La stagione ABC 2018/19. Il palinsesto invernale: Station 19 torna a marzo, Whiskey Cavalier a febbraio

Upfront ABC 2018 Whiskey Cavalier

La nuova stagione tv USA 2018/19: ABC

La ABC presenta due nuove comedy e due nuovi drama in questo autunno, conferma l’assenza di serie tv la domenica sera e riapre la serata comedy del venerdì avendo così ben 10 comedy in tv a settimana. La sfida più grossa è in mano a Nathan Fillion e The Rookie chiamati a rinvigorire il martedì sera alle 10 da anni buco nero del palinsesto ABC e a The Conners che raccoglie l’eredità di Roseanne dopo il licenziamento di Roseanne Barr. ABC è in cerca di nuovi successi macina ascolti, riuscirà a risalire nei numeri?

La Nuova Stagione ABC (Upfront) – Fox  – CBS – The CW – NBC

Palinsesto ABC 2018/19 – Inverno

Lunedì MartedìMercoledì Giovedì Venerdì Domenica

8:00 pm The Bachelor dal 7/01
10:00 pm The Good Doctor 2B dal 14/01
10:00 pm The Fix 1 dal 18/03
10:00 pm Grand Hotel 1 dal 17/06

Dal 8/01

8:00 pm The Conners  American Housewife 3B dal 5/02
8:30 pm The Kids are Alright 
9:00 pm black-ish
9:30 pm Splitting Up Together (stagione completa ma da 18 episodi)
10:00 pm The Rookie

Dal 9/01

8:00 pm The Goldbergs
8:30 pm Schooled
9:00 pm Modern Family
9:30 pm Single Parents
10:00 pm Match Game
10:00 pm Whiskey Cavalier dal 27/02

dal 17/01

8:00 pm Grey’s Anatomy
9:00 pm A Million Little Things 1B
10:00 pm How to Get Away With Murder

dal 7/03

8:00 pm Grey’s Anatomy
9:00 pm Station 19 2B
10:00 pm For the People 2

dal 4/01

8:00 pm Fresh off the Boat 
8:30 pm Speechless 
9:00 pm Child Support (show)
10:00 pm 20/20

dal 6/01
8:00 pm America’s Funny Home videos 29B
9:00 pm Shark Thank

24/02
Oscar 91°

3/03
8:00 pm American Idol
10:00 pm Shark Tank

Le nuove serie tv ABC Autunno 2018

Comedy – The Conners recensione e trama

Trama: spinoff di Pappa e Ciccia – Roseanne nato dopo la cancellazione del revival della storica serie tv a seguito dei tweet razzisti della sua protagonista. Al centro la famiglia Conners ma senza la sua matriarca.
Cast: John Goodman, Laurie Metcalf, Sara Gilbert, Lecy Goranson, Michael Fishman, Emma Kenney, Ames McNamara
Produzione: sviluppato da Tom Werner e Sara Gilbert, prodotto dalla Werner Entertainment
Episodi: ordinato un episodio in più portando il totale a 11
Slot: martedì 8 pm (dal 16/10), concorrenza The Voice su NBC, The Gifted su Fox, NCIS su CBS, The Flash su The CW
In Italia: non definito

The Conners | Recensione primo episodio

Può Roseanne funzionare senza Roseanne?

La domanda che accompagnava il debutto di The Conners era sostanzialmente questa. E la risposta non può che essere positiva. Roseanne era uno show in cui Roseanne Barr prendeva il centro della scena e tutti gli altri ruotavano intorno a lei. Tolto il sole il resto della banda non è assolutamente precipitato anzi ha spiccato il volo, volando più in alto senza perdere niente del suo spirito originario.

Roseanne senza Roseanne funziona e Roseanne non sarà altro che un brutto ricordo. The Conners non perde il gusto di raccontare l’America normale, quella delle classi sociali più basse, quella che magari ha votato repubblicano perchè i democratici stanno solo nei quartieri ricchi di New York e Los Angeles, quell’America che giorno dopo giorno deve lottare per farsi curare o per procurarsi del cibo, in cui se ti regalano una birra, trovi un modo per averne un’altra. Quell’America che ascolta alla tv le tecniche più assurde per realizzare l’equilibrio perfetto della casa e non sa come realizzarla, in cui ci si riunisce attorno a una vecchia tv la sera. Quell’America cui ABC ha deciso di regalare un’ora a settimana il martedì sera.

The Conners | Ascolti

1×01 2.4 – 10,5 milioni

Comedy – The Kids Are Alright recensione e trama

Trama: Ambientata negli anni ’70 a Los Angeles, vede al centro una famiglia cattolica irlandese tradizionalista, guidata da Mike e Peggy, con otto figli che affronta una delle epoche più turbolenti degli USA. Il ritorno a casa del figlio più grande Lawrence, che decide di lasciare il seminario per salvare il mondo, stravolge questa famiglia di 10 persone che vivono in una casa con 3 camere e un bagno.
Formato: single-camera
Episodi: ordinata la stagione completa possibili 22 episodi (non confermato)
Cast: Michael Cudlitz, Mary McCormack, Sam Straley, Caleb Foote, Christopher Paul Richards e Jack Gor, Sawyer Barth
Produzione: creato da Tim Doyle (Last Man Standing), prodotto da ABC Studios, distribuito da Disney
Slot: martedì (dal 16/10) ore 8:30 pm (dopo The Conners), concorrenza The Voice su NBC, The Gifted su Fox, NCIS su CBS, The Flash su The CW
In Italia: non definito

The Kids are Alright | Recensione episodio 1

Il viaggio nel tempo nelle abitudini familiari della ABC prosegue e dopo gli anni ’80 di The Goldbergs, i ’90 di Fresh off the Boat, con The Kids Are Alright si torna ancora più indietro agli anni ’70 con la famiglia Cleary. Cattolici irlandesi, bianchi e dai capelli rossi, i Cleary hanno 8 figli, tutti maschi e una casa difficile da mandare avanti. Si dorme per terra, c’è chi vuole lasciare il seminario, chi sogna di fare il cantante, chi fa sempre la spia, ma c’è anche tanto amore e tanta forza da parte della mamma che tiene in piedi la baracca.

The Kids are Alright rientra nel solco della più tradizionale family comedy della ABC: risate e buoni sentimenti, con tanto di morale positiva alla fine dell’episodio. Ma si ride in tutto questo caos e si finisce per appassionarsi alla vita di questa famiglia dopo 20 minuti. Come i Conners, i Cleary sono una famiglia che fatica a sbarcare il lunario, in cui i vestiti sono pieni di toppe e il cibo si divide, ma si respira quell’aria da classica comedy del passato capace di riempire il cuore e rinfrancare lo spirito. Dimenticate le preoccupazioni del mondo, ci pensano i Conners e i Cleary a farvi rilassare!

The Kids are Alright | Ascolti

1×01 1.4 – 6,5 milioni

Drama – A Million Little Things recensione e trama

Trama: un gruppo di amici che per varie ragioni si trovano in un momento di stanca della propria vita, quando uno di loro, Jon, muore, gli altri leggono questo evento come occasione per risvegliarsi e tornare a vivere. Eddie (David Giuntoli) è un ex cantante di una band, insegnante di musica, padre casalingo, che inizia a chiedersi come sarebbe potuta essere la sua vita. Rome (Romany Malco) è un regista di spot che avrebbe voluto di più dalla vita. Ahsley (Christina Ochoa) è l’assistente di Jon. Katherine (Grace Park) è una mamma che fatica a bilanciare famiglia e carriera.
Cast: Allison Miller, David Giuntoli, Romany Malco, Christina Ochoa, Christina Moses,  James Roday, Stephanie Szostak, Lizzy Greene, Ron Livingston, Grace Park
Produzione: creato da DJ Nash; prodotto da Aaron Kaplan con Kapital Entertainment, ABC Studios, distribuito da Disney
Episodi: ordinati 4 episodi in più 17 in totale
Slot: mercoledì alle 10 pm (dopo la due ore comedy), concorrenza Criminal Minds su CBS, Chicago PD su NBC
In Italia: non definito

A Million Little Things | Recensione episodio 1

A Million Little Things è un drama sull’amicizia che si infila nel percorso tracciato da This is Us del racconto semplice della vita di persone normali ma con un pizzico di mistero per destare la curiosità e l’interesse del pubblico.

L’imprevisto, imprevedibile e sorprendente suicidio di un uomo, stravolge le vite, delle persone che lo circondano, della sua famiglia ma soprattutto dei tre amici con cui condivideva la passione sportiva. Perchè ha compiuto quel gesto? La ricerca della spiegazione farà da contraltare all’analisi della vita degli altri tre rimasti non senza colpi di scena e sorprese. Non mancano i momenti più leggeri, proprio come in This is Us considerando che il creatore della serie, proprio come Dan Fogelman in This is Us, arriva dal mondo delle comedy.

Il pubblico faticherà ad emozionarsi con la prima puntata di A Million Little Things. I personaggi risultano freddi e respingenti, i flashback vengono chiamati più che dolcemente agevolati e il mistero di fondo risulta più adatto a un thriller che a un drama.

La previsione: partita con ascolti bassi, in una serata complicata per ABC, ma anche con una critica poco lusinghiera A Million Little Things faticherà a conquistare una seconda stagione e un crollo repentino potrebbe portare anche a una sua sospensione.

A Million Little Things | Ascolti

1×01 1.1 – 5 milioni
1×02 0.8 – 3,7 milioni
1×03 0.8 – 3,6 milioni
1×04 0.8 – 3,3 milioni

Comedy – Single Parents: recensione e trama

Trama: Will (Taran Killam) è un trentenne, padre single di una ragazzina, che è talmente immerso nel suo lavoro di genitore da aver perso di vista la sua personalità, saranno gli altri genitori single ad aiutarlo e a fargli capire che si può essere un bravo genitore senza perdere completamente se stesso e la propria vita amorosa e sessuale.
Formato: single-camera
Cast: Taran Killam, Leighton Meester, Brad Garrett, Kimrie Lewis, Marlow Barkley, Tyler Wladis, Grace Hazelett, Brad Garrett e Jake Choi
Produzione: creato da JJ Phiblin e Elizabeth Meriwether, prodotto da 20th Century Fox e ABC Studios, distribuito da 20th Tv
Slot: mercoledì 8:30 pm (dopo Modern Family), concorrenza Star su Fox, Chicago Fire su NBC, SEAL Team su CBS, All Americans su The CW
In Italia: su Fox dal 3 dicembre

Single Parents | Recensione episodio 1

Taran Killam, Leighton Meester, Brad Garrett e un azzeccato cast di bambini salvano dall’oblio Single Parents, una comedy co-creata dall’autrice di New Girl che sembra proprio ripartire dal finale dell’altra comedy dove un bambino fa capolino tra il gruppo di amici.

E in Single Parents abbiamo un variegato gruppo di amici, formato in nome della diversità televisiva tra razze, genere e età, nato grazie ai figli che vanno a scuola insieme. Tutti single e tutti con bambini al primo anno di scuola elementare. In questo gruppo arriva il single Taran Killam, un pacioso e gentile papà single che vive per la figlia ma non ha ancora capito come gestire il ruolo di padre single e quello di uomo (nè si capisce come possa sopravvivere visto che apparentemente non ha un lavoro).

Fatti salvi i limiti di realismo (cosa accomuna oltre ai figli queste persone di età e estrazioni sociali diverse? perchè tutti sembrano non avere altro da fare che pensare ai figli), Single Parents si salva con qualche divertente battuta affidata per lo più ai bambini. Brad Garrett fa il cinico uomo vissuto, che incolpa Obama per la debolezza maschile, non balla e non canta (salvo poi sciogliersi nel finale) e recita senza particolari sforzi (per vederne una prova di livello recuperate la seconda stagione di I’m Dying Up Here).

Single Parents funziona perchè è su ABC e aggiunge un ulteriore tassello alle altre versioni familiari della rete. Qui non c’è una famiglia ce ne sono tante, che diventano una sola e vivono come in una grande comunità. 20 minuti per rientrare in pace con il mondo, con l’altro, con chi ti sta vicino e per sentirsi un po’ più leggeri.

La previsione: ABC ha necessariamente bisogno di trovare la nuova Modern Family, difficilmente sarà Single Parents che però può diventare una buona aggiunta al variegato mondo family comedy della rete. Anche se il rischio è che nella sua “mediocrità” venga sacrificata per fare spazio a nuovi tentativi.

Single Parents | Ascolti

1×01 1.3 – 4,9 milioni
1×02 1.1 -4,2 milioni
1×03 1.0 – 3,6 milioni
1×04 0.9 – 3,2 milioni

Single Parents ottiene la stagione completa da 22 episodi

Drama – The Rookie recensione e trama

Trama: tratto da una storia vera, racconta di John Nolan (Nathan Fillion) un uomo adulto che decide di diventare poliziotto diventando la recluta più anziana della polizia di Los Angeles e ritrovandosi circondato da ventenni.
Cast: Nathan Fillion, Richard T. Jones, Melissa O’Neil, Eric Winter, Afton Williamson, Titus Makin, Alyssa Diaz Mercedes Mason
Produzione: creato da Alexi Hawley, prodotto da ABC Studios, Mark Gordon Co.
Distribuito da Disney
Episodi: ordinata una stagione completa da 20 episodi
Slot: martedì ore 10 pm (dal 16/10), concorrenza NCIS New Orleans su CBS, New Amsterdam su NBC
In Italia: Rai

The Rookie | Recensione episodio 1

The Rookie è il miglior nuovo drama trasmesso nell’autunno 2018 dai canali broadcaster. Sicuramente un buon punto di partenza e un complimento, ma anche il sintomo di una stagione autunnale particolarmente debole da un punto di vista creativo.

The Rookie è il migliore perchè non cerca di battere strade alternative o innovative: promette una cosa e la mantiene. E’ un procedurale poliziesco su un uomo di più di 40 anni che si reinventa agente di polizia, inizia a lavorare in una pattuglia per le strade di Los Angeles e deve scontrarsi con i suoi pregi, i suoi difetti e la diffidenza degli altri. Questo era sulla carta e questo vediamo. Non promette misteri per diventare un family drama, non inventa medici eroi, non risolve eventi catastrofici.

Non per questo The Rookie è esente da difetti. E’ il migliore nella mediocrità.

The Rookie | Ascolti

1×01 1.0 – 5,4 milioni

Palinsesto ABC 2018/19 – Autunno

LunedìMartedìMercoledì Giovedì Venerdì Domenica 7/10

8:00 pm Dancing with the Stars
10:00 pm The Good Doctor

8:00 pm The Conners
8:30 pm The Kids are Alright 
9:00 pm black-ish
9:30 pm Splitting Up Together (stagione completa ma da 18 episodi)
10:00 pm The Rookie

8:00 pm The Goldbergs
8:30 pm American Housewife 
9:00 pm Modern Family
9:30 pm Single Parents
10:00 pm A Million Little Things 

8:00 pm Grey’s Anatomy
9:00 pm Station 19 (stagione completa 22 episodi)
10:00 pm How to Get Away With Murder 

8:00 pm Fresh off the Boat 
8:30 pm Speechless 
9:00 pm Child Support (show)
10:00 pm 20/20

8:00 pm Dancing with the Stars: Juniors
9:00 pm Shark Thank
10:00 pm The Alec Baldwin Show

Le nuove serie tv ABC in arrivo nel 2019

Grand Hotel
Trama: Basato sul format spagnolo adattato anche in Italia da Rai1, è un drama-soap ambientato in un albergo di Miami che racconta le vite della famiglia che possiede l’albergo e del suo staff, e di un segreto che potrebbe far crollare la perfezione esteriore su cui poggia l’hotel.
Cast: Demian Bichir, Roselyn Sanchez, Chris Warren, Wendy Raquel Robinson, Shalim Ortiz, Anne Winters, Lincoln Younes, Bryan Craig, Feliz Ramirez, Justina Adorno, Denyse Tontz;
Produzione: creato da Brian Tanen, prodotto da Eva Longoria con ABC Studios e Unbelievable, distribuito da Disney
Slot: lunedì 10 pm dal 17 giugno
In Italia: FoxLife

Whiskey Cavalier 
Trama: dramedy d’azione su un agente FBI Will Chase (Scott Foley), nome in codice Whiskey Cavalier, che dopo un crollo emotivo viene affiancato dalla tosta agente della CIA Francesca “Frankie” Trowbridge (Lauren Cohan), nome in codice Fiery Tribune. Insieme guidano un gruppo di eroiche spie che salvano il mondo e se stessi, mentre si destreggiano tra amori, amicizie e giochi politici.
Cast: Scott Foley (Scandal), Lauren Cohan (The Walking Dead), Ana Ortiz, Tyler James Williams;
Produzione: creato da Dave Hemingson prodotto da Bill Lawrence, Jeff Ingold con Warner Bros Tv e Doozer Productions
Slot: 27/02 mercoledì 10 pm
In Italia: non definito (canali Mediaset?)

The Fix
Trama: Maya Travis (Robin Tunney) è una procuratrice di Los Angeles che dopo non essere riuscita a far condannare un attore, si trasferisce a Washington per vivere una via più tranquilla. Otto anni dopo, il killer, che non era riuscita a condannare, colpisce di nuovo e è costretta a tornare a Los Angeles per fermarlo. Deciderà di giocare secondo le regole o farà di tutto per fermarlo?
Cast: Robin Tunney, Adam Rayner, Mouzam Makkar, Adewale Akinnuoye-Agbaje Merrin Dungey
Produzione: creato daMarcia Clark, Elizabeth Craft, Sarah Fain, prodotto da ABC Studio distribuito da Disney
Slot: lunedì dal 18/03
In Italia: non definito

Schooled (Spinoff The Goldbergs) 
Trama: Ambientato negli anni ’90 nella William Penn Academy, la scuola dove si diploma Adam (Sean Giambrone) in The Goldbergs, incentrato sui suoi insegnati che nonostante il loro essere sui generis, sono molto amati dagli studenti.
Formato: single camera
Cast: Bryan Callen, Tim Meadows, AJ Michalka
Produzione: creato da Marc Firek, Adam F. Goldberg, prodotto da Seth Gordon, Doug Robinson, Sony Pictures (anche distributore)
Slot: mercoledì dal 9/01
In Italia: non definito (canali Mediaset?)

Bless this Mess
Trama: una coppia appena sposata si trasferisce da una grande città a un piccolo centro del Nebraska
Formato: single-camera
Cast: Dax Shepard, Lake Bell
Produzione: creato da Elizabeth Meriwether, prodotto da Lake Bell; 20th Century Fox
Slot:
In Italia: Fox

About Riccardo Cristilli 153 Articles
Costantemente perso nel Sottosopra, su un'isola, in un universo parallelo in attesa di ricevere l'invito a corte, finendo però in una famiglia moderna. Anni '50, '60, oggi, nel futuro, nel medioevo, nello spazio o in un mondo fantastico. Follia? Probabile, un destino ineluttabile per star dietro a oltre 500 serie tv!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*