Nell’hockey femminile, il Canada ha sconfitto gli Stati Uniti 3-2 vincendo la medaglia d’oro

Durante i Giochi di Pechino, la presentazione della squadra di hockey femminile canadese è stata chiaramente visibile a tutti, ammirandola e intimidendola.

Insulti delle squadre che giocano per la medaglia di bronzo, aspri scavi nei confronti dei rivali e sottili critiche alle tattiche che non sono riuscite a segnare su On-Rene Despians., Goldtender che fortificò la Grecia canadese.

Giovedì i canadesi hanno dimostrato che tutto questo era giustificato: hanno battuto gli Stati Uniti 3-2 nel match per la medaglia d’oro reclamando il titolo olimpico strappato agli americani quattro anni fa.

La vittoria del Canada è stata uno scenario di mobilitazione forte e armata, mista a un certo livello di fortuna e una spinta appassionata e appassionata iniziata con la sconfitta olimpica nel 2018.

Una decisione che i canadesi tendevano a prevedere. Per loro, la medaglia d’oro spesso sembrava meno sulla redenzione e più sul raggiungimento di una qualità costantemente superiore.

“Stiamo giocando così bene – senza concentrarci sulle altre squadre o sui giocatori – non possiamo fermarci”, ha detto Natalie Spooner, pioniera della sua terza squadra olimpica canadese.

Il Canada sembrava segnare in circa sette minuti dall’inizio della partita di giovedì quando il portiere americano Alex Gavalini ha girato un angolo e ha visto Spooner spazzarlo con un tiro potente. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno contestato il fuorigioco del Canada, il che ha confermato la valutazione dei funzionari.

“Te ne devo uno”, le disse Spooner in panchina dalla sua collega Sarah Nurse. “Ero in fuorigioco”.

Trentacinque secondi dopo, il gol è arrivato: dopo la vittoria faccia a faccia del Canada, l’infermiera ha preso un passaggio, si è girato e ha segnato.

Il Canada ha raddoppiato il vantaggio su un tiro del capitano canadese Mary-Philippe Paulin, che stava giocando nella quarta partita del Canada, e ha spinto sul 3-0 quando Pauline ha segnato di nuovo a metà della seconda partita.

Hillary Knight ha segnato un gol a braccio corto per gli Stati Uniti.

L’obiettivo di Power-Play era vicino al punteggio finale a 13 secondi dalla fine. Ma a quel punto la squadra canadese sapeva che avrebbe vinto sicuramente.

Lo stesso vale per gli americani.

“Volevamo ottenere un sacco di soldi là fuori, volevamo davvero avere molti corpi e non credo che l’abbiamo fatto meglio”, ha detto l’attaccante degli Stati Uniti Abby Rock.

Giovedì, la sesta partita per la medaglia d’oro tra Canada e Stati Uniti dai Giochi Olimpici di Hockey Femminile nel 1998, è stata una sede spettacolare. Gli Stati Uniti hanno vinto il loro primo titolo olimpico fino al 2018, vincendo una partita determinata da una sparatoria. Almeno in Canada era vista come una variante, non come un precursore di un cambio di potere.

READ  40 La migliore borse termiche del 2022 - Non acquistare una borse termiche finché non leggi QUESTO!

Molti degli incontri che hanno portato alla partita di giovedì hanno suggerito la stessa cosa. I canadesi hanno vinto 4-2 in una partita del turno preliminare a Pechino e 4-2 in una serie di partite di esibizione pre-olimpica in Nord America.

Le squadre erano gli indiscussi Titani dei Giochi. Entrando giovedì, il Canada ha segnato 54 gol, un record olimpico e tre dei primi cinque marcatori di Pechino sono stati Brian Jenner, Sarah Filler e Jamie Lee Rodrguez.

Gli Stati Uniti hanno sconfitto due volte la Finlandia, medaglia di bronzo, mercoledì sera, vincendo due volte.

Guidati dal capitano Kendall Coin Schofield, una delle pattinatrici più veloci del mondo, e Knight, che giovedì ha stabilito il record degli Stati Uniti per la maggior parte delle partite giocate dall’hockey femminile alle Olimpiadi, gli Stati Uniti hanno lanciato un feroce attacco. Affronta la tempesta di colpi attraverso la competizione.

Ma gli americani hanno lottato ancora giovedì per trasformare le occasioni in gol. Allo stesso tempo, hanno trovato la squadra canadese desiderosa di segnare velocemente e di talento. Nel primo periodo il Canada ha pareggiato per gli Stati Uniti con i tiri, 11, un cambiamento significativo rispetto all’ultimo incontro, con gli americani che hanno effettuato 16 tentativi all’inizio e i canadesi che hanno chiuso con solo cinque.

Gli Stati Uniti alla fine hanno superato di nuovo il Canada a colpi di arma da fuoco, ricordando il verdetto canadese dopo il loro primo incontro secondo cui gli americani erano così felici di provare a sopraffare il nemico con una raffica di colpi che non era sempre buono.

READ  40 La migliore notebook i5 8gb ram ssd del 2022 - Non acquistare una notebook i5 8gb ram ssd finché non leggi QUESTO!

Tuttavia, per la maggior parte dei giochi questa era una tattica. Ma quando il tempo è svanito giovedì, con gli americani che hanno pulsato e giocato per più di tre minuti, è diventato chiaro quale squadra si fosse dimostrata la migliore per la colonna sonora finale, battendo la rete e il clearing.

Proprio come il Canada lo conferma da tempo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply