Novak Djokovic: il giudice ordina il rilascio della stella del tennis dalla custodia dell’immigrazione australiana

Dopo diverse ore di deliberazioni, problemi tecnici e argomentazioni da entrambe le parti, il giudice Anthony Kelly ha ordinato il rilascio di Djokovic dalla custodia di un hotel temporaneo e i suoi effetti personali ritirati entro 30 minuti dal verdetto di lunedì.

Il giudice Kelly ha condannato Djokovic a pagare le spese legali del ministero dell’Interno australiano, l’imputato nel caso.

A seguito della decisione, il procuratore generale australiano aveva il diritto di intervenire personalmente nel caso, ha affermato l’avvocato del governo. Christopher Tron, che lavora per il governo, ha affermato di mantenere i poteri ministeriali per espellere il ministro Alex Hawk Djokovic.

Dopo l’udienza, Djokovic ha twittato di essere “felice e grato” alla fine. “Anche se ciò accade”, ha detto che gli piacerebbe essere nel paese per “provare a competere” agli Australian Open. Ha anche ringraziato i sostenitori che gli sono stati accanto e lo hanno incoraggiato a “rimanere forte”. Ha twittato una foto di se stesso che mostrava esplicitamente se stesso e il suo staff tecnico sul campo di Melbourne.

Foto scattata da Novak Djokovic sulla seconda a sinistra, da un campo di Melbourne.

In una conferenza stampa a Belgrado, in Serbia, suo fratello ha ringraziato i suoi sostenitori. “Tutto è finito, finalmente Novak è finalmente rilasciato. Novak era sul campo da tennis un po’ prima, si è allenato un po’ e sta combattendo per se stesso in questo modo – sta giocando a tennis”, ha detto Jordje Djokovic in una conferenza stampa. .

“Novak non ha fatto nulla di male”, ha aggiunto, aggiungendo di essere “felice che il sistema legale australiano sia arrivato a Novak”.

Tuttavia ha riconosciuto che il loro numero non era sufficiente per sconfiggere la reazione positiva di Djokovic alla testimonianza di Djokovic il 16 dicembre e alla sua ubicazione.

Djordje ha confermato che Djokovic era risultato positivo e, quando un giornalista gli ha chiesto se fosse stato presente a un evento il 17 dicembre, è inciampato e ha risposto: “Questa conferenza stampa è stata posticipata”.

READ  All'inizio litigavano per le maschere. Poi sopra l'anima della città.

Seduto accanto a suo figlio, il padre di Novak, Stradjan Djokovic, può essere sentito dire “questo è per la corte” quando interrogato.

Il 16 dicembre, giorno in cui è risultato positivo, Djokovic è stato fotografato in tre eventi in cui nessuno degli altri partecipanti indossava maschere. Il giorno successivo, è stato fotografato agli Youth Awards.

La Tennis Professionals Association (ATP) ha definito una serie di eventi che hanno portato all’indagine “dannosi a tutti gli effetti”, compreso il benessere atletico, secondo il rapporto dell’associazione lunedì.

Il verdetto precedente, tramite collegamento video presso l’Australian Federal Circuit Court di Melbourne, è arrivato dopo la speculazione e l’indignazione pubblica sul fatto che la star del tennis potesse giocare agli Australian Open, nonostante non fosse vaccinata per il Covit-19.

Il 34enne serbo è volato in Australia il 5 gennaio solo per prenderlo Il visto è stato annullato Dopo che l’Australian Border Force lo ha considerato Esenzione medica Il requisito che tutti i visitatori siano completamente vaccinati contro Govt-19 non è valido.

Di fronte alla deportazione e alle sue speranze di vincere il 21° Grande Slam in pericolo, Djokovic ha lanciato una sfida legale.

Le persone sono viste fuori dall'edificio del tribunale di Melbourne, in Australia, il 10 gennaio 2022.

Durante il processo, il team legale di Djokovic ha affermato di aver ricevuto l’esenzione medica richiesta per recarsi in Australia e di aver evitato le restrizioni sulla vaccinazione per Kovit-19. A Djokovic è stata concessa la rinuncia sulla base del fatto che aveva un sistema immunitario naturale dopo aver contratto il Govt-19 a dicembre, ha affermato il suo partito.

Djokovic, che in precedenza si era espresso contro i vaccini e gli ordini di immunizzazione del governo 19, non è stato vaccinato quando è arrivato in Australia. Il giudice ha stabilito che se Djokovic fosse stato espulso, sarebbe stato bandito dall’Australia per tre anni.

READ  Biden afferma che è "chiaro" che la Russia stia prendendo di mira i civili, ma che è "troppo presto per dire" se si tratta di un crimine di guerra.

Il caso ha attirato l’attenzione di tutto il mondo e ha provocato indignazione sia dai suoi sostenitori che dai critici, con alcuni che affermano che le celebrità ricevono un’attenzione speciale quando si tratta delle rigide regole del Govt-19 dell’Australia, che hanno visto famiglie separate per anni. I controlli del virus Corona invadono i loro diritti civili.

La situazione di Djokovic lo illustra La situazione dei richiedenti asilo Australia – Decine di rifugiati sono detenuti per anni all’interno dell’hotel dove alloggiava Djokovic e sono trattenuti a tempo indeterminato secondo le rigide regole sull’immigrazione dell’Australia.

argomenti

Sulla base delle linee guida fornite dall’Australian Technical Advisory Group on Immunization (ATAGI), un organo consultivo del governo federale basato su argomenti sia a favore della sicurezza che del governo.

Nick Wood, un consulente senior che rappresenta Djokovic, ha sostenuto con l’avvocato di ATAGI che l’ultima infezione del governo fornisce almeno sei mesi di protezione naturale – “quindi il vaccino può essere considerato un’eccezione temporanea”.

Djokovic capì di essere stato approvato dal governo per venire in Australia e fece ripetutamente appello ai funzionari federali di Melbourne dicendo che “aveva fatto tutto il necessario per entrare in Australia”.

“Qualsiasi persona ragionevole capirebbe e ha capito di aver spuntato ogni casella”, ha aggiunto Wood.

Novak Djokovic della Serbia gioca un colpo di rovescio durante la Coppa Davis il 27 novembre 2021 all'Olympia World di Innsbruck, in Austria.

I fautori del suo caso hanno lavorato per rendere disponibile online la trascrizione effettiva di questa dichiarazione.

Il governo ha affermato che Djokovic aveva frainteso quella che pensava fosse una garanzia di ingresso e che una precedente infezione del governo non era l’equivalente di una valida ragione medica per non vaccinarlo.

Hanno indicato le stesse linee guida ATAGI, che, pur riconoscendo la protezione naturale, hanno affermato che le infezioni passate “non erano una controindicazione alla vaccinazione” – non un motivo valido per non essere vaccinati.

Sebbene tali linee guida suggeriscano che le persone possano sospendere temporaneamente la vaccinazione dopo una grave malattia, il governo ha affermato che “non vi è alcun suggerimento che Djokovic sia gravemente malato”.

READ  Putin riconoscerà presto l'insurrezione in Ucraina

“Ha solo detto di avere un test positivo per Covit-19. Non lo era”, ha affermato il governo nella sua presentazione al tribunale.

La polizia in tenuta antisommossa ha preso d'assalto una manifestazione venerdì 10 maggio, rimuovendo centinaia di manifestanti con un camion.

Tran, un avvocato del governo, ha affermato che c’erano pochi ostacoli per le autorità nella revoca dei visti e che anche la potenziale minaccia per la salute degli australiani era una ragione sufficiente.

Il giudice Anthony Kelly, tuttavia, sembrava essere d’accordo con la posizione di Djokovic, dicendo che era “disturbato” dall’onere imposto alla stella del tennis di fornire prove alle autorità.

A dicembre, a Djokovic è stata diagnosticata l’infezione da Govt-19: due gruppi indipendenti hanno convenuto che era sufficiente per ritardare la vaccinazione di Djokovic.

“Cos’altro avrebbe potuto fare quest’uomo?” ha detto il giudice Kelly.

Per cosa sta giocando Djokovic agli Australian Open?

La sconfitta del visto ha minacciato le possibilità record di Djokovic di vincere il 21° Grande Slam agli Australian Open, che inizieranno a Melbourne il 17 gennaio.

Djokovic ha attualmente 20 vittorie in singolo del Grande Slam, eguagliando i record di tutti i tempi con lo spagnolo Rafael Nadal e lo svizzero Roger Federer.

Se vince a Melbourne, Djokovic batterà il record per la maggior parte dei Grandi Slam mai detenuti da un uomo.

Questa è una possibilità reale: Djokovic ha già vinto nove volte gli Australian Open.

Federer, 40 anni, non ha giocato a Melbourne e Nadal, 35 anni, è fermo per un infortunio.

La coppia si è scontrata 58 volte, con Djokovic in vantaggio da 30 a 28. Nadal, che ha vinto un Australian Open nel 2009, è classificato 6° nel mondo.

Hillary Whiteman, Hannah Richie e Angus Watson della CNN hanno contribuito alla segnalazione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply