La mummia egiziana di Amenofi I “svelata digitalmente”

Il Cairo – Scienziati egiziani hanno portato alla luce una mummia reale di 3.500 anni senza staccare nemmeno un singolo strato di lino goffrato.

Invece, usano la tecnologia avanzata a raggi X e la tomografia computerizzata (TC) per catturare uno scorcio del corpo della mummia del re Amenhotep I e dei segreti che ha tenuto nascosti per migliaia di anni.

Secondo Zahi Hawass, un importante egittologo e uno degli scienziati coinvolti nella ricerca, “Possiamo apprendere informazioni sulla mummia per la prima volta senza disturbare la mummia.

Le scansioni TC mostrano la testa di Amenhotep I.Per gentile concessione di Zahi Hawass

I risultati sono stati rilasciati martedì uno studio Co-autore di Hawass e Dr. Sahar Saleem, Professore di Radiologia, Dipartimento di Medicina, Università del Cairo. Utilizzando la tecnologia di scansione, i ricercatori sono stati in grado di vedere il volto dell’antico re. Hanno anche appreso della sua età, altezza e di quanto fosse in salute quando è morto.

Le immagini 3D create dallo studio hanno mostrato che Amenhotep I aveva un viso ovale con un mento stretto, un naso piccolo e denti superiori leggermente allungati.

Aveva circa 35 anni al momento della sua morte, stabilita dai ricercatori sulla base di un’analisi delle sue ossa, ed era generalmente in buona salute, senza malattie o lesioni che indicassero come sia morto. I suoi denti erano straordinariamente intatti, hanno scoperto i ricercatori.

Scarica App di notizie della NBC Per notizie importanti e politica

A differenza della maggior parte dei re del regno moderno, come Tutankhamon e Ramses II, il cervello del re Amenhotep I non è stato rimosso durante il processo di mummificazione ed è stato sepolto con una cintura contenente 30 amuleti e perline d’oro.

READ  I vigili del fuoco sospettati di aver dato fuoco al parlamento sudafricano stanno combattendo

Amenhotep, che governò l’Egitto per circa 21 anni dal 1525 al 1504 a.C. La sua tomba originale non fu mai trovata, ma la sua mummia fu ricostruita nel 1881 a Luxor.

La tecnologia TC utilizzata è comunemente utilizzata nei sistemi medici per scansionare i corpi di esseri umani viventi, ha detto Saleem a NBC News tramite WhatsApp Messenger martedì. Ma aiuta le mamme a leggere senza interruzioni.

“Ora non smantelliamo fisicamente le mummie”, ha detto Saleem, che ha sede nella capitale, Il Cairo. “Conserviamo il nostro patrimonio e lo studiamo con tecniche non aggressive”.

Con Amenhotep I, Saleem ha detto di aver preso migliaia di sezioni trasversali di immagini TC molto sottili della mummia, e quando queste immagini sono state combinate, ha detto che il corpo del re è stato completamente ricostruito in 3D.

“Come pezzi di pane tostato, metti insieme e fai una pagnotta intera”, ha detto Saleem. “La tecnologia mi ha permesso di visualizzare amuleti tra gli strati, visualizzare il viso della mummia e rimuovere digitalmente l’involucro”.

Hawass, con sede al Cairo, ha affermato che questa non era la prima volta che una mummia veniva scansionata digitalmente, ma era la prima analisi così completa.

In un messaggio audio inviato tramite WhatsApp Messenger, ha affermato che spera di utilizzare presto la stessa tecnologia.

“Ora abbiamo in programma di condurre uno studio simile per tutte le mummie reali”, ha aggiunto Hawass.

Charlene Kubash ha riferito dal Cairo e Julia Talmason ha riferito da Londra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply