La deportazione è stata interrotta dopo che l’Ucraina ha accusato la Russia di continuare i bombardamenti

Sabato mattina era previsto un cessate il fuoco per consentire l’evacuazione umanitaria nelle città portuali ucraine di Mariupol e Volnovoka. Ma lo sforzo salvavita si è bloccato tra le notizie secondo cui i bombardamenti russi stavano continuando.

“La parte russa non ha rispettato il cessate il fuoco e continua ad aprire il fuoco su Mariupol e dintorni”, ha affermato Kyrilo Tymoshenko, vice capo dell’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zhelensky.

Nel frattempo, il media russo RIA Novosti ha denunciato il ministero della Difesa russo secondo cui la sparatoria era contro le condizioni russe.

Poi sabato, il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che il governo ucraino era in pericolo. Ha anche paragonato le sanzioni occidentali contro la Russia alla “dichiarazione di guerra”.

“Ma grazie a Dio non ci siamo ancora arrivati”, ha detto Putin durante un incontro con gli assistenti di volo.

Ha anche affermato che se una terza parte avesse emesso una no-fly zone sull’Ucraina e Mosca avesse agito, Mosca lo considererebbe “partecipare al conflitto armato”. La NATO ha deciso venerdì di non rispettare la no-fly zone, senza rischiare un confronto diretto con la Russia.

UN Chiamata zoom Sabato con i legislatori statunitensi, Zelensky ha chiesto attacchi aerei su aerei militari e supporto e un appello emotivo per chiedere aiuto. Più di 1 milione di persone sono fuggite dal paese nel mezzo dei combattimenti e si dice che altre migliaia siano morte.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

READ  Notizie di guerra Russia-Ucraina: annunci in diretta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply