La SEC reagisce dopo che il regolatore Tesla è accusato di molestie sessuali

Immagine dell'articolo intitolato SEC Pays Back After Tesla Regulator e Mask accusati di molestie

Foto: McNamee vince (Getty Images)

La US Securities and Exchange Commission, dopo essere stata accusata dal CEO di Tesla Elon Musk questa settimana Lanciando una “campagna di molestie” contro di lui, ha risposto ricordando a Musk che questo livello di controllo federale faceva parte dell’accordo che aveva accettato dopo che il suo libro sporco lo aveva immerso nell’acqua calda.

Nel 2018, la Securities and Exchange Commission ha accusato Musk di aver rilasciato dichiarazioni “false e fuorvianti” agli investitori dopo aver twittato di essersi assicurato finanziamenti per un acquisto privato di Tesla a $ 420 per azione. L’accordo non si è mai concretizzato e, dopo le indagini, la Securities and Exchange Commission ha affermato che il tweet di Musk costituiva una frode. Tesla, Musk e la SEC alla fine hanno deciso di risolvere il caso e, come parte dei termini, Musk è stato costretto a dimettersi temporaneamente dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione di Tesla. Inoltre, Tesla e Musk hanno pagato un totale di $ 40 milioni di multe e hanno accettato che alcuni dei post sui social media di Musk fossero proiettati da un esperto di diritto dei titoli prima che fossero pubblicati online.

Giovedì, invia una Tesla e una maschera e-mail Al giudice distrettuale degli Stati Uniti Alison Nathan, il giudice federale che sovrintende al procedimento, accusando la Securities and Exchange Commission di utilizzare le proprie risorse per condurre “indagini senza fine e infondate” sulla società e sul suo CEO.

“Sembra che la SEC stia prendendo di mira il signor Musk e Tesla per un’indagine in gran parte implacabile perché il signor Musk rimane un critico esplicito del governo”, ha scritto Alex Spiro, l’avvocato di Musk. Ulteriori accuse includevano che l’autorità di regolamentazione stesse cercando di “attutire la bocca e molestare” e i ripetuti check-in sembravano essere “calcolati per addolcire” l’esercizio da parte del miliardario dei suoi diritti del Primo Emendamento.

La lettera continuava affermando che la Securities and Exchange Commission aveva “mandato le promesse” rallentando la distribuzione dell’accordo di $ 40 milioni agli azionisti di Tesla, un’altra condizione dell’accordo.

Stephen Buchholz della Securities and Exchange Commission ha risposto con Lettera ai tribunali Venerdì, quell’attività investigativa in corso che Tesla e Musk descrivevano come molestie era in realtà coerente con le aspettative stabilite dal tribunale che sovrintendeva all’accordo. E non è che Musk non abbia fornito all’autorità di regolamentazione una ragione sufficiente per continuare a controllarlo: negli anni successivi all’accordo, la Securities and Exchange Commission ha scritto ripetutamente a Tesla chiedendo perché alcuni tweet contenenti informazioni commerciali importanti non sono stati controllati dagli avvocati dell’azienda . Secondo il loro accordo. Musk, per essere il nano qual è, sembra essere molto felice di continuare a calpestare il vespaio, inimicandosi la SEC con tweet come questo A partire da luglio 2020: “SEC, acronimo di tre lettere, la parola di mezzo è Elon”.

Per quanto riguarda il trasferimento del denaro agli azionisti, la Securities and Exchange Commission ha affermato che il processo è ancora in corso ma dovrebbe essere completato entro il prossimo mese. Ha anche notato che né Tesla né Musk avevano precedentemente espresso preoccupazioni su questo problema all’agenzia.

“A causa della complessità della distribuzione, ci è voluto del tempo per sviluppare il piano di assegnazione”, ha scritto Buchholz. “Questo processo è in fase di completamento e, in assenza di circostanze impreviste, il personale di distribuzione prevede di presentare il piano di distribuzione proposto per l’approvazione del tribunale entro la fine di marzo 2022”.

Ora che la Securities and Exchange Commission ha risposto alle accuse di Tesla, non è chiaro quali saranno i prossimi passi per l’azione. In precedenza, il giudice Nathan aveva chiesto alle due parti di lavorare per risolvere la loro controversia piuttosto che rinviare la questione ai tribunali, Il giornale di Wall Street rapporti. Ma data la passione di Musk per il cinema teatrale e il fomentare battaglie legali, questa soluzione sembra improbabile.

READ  EA segue Microsoft nel fermare tutte le vendite in Russia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply