Marina Ovsyannikova: la giornalista della TV di stato russa afferma che è “impossibile tacere”

Marina Ovsyannikova mercoledì ha detto a Christian Amanpour della CNN che molti giornalisti russi vedono uno scollamento tra la realtà e ciò che viene mostrato sui canali televisivi del paese, e anche sua madre ha subito il “lavaggio del cervello” dalla propaganda del governo.

“Ho sentito una dissonanza cognitiva, sempre di più, tra le mie convinzioni e ciò che stavamo dicendo in onda”, ha detto Ovsyannikova. “La guerra era il punto di non ritorno, dove era semplicemente impossibile rimanere in silenzio”.

Lunedì, il caporedattore di Channel One è apparso dietro il conduttore di notizie con un cartello che diceva “No alla guerra”. Ovsianikova ha detto alla Galileus Web mercoledì che ha dovuto agire attraverso i ricordi degli attacchi aerei durante il conflitto russo in Cecenia, dove ha vissuto da giovane.

“Sono preoccupato per i soldati russi… penso che non capiscano davvero perché devono farlo e perché lo sono [are] Ha detto ad Amanpour.

Martedì c’era Ovsyannikova peccatore Da un tribunale distrettuale di Mosca per aver organizzato un “evento pubblico non autorizzato”. Un “reato amministrativo” è punito con una multa di 30.000 rubli ($ 280). Un avvocato che in precedenza rappresentava Ovsyanikova ha detto alla CNN che l’accusa amministrativa si basava esclusivamente su una dichiarazione video che aveva registrato prima di apparire con un poster contro la guerra su Channel One.

Il Cremlino ha definito le sue azioni “rivolta” un reato penale in Russia.

Ovsyannikova ha detto alla CNN che inizialmente aveva pianificato di stare lontana dalle telecamere durante la sua protesta, ma poi si è resa conto che avrebbe dovuto essere vicino al conduttore per assicurarsi che il suo poster fosse visto dagli spettatori. Ha aggiunto che era “spaventata fino all’ultimo minuto”.

READ  Si sono sentite esplosioni a Kiev mentre le forze russe premono vicino alla capitale ucraina

“Ho deciso che sarei stato in grado di battere la guardia in piedi di fronte allo studio e di mettermi dietro l’ospite. Quindi mi sono mossa molto rapidamente, sono passata dalla sicurezza e ho mostrato il mio poster”, ha detto Ovsyannikova.

Marina Ovsianikova ha parlato mercoledì con Christiane Amanpour alla CNN.

Nella dichiarazione video registrata prima della sua protesta pubblica, Ovsiannikova ha incolpato Putin per la guerra.

“Quello che sta accadendo ora in Ucraina è un crimine, la Russia è il paese aggressore e la responsabilità di questa aggressione ricade sulla coscienza di una sola persona. Quest’uomo è Vladimir Putin”, ha detto Ovsyanikova.

“Purtroppo, negli ultimi anni, ho lavorato su Channel One e ho fatto propaganda al Cremlino, e ora me ne vergogno molto”, ha detto nel video. “È un peccato che ho permesso che si dicessero bugie dagli schermi televisivi, vergognandomi di aver permesso che il popolo russo fosse danneggiato”.

“Mi vergogno che siamo rimasti in silenzio nel 2014, quando tutto questo era appena iniziato”, dice, riferendosi all’annessione della Crimea alla Russia.

censura della stampa

Putin all’inizio di questo mese ha firmato un file disegno di legge sulla censura Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti, criminalizza quelle che la Russia considera informazioni “false” sull’invasione dell’Ucraina, con una pena fino a 15 anni di carcere per chiunque venga condannato.
La Russia ha represso i media nazionali a causa della guerra in Ucraina e di conseguenza molti hanno ridimensionato la loro copertura. Reti globali come CNN, ABC News, CBS News, ecc. La trasmissione è stata interrotta dalla Russia. e la testata giornalistica indipendente russa TV Rain, nota anche come Dozhd, chiudere interamente. Il suo editore e la troupe, insieme ad altri giornalisti freelance, hanno lasciato il paese.

Mercoledì, l’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti ha riferito che Roskomnadzor, il cane da guardia delle comunicazioni dei media russi, aveva imposto restrizioni all’accesso al sito web della BBC News su richiesta dell’ufficio del procuratore generale.

READ  Sale a 117 il bilancio delle frane in Brasile, la polizia: 116 i dispersi

All’inizio di marzo, Roskomnadzor ha limitato l’accesso al sito web del servizio russo della BBC.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply