La serie limitata è troppo lunga? L’innovazione di Anna, la divulgatrice

Il bello della televisione è che la storia può andare avanti per tutto il tempo che vuoi. Che si tratti di sei ore e mezza o di duecento ore, la televisione può prendersi tutto il tempo che vuole per incarnare i suoi personaggi ed esplorare ogni percorso narrativo. Ma più recentemente, alcune reti televisive e dispositivi di streaming hanno sfruttato questa flessibilità, estendendosi da storie che normalmente sarebbero un film di due ore a una serie limitata di otto, 10 o 12 ore. In poche parole: ci sono molte serie limitate in questi giorni che sono troppo lunghe.

Esempio più recente: Hulu .docudrama perdita, che debutterà giovedì prossimo e vede come protagonista Amanda Seyfried nei panni di Elizabeth Holmes nel mondo della tecnologia. La rapida ascesa e caduta di Holmes e dei suoi Theranos creano una storia elettrizzante, sì, ma non c’è abbastanza per giustificare gli episodi di otto ore. (Anche il podcast su cui era basato era lungo solo sei ore.) La premiere si concentra sugli anni formativi di Elizabeth e sull’esperienza universitaria – che, in un tipico film di due ore, sarebbe stato un flashback di dieci minuti al massimo. Ma qui, ci viene chiesto di passare diverse ore per ottenere tutti i buoni trucchi per cui siamo venuti.

perdita Non solo, però: le serie limitate eccessive sono praticamente un’epidemia in questo momento. I veri documentari sul crimine sembrano particolarmente sbilanciati verso questo tipo di rigonfiamento, con Netflix La creazione di AnnaApple TV+ strizzacervelli della porta accanto e cavo Pam e Tommy Tutti hanno messo alla prova la nostra pazienza negli ultimi mesi. Il tempo di esecuzione aggiuntivo teoricamente consente a questi spettacoli di aumentare la loro attenzione sui personaggi secondari e approfondire la loro narrazione. Ma il più delle volte, finisce per essere un effetto psichedelico, con spettacoli che ripetono la stessa storia più e più volte e prendono giri inutili per ammazzare il tempo, lasciandoci esausti prima ancora di raggiungere il traguardo.

READ  Valery Gergiev, alleato di Putin, è stato rimosso dalla carica di capo del comando a Monaco

Allora chi è il responsabile di questa epidemia? È probabile che l’industria cinematografica stia cambiando rapidamente: con gli studi che offrono principalmente piatti di supereroi con un budget elevato, il tipo di dramma di fascia media che siamo abituati a vedere si sta ora facendo strada sul piccolo schermo. E poiché i film per la TV sono quasi estinti, al di fuori di HBO, l’unica opzione è trasformarli in una serie completamente limitata, il che significa tre o quattro volte il tempo di programmazione. (Questa serie limitata attira anche grandi star che vogliono avere la possibilità di vincere un Emmy senza impegnarsi in una serie in corso.) Inoltre, con i banner che pubblicizzano il numero di minuti in cui ogni serie è stata guardata, c’è un incentivo a spingere queste storie oltre gli standard di narrazione. Il loro naturale aumento del numero di spettatori è importante.

Ma noi spettatori ne stiamo pagando il prezzo. perdita Aveva del potenziale, ma non potevo investire otto ore in una storia che potesse essere raccontata facilmente in due ore. L’anno scorso, Andrew Garfield e Jessica Chastain hanno interpretato entrambi i famosi evangelisti televisivi Jim e Tammy Faye Packer nella versione teatrale. Gli occhi di Tami Faye. Chastain è stato eccellente (e ha ottenuto una meritata nomination all’Oscar come migliore attrice), e abbiamo potuto vedere l’intera portata della storia della vita di Tammy Faye in poco più di due ore. Sono contento di averlo visto (ora è in onda su HBO Max)… e sono così felice che alcune reti non abbiano provato a trasformarlo in una miniserie di 12 ore.

READ  Pete Davidson difende Kim Kardashian nei testi a Kanye West

Sei d’accordo sul fatto che le serie limitate richiedano troppo tempo? Colpisci i commenti e fidati.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply