La più grande galassia conosciuta è stata appena scoperta e non crederai a quanto sia grande

Se acquisti un prodotto o servizio recensito in modo indipendente tramite un collegamento sul nostro sito Web, BGR potrebbe ricevere una commissione di affiliazione.

Gli scienziati hanno scoperto la più grande galassia mai conosciuta. La nuova scoperta si trova a circa 3 miliardi di anni luce di distanza. La galassia, chiamata Alcyoneus, è una gigantesca galassia radio. La galassia è lunga circa 16,3 milioni di anni luce. Per riferimento, la nostra galassia misura meno di 106.000 anni luce di distanza. Questo rende Alcyoneus 153,77 volte più alto di via Lattea.

non perdere: Il prezzo di Amazon Prime è in aumento, ecco come pagare la tariffa più bassa

Le migliori offerte di oggi

Alcyoneus è la più grande galassia conosciuta nell’universo

I radiotelescopi e la Via Lattea di notte

I radiotelescopi e la Via Lattea di notte

Le radiogalassie giganti come Alioneus sono un altro mistero che dobbiamo ancora risolvere. Questa enorme galassia, e molte altre simili, contengono una galassia ospite, oltre a enormi getti e lobi che eruttano dal centro galattico. Gli scienziati ritengono che questi getti e lobi siano un sottoprodotto di un ingrediente attivo buco nero gigante Al centro della galassia. In quanto tali, queste enormi galassie sono tra le più interessanti che abbiamo scoperto nello spazio.

Nonostante le dimensioni dell’Alcyoneus, il tipo di lobi radio che emette è molto normale. In effetti, la nostra galassia contiene il proprio insieme di lobi radio. Ma ciò che è ancora più misterioso delle galassie come Alcyoneus è il modo in cui crescono così grandi. Poiché Alcyoneus è la più grande galassia conosciuta che abbiamo scoperto finora, continua a evidenziare quanto poco sappiamo del mondo celeste che ci circonda.

READ  Due galassie che si scontrano insieme formano un insolito triangolo spaziale

Aumentare la nostra comprensione delle radiogalassie

Supernova

Supernova

Un team di ricercatori ha creato un file carta Dedicato a questo problema. I ricercatori pubblicano il documento in Astronomia e astrofisica così. Nel documento, l’astronomo Martijn Oei afferma che Alcyoneus può aiutarci a comprendere meglio le radiogalassie nel loro insieme.

“Se ci sono proprietà delle galassie ospiti che sono una ragione importante per la crescita delle radiogalassie giganti, è probabile che gli ospiti delle più grandi radiogalassie giganti le avranno”, spiega Oe in un’edizione preliminare del documento (via ScienceAlert).

Il team di ricerca stava cercando valori anomali nei dati raccolti dal Low Frequency Array (LOFAR) in Europa quando hanno scoperto la più grande galassia conosciuta fino ad oggi. Durante i loro studi, hanno rimosso le sorgenti radio incorporate dalle immagini. Ciò ha contribuito a rivelare i lobi a radiofrequenza e correggere eventuali anomalie visive. I ricercatori affermano che il risultato è la ricerca più sensibile che abbiano mai assemblato sui lobi radio delle galassie. È anche il modo in cui hanno trovato Alcyoneus.

Dopo la sua scoperta iniziale, i ricercatori hanno continuato a manipolare i dati che circondano l’Alcyoneus. È un tentativo di capire meglio la galassia ospite e come le radiogalassie piacciono a questa. Altre informazioni identificate durante lo studio includono la massa della galassia. Secondo lo studio, la più grande galassia conosciuta è circondata da una rete cosmica con una massa superiore a 240 miliardi di volte la massa del Sole. Inoltre, ritengono che il buco nero supermassiccio al centro abbia una massa di 400 milioni di volte la massa del Sole.

READ  Marte Elicottero Creatività 21 Assi Viaggio verso il Pianeta Rosso

Tuttavia, trovare la più grande galassia conosciuta nell’universo ha solo portato più domande sul tavolo. Come si formano queste galassie? Ci sono galassie più grandi là fuori? E quanto crescerà Alcioneo nei prossimi anni?

Clicca qui per leggere l’articolo completo.

Aspetto La versione originale di questo articolo è su BGR.com

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply