Occupazione russa: Mosca combatte per occupare l’Ucraina



CNN

L’opposizione dell’Ucraina all’invasione russa ha colto di sorpresa molti osservatori, ma un esperto avverte che se le forze di Mosca non cattureranno presto il Paese, non sarà un precedente storico a lungo termine.

“Se l’Ucraina diventa una guerra prolungata, l’esercito russo rischia di essere esagerato”, ha affermato Seth Jones, vicepresidente del Center for Strategic and International Studies, un think tank con sede a Washington, DC.

“Se l’Ucraina avesse 150.000 soldati russi e una popolazione di 44 milioni, sarebbero 3,4 soldati ogni 1.000 persone. Non puoi avere un territorio con quei numeri”, ha detto Jones.

Ha confrontato il rapporto tra le forze russe e le occupazioni in tutto il mondo dopo le guerre precedenti, dicendo che quelle di successo avevano rapporti chiave “astronomicamente alti”.

Ad esempio, ha detto, le forze alleate che occupavano la Germania nel 1945 avevano una popolazione di 1.000 abitanti su 89,3 soldati; Forze NATO in Bosnia nel 1995, 17,5 soldati per 1.000 persone; Le forze NATO in Kosovo vanno da 19,3 a 1.000 nel 2000 e le forze internazionali a Timor orientale dal 2000 a 9,8 a 1.000.

In una recensione del 2003 del think tank RAND Corporation, l’analista e matematico James Quinlivan ha affermato che il criterio per un’occupazione di successo sarebbe compreso tra 20 e 1.000.

I rapporti delle forze USA-Alleate in Afghanistan nel 2002 e in Iraq nel 2003 erano solo da 0,5 a 1.000 e da 6,1 a 1.000, rispettivamente, secondo i dati citati da Queenliven.

‘Completo spreco di vite’: giornalista della CNN sui resti del dopoguerra

“Un gran numero di truppe e polizia è importante per mantenere la legge e l’ordine di base”, ha detto Jones. “In effetti, il numero di truppe russe in Ucraina non è sufficiente per mantenere a lungo le grandi città”.

Ha detto che se gli occupanti russi affrontano una guerriglia e il governo ucraino cade, il conflitto non sarà a loro favore.

“Corrono grave pericolo di essere separati dai ribelli ucraini”.

Alla fine della seconda guerra mondiale, le forze sovietiche lanciarono una lunga campagna contro i ribelli ucraini. La guerra discriminatoria continuò in alcune parti dell’Ucraina occidentale alla fine degli anni ’40, ma i sovietici soppressero la resistenza armata all’inizio degli anni ’50.

Funzionari statunitensi hanno notato per quanto tempo le linee di rifornimento della Russia sono state estese, anche nelle prime fasi dell’invasione.

Come ha spiegato alla CNN un alto funzionario statunitense, la Russia si aspettava una rapida vittoria e potrebbe aver trascurato di pianificare un’adeguata ridistribuzione delle sue forze. Le tasse di distribuzione, ha spiegato questo funzionario, sono un “impatto definitivo”.

Ma i dirigenti statunitensi si aspettano che la Russia aumenterà le sue operazioni in Ucraina lunedì.

I funzionari hanno avvertito i legislatori in presentazioni assortite che una seconda ondata di truppe russe consoliderebbe le posizioni del paese all’interno dell’Ucraina e potrebbe contrastare l’opposizione ucraina in gran numero.

“Quella zona è triste”, ha detto un legislatore alla CNN.

Tuttavia, una mappa dell’attuale situazione russa mostra che le forze di Mosca controllano solo una piccola parte dell’Ucraina, leggermente più piccola dello stato americano del Texas.

Ancora una volta, guardando ai conflitti passati, la Russia deve affrontare sfide formidabili nella conquista di città come Kiev, la capitale dell’Ucraina.

“Il terreno urbano fornisce risorse e vantaggi incredibili a una forza di difesa che causa un numero proporzionale di fattori su un elemento di attacco, facendo perdere tempo all’attaccante in un ambiente strategico e, infine, fermare il ritmo dell’attacco” di John Spencer e Jason Xerox a la casa dell’Accademia dell’esercito americano a West Point ha scritto il mese.

La coppia ha indicato i conflitti tra ex ufficiali militari statunitensi e canadesi, rispettivamente, dalla seconda guerra mondiale alla guerra di Corea dalla Cecenia alla Siria, dove le guardie urbane sono state in grado di infliggere pesanti perdite ai loro aggressori.

Spencer e Xerox sottolineano che i veicoli e gli scudi militari russi allineati in una colonna di 40 miglia (64 chilometri) in direzione di Kiev, nel 1995 a Grozny, in Cecenia, potrebbero essere stati particolarmente minacciosi per Mosca. Forze attuali.

Immagine satellitare che mostra un convoglio russo di 40 miglia.

I separatisti ceceni, che operavano in gruppi di due, e che usavano solo pistole, granate e lanciagranate, erano stati installati su veicoli corazzati russi dalle fondamenta e dai piani superiori degli edifici, hanno scritto.

“I carri armati chiave e altre armi non sono stati in grado di estinguere efficacemente il fuoco”, hanno affermato Spencer e Xerox.

“Una volta nella loro rete, le squadre di imboscate hanno attaccato i carri armati russi e i punti vulnerabili dei mezzi corazzati, attaccando i veicoli anteriori e di coda, ritirandosi rapidamente e poi spostandosi di lato per vendicarsi contro le colonne russe ora paralizzate”, hanno detto.

In tre giorni, nel gennaio 1995, un battaglione russo ha perso 10 dei suoi 120 veicoli corazzati e 20 dei suoi 26 carri armati a causa dei separatisti ceceni a Grozny.

Se questo esempio fosse in qualche modo vero per le cose che devono affrontare gli invasori russi nelle città dell’Ucraina, la guerra non sarebbe giunta a una rapida conclusione.

READ  Annunci in diretta Covit-19: ordini di mascherine, restrizioni e altro

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply