L’Occidente dovrebbe ridurre la sua dipendenza dalla Russia per l’energia

Il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha detto alla CNBC che l’Occidente deve lavorare “duro” per trovare fonti di energia alternative al di fuori della Russia. Si intensificano i colloqui su possibili sanzioni.

Parlando con Hadley Gamble della CNBC alla Conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco, Schulz ha sottolineato che gran parte dell’Occidente dipende dalle forniture energetiche russe.

“Ci sono molte esportazioni di petrolio, carbone e gas dalla Russia in molti paesi – e ci sono anche grandi esportazioni [export] Dal petrolio agli Stati Uniti”.

“Quindi tutti dobbiamo lavorare sodo per produrre una situazione in cui abbiamo alternative. È anche essenziale che ci sia anche una buona cooperazione: torniamo a una situazione in cui non c’è un tale confronto… ecco cosa per cui stiamo lavorando.

Era la Russia Il più grande fornitore di gas naturale e petrolio dell’Unione Europea l’anno scorso.

Ciò arriva dopo che molti funzionari occidentali hanno parlato nelle ultime settimane di imporre sanzioni alla Russia – e alla sua industria energetica in particolare – se invade l’Ucraina. La Russia ha ripetutamente negato di voler invadere il suo vicino, ma ha accumulato circa 150.000 soldati vicino al confine.

C’era anche lei Molteplici accuse di bombardamenti oltre le linee del cessate il fuoco Questa settimana da fonti russe e ucraine. Sabato, nell’ambito di un “esercizio programmato”, La Russia ha lanciato missili balistici e da crociera In una revisione della sua prontezza nucleare.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha detto sabato alla CNBC che le sanzioni energetiche contro il gigante russo del gas Gazprom rimarrebbero “sul tavolo” in caso di invasione.

READ  In una rivalità con Putin, il tedesco Schulz mostra uno stile più deciso

Tuttavia, tali sanzioni potrebbero avere ripercussioni finanziarie significative per l’Ucraina, poiché numerosi gasdotti russi attraversano il paese. “Ci prendiamo cura” della questione, ha insistito Schulz.

“Stiamo lavorando duramente per rendere il transito del gas attraverso l’Ucraina qualcosa che abbia un buon futuro”, ha detto.

“Abbiamo già iniziato a lavorare sodo per trovare buoni accordi di trasporto del gas per l’Ucraina con la Russia quando inizierà il prossimo periodo. Questa è la nostra responsabilità… Rendere il transito del gas un’attività che funzioni attraverso tutti i nostri gasdotti, in particolare quelli ucraini. Ma ora stiamo lavorando per la pace”.

alternative energetiche

Schulz non è l’unico a discutere della necessità di ridurre la dipendenza energetica in Russia; Sabato scorso, sia von der Leyen che il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg hanno affermato che tale azione è importante.

L’Europa ha “lavorato duramente” per ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia, ha affermato Stoltenberg, aggiungendo: “Dobbiamo essere meno dipendenti dall’energia da un’unica fonte”.

Mentre von der Leyen ha sottolineato che l’Unione europea è riuscita ad accedere a fonti di energia alternative. “Siamo in grado di superare questo inverno senza gas russo”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply