La Corte Suprema non esaminerà la decisione che ha rilasciato Bill Cosby dal carcere

La Corte Suprema non esaminerà il caso di violenza sessuale contro Bill Cosby, lasciando una decisione della più alta corte della Pennsylvania che ha ribaltato la condanna per aggressione indecente del comico del 2018 e lo ha liberato da carcere a giugno.

Lunedì, la Corte Suprema ha respinto la richiesta dei pubblici ministeri di esaminare il caso e restituire il verdetto di colpevolezza.

Andrew White, portavoce di Bill Cosby, ha definito la decisione una “vittoria”.

“A nome dei coniugi Cosby e della famiglia Cosby, vorremmo esprimere la nostra sincera gratitudine ai giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti per aver seguito le norme di legge e aver protetto i diritti costituzionali di tutti i cittadini americani negli Stati Uniti Stati”, ha detto.

“Questa è davvero una vittoria per il signor Cosby, ma mostra che barare non ti porterà molto lontano nella vita e la corruzione che si annida nell’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Montgomery è stata portata al centro della scena nel mondo. Grazie molto”, ha continuato.

Cosby è stato condannato per tre capi d’accusa per aggressione indecente aggravata nel 2018 con droga e aggressione ad Andrea Constand nel 2004.

Aveva scontato quasi tre anni di una pena detentiva da tre a dieci anni quando ha pronunciato la sua condanna per violazione I suoi diritti sul giusto processo. L’ex procuratore distrettuale della contea di Montgomery ha detto che non avrebbe perseguito Cosby nel 2005 in cambio della sua testimonianza. Tuttavia, questa testimonianza è stata successivamente utilizzata contro di lui al processo.

Il Processo Cosbyche oggi ha 84 anni, è stato uno dei primi grandi punti di riferimento a Il movimento #MeTooLe donne hanno denunciato molestie sessuali indesiderate e molestie sul posto di lavoro, in particolare contro uomini potenti.

READ  La flotta di auto di Kim Kardashian costa oltre $ 100.000 in lavori personalizzati

Quando Cosby è stato rilasciato dalla prigione, ha twittato una dichiarazione in cui confermava la sua innocenza.

Non ho cambiato la mia posizione né la mia storia. Ho sempre sostenuto la mia innocenza. Grazie a tutti i miei fan, sostenitori e amici che sono stati al mio fianco durante questo calvario. Un ringraziamento speciale alla Corte Suprema della Pennsylvania per il suo sostegno allo stato di diritto”, ha detto all’epoca.

“Questo è un risultato sfortunato per tutti, in particolare per i sopravvissuti alle aggressioni sessuali”, hanno affermato in una dichiarazione gli avvocati di Constand, Dolores M. Trawani e Baby H. Kevitz.

“Non solo la decisione della Corte Suprema della Pennsylvania di obbligare altri tribunali si basa su un comunicato stampa anticipato del procuratore generale che dichiara il rifiuto di perseguire in quel momento (prima che le prove siano sviluppate ed esaminate), ma presuppone prove valide dell’accordo di non perseguire, che è stato oggetto di una forte controversia nel procedimento dell’habeas corpus e il giudice del processo ha deciso di non esistere”.

Gloria Allred, che rappresentava 33 degli accusatori di Cosby, ha affermato in una dichiarazione di “non essere sorpresa” dalla decisione della Corte Suprema.

“Sebbene molti imputati saranno senza dubbio delusi dal fatto che la sentenza della Corte Suprema della Pennsylvania rimarrà in vigore e Cosby non sarà riportato in prigione in questo caso, dovrebbero anche sapere che il signor Cosby potrebbe ancora affrontare altre conseguenze nel sistema giudiziario”, il ha detto l’avvocato, Notando che il processo civile contro Cosby dovrebbe iniziare a maggio presso la Corte Superiore della Contea di Los Angeles.

READ  Meghan Markle, Archewell's Voice per il principe Harry risiede su Spotify dopo aver risolto i problemi di disinformazione COVID

Questo caso nasce da una causa intentata da Judy Huthche ha accusato Cosby di averla aggredita sessualmente nella villa di Playboy quando aveva 15 anni nel 1974. Gli avvocati di Cosby hanno precedentemente risposto alla causa come cercando di ricattarlo.

“Sebbene il signor Cosby non testimonierà nel nostro processo civile, il nostro caso continuerà e il nostro coraggioso cliente e altri testimoni testimonieranno”, ha detto Allred. “Non vediamo l’ora che la nostra cliente abbia finalmente la sua giornata in tribunale e che tutti i suoi diritti siano concessi in un tribunale della California. Il viaggio verso la giustizia continua”.

“La sentenza di oggi dice di più sull’assoluta incapacità del nostro sistema legale di fornire giustizia alle vittime che su Bill Cosby, che non è stato e non sarà mai assolto”, ha dichiarato Lisa Bloom, avvocato di tre degli accusatori di Cosby.

“È stato rilasciato semplicemente perché l’amichevole procuratore generale non ha avuto il coraggio che avevano le vittime di Cosby, per citarlo in giudizio anni fa”, ha continuato Bloom. “Le decisioni dei tribunali di mantenere questa promessa non negano in alcun modo la straziante verità delle storie di molti dei suoi accusatori, che sarà sempre la sua brutta eredità”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply