto il mondo. Il consorzio, con sede in Belgio, collega banche in 200 paesi e viene utilizzato come denaro da trasferire attraverso il sistema bancario. L’anno scorso, SWIFT ha registrato una media di 42 milioni di messaggi al giorno.

Alcuni giorni fa i giornalisti hanno chiesto al presidente Biden perché la Casa Bianca non avesse deciso di limitare l’accesso della Russia al sistema Swift. Ha detto che l’idea è allo studio, ma alcuni paesi europei non hanno ancora accettato di fare questo passo.

Il calcolo dell’Europa sembra essere cambiato negli ultimi giorni mentre continuano gli attacchi russi in Ucraina. Mentre era sotto assedio a Kiev, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fatto appello all’Occidente affinché tagliasse fuori la Russia dal regime di Swift, esortando in particolare Germania e Ungheria a farlo, suggerendo che fossero le ultime roccaforti europee.

Nella loro dichiarazione congiunta, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno affermato: “Ci impegniamo a garantire che le banche russe selezionate vengano rimosse dal sistema di messaggistica SWIFT. Ciò garantirà che queste banche siano disconnesse dal sistema finanziario internazionale e danneggino la loro capacità di operare a livello globale .”

La dichiarazione non specificava quali “banche russe selezionate” sarebbero state rimosse e suggeriva che alcune banche russe fossero esentate dalla misura. Comprendeva altri tre impegni. I paesi hanno affermato che avrebbero intrapreso azioni contro le persone e le entità responsabili della guerra in Ucraina e “le attività dannose del governo russo”.

Hanno anche affermato che avrebbero “ridotto la vendita della cittadinanza” attraverso “passaporti d’oro” che consentono ai “ricchi russi collegati al governo russo di diventare cittadini dei nostri paesi e di accedere ai nostri sistemi finanziari”.

Inoltre, hanno affermato, stavano formando una task force volta a garantire che le sanzioni contro gli oligarchi e altri fossero effettivamente attuate.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply