La Russia ha sequestrato Chernobyl. Come dovremmo preoccuparci? : NATIONAL PUBLIC RADIO, RADIO PUBBLICA

Dopo il disastro nucleare dell’impianto di Chernobyl nel 1986, fu costruita una cupola protettiva sopra il quarto reattore distrutto.

Sergey Sobinsky/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Sergey Sobinsky/AFP tramite Getty Images


Dopo il disastro nucleare dell’impianto di Chernobyl nel 1986, fu costruita una cupola protettiva sopra il quarto reattore distrutto.

Sergey Sobinsky/AFP tramite Getty Images

Il sequestro da parte della Russia della centrale nucleare di Chernobyl in Ucraina e l’esclusione circostante hanno sollevato allarmi in tutta la comunità internazionale, con molti leader mondiali che si chiedono se la Russia abbia scelto di impadronirsi della regione per un motivo specifico.

James Acton, co-direttore di Programma di politica nucleare presso il Carnegie Endowment for International Peace.

Ciò che lo preoccupa di più sono le quattro centrali nucleari attive del paese che contengono più combustibile esaurito radioattivo di quello che rimane oggi a Chernobyl.

Acton ha affermato che la cattura di Chernobyl potrebbe essere il risultato del tentativo della Russia di “invadere tutta l’Ucraina o almeno tutta l’Ucraina orientale”.

“Chernobyl è in Ucraina, quindi penso che da quella prospettiva i russi vogliano avere tutto nel paese”, ha detto Acton. “Inoltre, dal punto di vista geografico, dal luogo in cui le forze russe si sono schierate al confine ucraino, all’attacco a Kiev, a Chernobyl”.

La Russia non può necessariamente evitare di passare attraverso la zona di esclusione, ha affermato Acton, aggiungendo che potrebbe non esserci alcuna ragione strategica, simbolica o politica dietro il sequestro da parte della Russia del sito nucleare.

READ  Australia e Paesi Bassi avviano un'azione delle Nazioni Unite contro la Russia sul volo MH17

All’indomani dell’invasione, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha affermato che non c’era “distruzione” a Chernobyl e che il resto delle centrali nucleari ucraine funzionava in sicurezza.

L’ampia zona di esclusione intorno a Chernobyl è una delle ragioni per cui Acton afferma di essere più preoccupato per le altre piante attive.

“Se ci fossero armi usate contro Chernobyl, sai, c’è stato una specie di nuovo incidente che ha causato una maggiore perdita di materiale radioattivo e il fatto che si trovi in ​​una zona di esclusione su larga scala ne mitigherebbe significativamente le conseguenze”, ha detto .

Sebbene l’energia nucleare non sia una preoccupazione primaria per gli ucraini costretti a fuggire dal loro paese, Acton ha affermato che le azioni della Russia rimangono “estremamente preoccupanti”.

Gli impianti nucleari sono costruiti e progettati per avere tassi di probabilità molto bassi di incidenti gravi, ma tra i pochi incidenti che si sono verificati nel corso della storia, l’impatto è stato enorme, compreso l’evento del 1986 a Chernobyl.

“La possibilità di un grave incidente in una fabbrica ucraina oggi non è più microscopica, ma le conseguenze sono ancora molto significative”, ha affermato Acton. “Mi preoccupa perché questo è passato da una probabilità molto bassa, un rischio molto alto di conseguenze a una probabilità non molto bassa, ad alto rischio di conseguenze.

“Non posso dare numeri su questo, ma come sai, il rischio è molto più alto di quanto qualsiasi regolatore considererebbe accettabile”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply