La polizia di San Pietroburgo ha arrestato almeno 350 manifestanti contro la guerra, secondo un sito web di monitoraggio locale

Il sindaco ucraino di Kherson, Ihor Kulekhayev, ha affermato che l’esercito ucraino non è più presente in città e che i suoi residenti ora devono eseguire le istruzioni di “persone armate che sono venute all’amministrazione comunale” – osservando che la città ha ora passare sotto il controllo russo.

L’annuncio sulla sua pagina Facebook è arrivato diversi giorni dopo che Kherson ha subito pressioni da parte delle forze russe che assediavano la città.

Kherson è una città di importanza strategica all’ingresso del Mar Nero con una popolazione di quasi 300.000 abitanti. Mercoledì, il sindaco di Kiev ha negato la pretesa di controllo della Russia, affermando che le forze ucraine stavano ancora combattendo in alcune parti della città. La nuova pubblicazione affermava che le forze ucraine se ne erano andate.

Il sindaco ha anche detto al New York Times in un’intervista che un gruppo di circa 10 ufficiali armati russi, compreso il comandante delle forze che attaccano la città, è entrato mercoledì nel municipio. Ha detto che gli ufficiali russi gli hanno detto che hanno in programma di creare una nuova amministrazione simile a quella delle enclavi separatiste sostenute dalla Russia nell’Ucraina orientale, secondo un’intervista al New York Times.

Cosa significa questo: Se Kherson fosse ora sotto il controllo russo, questo sarebbe un momento importante nel conflitto, poiché sarebbe la prima grande città catturata dalle forze russe.

Nella tarda serata di mercoledì, Henadi Lahota, capo dell’amministrazione regionale di Kherson, ha diffuso un messaggio in cui affermava: “Chiedo a tutti coloro che non sono in casa ora, o che hanno intenzione di uscire, di non farlo. Gli occupanti in tutto zone della città sono molto pericolose”.

READ  Biden colpisce la Russia con sanzioni, sposta truppe in Germania

Senza dire esplicitamente che i russi controllano la città, il sindaco Kulekhaev ha detto mercoledì sera che “oggi ci sono visitatori armati nel comitato esecutivo della città”.

“Io e la squadra siamo un popolo pacifico, non avevamo armi e non c’era aggressività da parte nostra”.

Non ho fatto loro alcuna promessa. Non ho niente da preparare. Mi interessa solo la vita normale della nostra città! Ho solo chiesto di non sparare alle persone”.

Ha continuato nel suo messaggio su Facebook: “Non abbiamo forze armate in città, solo civili e persone che vogliono vivere qui!”

Kulekhayev ha affermato che ora ci sono nuove regole in città, tra cui il coprifuoco e le restrizioni sui trasporti dentro e fuori la città.

Un’altra regola, ha detto, è che “i fanti camminano uno per uno, due al massimo. Non provocate l’esercito”.

Ha concluso: “Così sia ora. La bandiera sopra di noi è ucraina. Per mantenerla così com’è, questi requisiti devono essere soddisfatti. Non posso offrire altro”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply