La Russia afferma che potrebbe confiscare i beni lasciati dalle società occidentali

Decine di aziende americane, europee e giapponesi da Quasi tutti i settori dell’economia Nelle ultime due settimane hanno abbandonato joint venture, fabbriche, negozi e uffici in risposta all’invasione russa dell’Ucraina e hanno confermato le sanzioni.
Le sanzioni colpite maggiormente Settore finanziario russo, compresa la Banca centrale, ha demolito la valuta russa ed è probabile che porti al default del debito sovrano e a una profonda recessione. E potrebbe esserci altro in arrivo: ha detto giovedì il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen L’economia russa sarà “devastata” Come risultato delle attuali sanzioni occidentali, “ma noi… continuiamo a considerare altri passi che possiamo intraprendere”.

Il presidente Vladimir Putin aveva promesso di rispondere. Parlando giovedì in un incontro con funzionari del governo, ha sostenuto un piano per introdurre la “gestione esterna” per le società straniere che lasciano la Russia.

“Dobbiamo agire con decisione con quelli [companies] “È quindi necessario… introdurre una gestione esterna e poi trasferire queste società a chi vuole lavorare”, ha affermato Putin secondo un videoclip pubblicato dal Cremlino e trasmesso sui media statali.

Il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha affermato in precedenza che la legislazione era stata redatta.

“Se i proprietari stranieri chiudono irragionevolmente l’azienda, in questi casi il governo propone l’introduzione di una gestione esterna. A seconda della decisione del proprietario, determinerà il destino futuro dell’azienda”, ha detto Mishustin, secondo il Cremlino .

“Il compito principale sarà quello di mantenere… le attività delle organizzazioni e dei posti di lavoro. La maggior parte delle aziende annuncia una sospensione temporanea preservando i posti di lavoro e i salari, e monitoreremo da vicino questa situazione”, ha aggiunto.

La migrazione aziendale include marchi di consumo e tecnologici popolari come McDonald’s (MCD)E il Coca Cola (Coca Cola) E il una mela (AAPL)oltre ai principali gruppi petroliferi come BP (BP) E il conchiglie (RDSA). Unisciti a loro giovedì Goldman Sachs (P)La prima grande banca dall’inizio della guerra afferma di essere in procinto di terminare completamente le sue attività nel paese. È probabile che altre banche seguano l’esempio, lasciando dietro di sé miliardi di debiti in sospeso.

L’Organizzazione russa per i diritti dei consumatori ha stilato un elenco di aziende che hanno deciso di andarsene e che potrebbero essere nazionalizzate, secondo un rapporto del quotidiano russo Izvestia, poi riportato dall’agenzia di stampa statale TASS.

Il documento, che sarebbe stato inviato al governo russo e alla Procura generale, include 59 società, tra cui Volkswagen (VLKAF)Mela, Ikea, Microsoft (MSFT)E il IBM (IBM)Shell, McDonald’s, Porsche, Toyota (TM)E il H&M (HNNMY) Izvestia ha detto che potrebbe essere aggiornato con più marchi.

Giovedì il governo russo ha pubblicato un elenco di beni e attrezzature precedentemente importati dalla Russia a cui alle società sarà vietato spostarsi fuori dal paese.

READ  Ford spedisce e vende SUV Explorer con chip mancanti

Secondo una dichiarazione pubblicata sul sito web del governo, l’elenco comprende più di 200 articoli, tra cui “tecnologia, telecomunicazioni, apparecchiature mediche, veicoli, macchine agricole e apparecchiature elettriche” nonché “automotrici, locomotive, container, turbine, metallo e macchinari per la lavorazione della pietra.” monitor, proiettori, console e pannelli.”

Queste restrizioni rimarranno in vigore fino alla fine del 2022.

Chris Liakos della CNN ha contribuito a questo articolo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply