L’Australia, che ha lasciato la sua ambasciata a Kiev, ha chiesto alla Cina di dare voce all’Ucraina

13 febbraio (Reuters) – L’Australia ha dichiarato domenica che lascerà la sua ambasciata a Kiev a causa del rapido deterioramento della situazione al confine tra Russia e Ucraina, e il primo ministro Scott Morrison ha invitato la Cina a non essere “timidamente tranquilla” sulla crisi.

Gli Stati Uniti e l’Europa hanno intensificato gli avvertimenti sull’attacco immediato della Russia all’Ucraina, mentre il Cremlino ha cercato di esercitare una maggiore influenza nell’Europa del dopo Guerra Fredda, rifiutando una risposta diplomatica congiunta UE-NATO alle sue richieste di ridurre le tensioni. Per saperne di più

Il ministro degli Esteri Maris Payne ha dichiarato in una dichiarazione che il personale dell’ambasciata australiana a Kiev è stato inviato in un ufficio temporaneo a Lviv, nell’Ucraina occidentale, a circa 70 chilometri (44 miglia) dal confine polacco.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Continuiamo a consigliare agli australiani di lasciare immediatamente l’Ucraina per il commercio”, ha detto Payne.

Morrison ha descritto la situazione come “estremamente pericolosa” e ha affermato che “le azioni autoritarie e unilaterali della Russia per minacciare e intimidire l’Ucraina sono completamente e assolutamente inaccettabili”.

Morrison, che ha stretti legami con la Cina, ha anche invitato Pechino a parlare a nome dell’Ucraina dopo che la Cina ha criticato un incontro dei ministri degli esteri statunitense, australiano, giapponese e indiano a Melbourne la scorsa settimana. Per saperne di più

READ  40 La migliore offerte asus notebook del 2022 - Non acquistare una offerte asus notebook finché non leggi QUESTO!

“Il governo cinese è lieto di criticare l’Australia… ma è tranquillamente elettrizzato dallo spiegamento di truppe russe al confine ucraino”, ha detto Morrison in una conferenza stampa.

“La coalizione di dittature che vediamo, che cerca di fare il prepotente con altri paesi, l’Australia non ha sempre preso una posizione facile”.

Dopo che Canberra ha bandito Huawei Technologies (HWT.UL) dalla sua rete a banda larga 5G nel 2018, ha inasprito le leggi contro le interferenze politiche straniere e ha insistito per un’indagine indipendente sulle origini del COVID-19, che è stata collegata alla frode tra l’Australia e i suoi vertici. partner commerciale, Cina.

(Questa storia viene ristampata per correggere un errore di battitura nel titolo)

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

il rapporto di Lydia Kelly a Melbourne; Redazione Sandra Malar

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply