Motorhead, il videogioco per Amiga che consente a Lemmy di picchiare i rapper

Nel 1992 i Motorhead avrebbero dovuto tenere un concerto in una sperduta cittadina americana. Ma arrivarono al locale, e scoprirono che l’ingaggio era una trappola, messa in scena da gruppi locali di nemici del metal. Il concerto salta, e membri di questi nemici del metal rapiscono tutti i compagni di Lemmy: sia i suoi bandmates, che la crew.
A Lemmy non rimane che picchiare ogni singola persona che gli si para davanti, in sei zone diverse della città, ognuna abitata da appassionati di musica diversi: i punk, i rapper, i goth, i raver, gli amanti del country…
Dopotutto, ci si trova nel bizzarro mondo di Motorhead: The Videogame, uscito su licenza ufficiale nel 1992.

Si tratta di un picchiaduro a scorrimento orizzontale, totalmente “vecchia scuola”, in cui si va da sinistra a destra picchiando tutto ciò che si muove sullo schermo, rompendo bidoni della spazzatura per trovare bonus vitali o per caricare mosse speciali, e utilizzando armi improprie. Ci sono anche dei bonus stage, molti dei quali in stile “Tapper”, in cui Lemmy deve raccogliere delle birre prima che cadano per terra: niente di più metal.
Stando a HardcoreGaming101, non è un buon gioco, purtroppo: avendo a disposizione solamente un tasto, c’è un complesso metodo di comandi per poter picchiare, evocare demoni, correre e tutto il resto.
Ma volete mettere la soddisfazione degli attacchi speciali? Il primo livello di attacco porta delle groupie sullo schermo, confondendo i nemici che smettono di attaccare Lemmy. Il secondo evoca uno Snaggletooth che causa danni a tutti i nemici a schermo, mentre il terzo livello mostra lo Snaggletooth che uccide tutti i gli avversari.

In questi tempi in cui è facile procurarsi un emulatore (e relativi giochi), se vi viene voglia di provarlo, cercatelo per Amiga.
Altrimenti, se volete solo rilassarvi e godervi il gioco, nel video qui sotto trovate l’intero walkthrough, dall’inizio alla fine, mosse speciali comprese.
Lemmy ci ha donato anche questo, nella sua carriera. Potreste fare un drinking game alla sua memoria: un sorso di birra per ogni nemico abbattuto, uno shot di Jack Daniels quando fa una mossa speciale, una sigaretta fumata per il tempo del bonus stage…

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*