La guerra in Ucraina è recente: i ministri degli Esteri di Russia e Ucraina si incontrano in Turchia

Credit Suisse è diventata l’ultima banca a delineare il proprio rischio russo giovedì, delineando la produzione di credito totale di SFr1,6 miliardi ($ 1,7 miliardi) alla fine del 2021.

Il prestatore ha affermato che includerà derivati ​​e informazioni finanziarie nella sua banca di investimento, informazioni sulla finanza commerciale nella sua banca svizzera nazionale e prestiti nella sua attività patrimoniale. Dopo aver preso in considerazione coperture, garanzie, assicurazioni e reti, la sua esposizione netta al rischio è di 848 milioni di franchi.

Inoltre, Credit Suisse ha affermato che le sue filiali russe possedevano asset per 195 milioni di franchi.

Senza fornire dettagli, la banca ha affermato che la sua attività di gestione patrimoniale aveva “esposizioni debitorie totali minime specificamente per le persone autorizzate”, che storicamente è stata il prestatore preferito dai ricchi russi.

“Su una base finanziaria approfondita, abbiamo rivisto la nostra posizione e l’esposizione della Banca alla Russia è ben gestita, con meccanismi adeguati per mitigare i rischi ad essa associati”, ha affermato Thomas Godstein, CEO di Credit Suisse.

“L’ambiente attuale è quello di prendere decisioni difficili e gestire situazioni difficili, ma sempre con una prospettiva chiara e il desiderio di fare la cosa giusta.

Lunedì, la collega banca svizzera UBS ha dichiarato di avere circa $ 200 milioni di esposizione alle attività russe utilizzate come rete nei prestiti lombardi, che sono prestiti garantiti da portafogli di attività liquide come azioni, titoli e altri titoli.

In confronto, l’austriaca Raiffeisen ha registrato un’esposizione diretta alla Russia a € 22,9 miliardi ($ 24,9 miliardi), seguita dalla francese Société Générale e Credit Agricole rispettivamente a € 18,6 miliardi e € 4,9 miliardi.

READ  Puoi iniziare a ordinare test Govt gratuiti mercoledì

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply