La paleontologia “un focolaio di pratiche non etiche radicate nel colonialismo”, affermano gli scienziati | Notizie dal Regno Unito

L’immagine pubblica dei paleontologi come accademici polverosi e amichevoli può essere piuttosto dovuta a un aggiornamento. Gli scienziati affermano che lo studio della vita antica è un focolaio di pratiche scientifiche non etiche e ingiuste radicate nel colonialismo, che spogliano i paesi poveri del loro patrimonio fossile e svalutano i contributi dei ricercatori locali.

Scrivendo sulla rivista Società reale di scienza apertaun team internazionale di paleontologi sostiene che c’è stato un continuo drenaggio di plesiosauri, pterosauri, ragni preistorici e altri fossili dai paesi poveri in depositi stranieri o collezioni private locali, nonostante le leggi e i regolamenti che sono stati introdotti per cercare di preservare il loro patrimonio.

Ad esempio, nel bacino di Ararib nel nord-est del Brasile – un’area famosa per un’enorme collezione di fossili preistorici ben conservati, inclusi pterosauri alati giganti – l’88% dei fossili scoperti si trova ora in collezioni di musei stranieri.

Juan Carlos Cisneros dell’Università Federale di Piauí, Brasile, e colleghi hanno esaminato le pubblicazioni di fossili scoperti in Brasile e Messico negli ultimi tre decenni. Questi paesi contengono bacini sedimentari ampi e relativamente inesplorati che ospitano una ricchezza di organismi fossili, piante e funghi.

Nonostante l’introduzione di severi permessi per condurre ricerche scientifiche sul campo o l’esportazione di fossili dal Brasile e un divieto permanente alla loro esportazione, spesso mancavano dichiarazioni di permessi sugli esemplari studiati e molti studi erano basati su fossili trovati illegalmente in collezioni straniere – in particolare in Germania e Giappone – hanno scoperto i ricercatori.

L’esclusione degli esperti locali era un altro problema comune. Ad esempio, il 59% delle pubblicazioni sugli scavi di Araripe è stato condotto da ricercatori stranieri e più della metà non ha mostrato prove di collaborazione con ricercatori brasiliani locali, un altro requisito legale.

Scopri nuove specie di dinosauri anfibi
Nuove specie di dinosauri anfibi scoperti “molto strani” – video

Hanno sostenuto che tali pratiche equivalgono alla colonizzazione scientifica, con i paesi a basso reddito visti principalmente come fonti di dati o campioni per paesi ad alto reddito, aggirando i quadri legali e trascurando o trascurando i contributi dei ricercatori locali.

“Il colonialismo potrebbe non essere ciò a cui pensiamo, quando immaginiamo le navi del 19° secolo che attraversano l’Atlantico, ma è ancora una forma moderna di neocolonialismo in cui ci occupiamo dell’estrazione e dello sfruttamento per il nostro stesso guadagno a spese dei bassi redditi”, ha detto Emma Dunn, paleobiologo presso l’Università di Birmingham e coautore dell’articolo.

Il team ha aggiunto che ciò ostacola lo sviluppo scientifico locale ed esaurisce le risorse che potrebbero sostenere attività economiche a lungo termine, come il turismo.

“Penso che siamo spesso visti come personaggi carini nei costumi di Indiana Jones, e di certo non possono fare alcun male. Ma in effetti, Indiana Jones è un ottimo esempio: una delle sue frasi famose era ‘Questo appartiene a un museo «… ma quello che intende è il Suo museo, non un museo nel paese da cui colleziona cose.

“Vorremmo che le persone cambiassero il modo in cui lavorano, che si concentrassero davvero sulla creazione di vere partnership basate sul rispetto delle comunità locali e dei loro interessi”.

Il team ha anche chiesto linee guida per le riviste più rigorose e formazione sull’etica della ricerca, una maggiore applicazione delle leggi sugli scavi e sanzioni contro coloro che sono coinvolti in pratiche non etiche. Infine, hanno detto, i fossili dovrebbero essere restituiti alle comunità da cui sono stati prelevati.

READ  Un video incredibile rivela come un missile cinese ha colpito la luna tre giorni fa

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply