Olimpiadi Invernali 2018 a PyeongChang: il grande spettacolo su neve e ghiaccio

PyeongChang 2018 Programmazione tv e azzurri

A PyeongChang, in Corea del Sud, dal 9 al 25 febbraio vanno in scena le Olimpiadi Invernali 2018, che sono la XXIII edizione dei Giochi su neve e ghiaccio. Uno spettacolo unico tra discese e voli con gli sci, pattinaggio di velocità e di figura, snowboard e freestyle per un totale di 15 diversi sport.

Purtroppo il fuso orario è molto penalizzante per noi italiani, infatti PyeongChang è avanti di 8 ore rispetto a noi, questo significa che le gare si svolgeranno in una fascia oraria compresa tra l’1:30 e le 15 italiane, in particolare alcuni degli atleti azzurri più attesi, come quelli del pattinaggio artistico e dello sci alpino, gareggeranno quando da noi sarà piena notte, quindi due sono le alternative: puntare la sveglia e alzarsi nel cuore della notte o quantomeno all’alba oppure accontentarsi delle repliche. Di certo l’offerta televisiva e in streaming non manca e la vediamo subito.

Olimpiadi Invernali 2018: programmazione RaiSport

Grazie a un accorto con Discovery Communications, RaiSport potrà offrire una soddisfacente copertura delle Olimpiadi di PyeongChang 2018. In pratica il servizio pubblico avrà il diritto di trasmettere tutte le gare che assegneranno medaglie e certamente lo farà soprattutto per quelle in cui ci sono azzurri in lizza per il podio. Il totale di ore di diretta sarà di circa 100 su Raidue e RaiSport+HD.

L’avventura comincia venerdì 9 febbraio alle ore 11:45 con la cerimonia di apertura che sarà trasmessa su Raidue in diretta e poi in replica alle 20:10 su RaiSport 1 e 2 (canale 57 e 58 del digitale terrestre). Da sabato 10 febbraio, giorno in cui si comincia a fare sul serio perché saranno assegnate le prime medaglie, su Raidue troveremo gli appuntamenti con le Olimpiadi alle 8:15 del mattino per circa un’ora e alle 18:45 con il Magazine Olimpico, poi durante la notte, dall’1:45 circa in poi ci saranno le dirette. RaiSport 1, invece, le dirette saranno dalle ore 10:55 per quattro ore. Gli orari non sono fissi e molto probabilmente saranno soggetti a cambiamenti anche in corso d’opera, ma, in linea di massima, questi sono gli orari in cui conviene sintonizzarsi sui canali Rai durante le Olimpiadi:

Raidue: la notte, dall’1:30 circa fino alle 9 del mattino, ci saranno le dirette delle gare; alle 18:50 circa il Magazine Olimpico;
RaiSport 1 e 2: la mattina dalle ore 10 circa fino alle 15 circa le dirette della seconda parte della giornata.

Olimpiadi Invernali 2018: programmazione Eurosport

Eurosport Olimpiadi 2018

Discovery Communications, proprietario di Eurosport, detiene i diritti di tutte le Olimpiadi di PyeongChang 2018 e, pur avendone ceduti una parte in sublicenza a RaiSport, di fatto coprirà tutte le gare e alcune in esclusiva.

In particolare le esclusive sono le gare di curling, hockey su ghiaccio, combinata nordica e skeleton. Tuttavia, se nelle semifinali e finali di queste discipline ci saranno azzurri in gara, anche RaiSport avrà il diritto di trasmetterle.

Queste saranno le prime Olimpiadi fully digital con ben 900 ore di live action. Eurosport l’ha definita l’Olimpiade più immersa di sempre con oltre 4mila ore di copertura. Con Eurosport Player, a cui ci si può abbonare separatamente, ogni utente potrà crearsi il proprio palinsesto, scegliere quale gara seguire e inoltre c’è un canale dedicato interamente agli atleti italiani con collegamenti da Casa Italia.

Nel suo team di commentatori Eurosport annovera campioni come Daniela Varettoni, Elena Curtoni, Kevin Kok, Jennifer Isacco, Carola Saletta, Fabio Valbusa, Marco Albarello, Angelo Dolfini e tra i volti di punta ci saranno anche Karen Putzer, Gabriella Paruzzi, Giorgio Rocca ed Elisa Di Francisca, quest’ultima non è un’atleta di sport invernali, ma è stata campionessa olimpica di fioretto nel 2012 ed è vice-campionessa olimpica in carica.

Ovviamente anche Eurosport trasmetterà in diretta la cerimonia di apertura il 9 febbraio dalle ore 11:30 su Eurosport 1, poi gli appuntamenti fissi durante tutti i Giochi saranno:
– alle 8 del mattino K-Breakfast con Ettore Miraglia;
– alle 15:30 K-Night (perché in Corea sarà notte) con Alessandro Acton;
– alle 18 Podio con Giorgio Rocca;
– alle 23 Notte Bianca con Elisa Di Francisca e Alessandro Acton.

Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018 in streaming

Tutto quello che si può vedere in tv, si può guardare anche in streaming e in più, come abbiamo anticipato, online è anche possibile personalizzare il proprio palinsesto e guardare anche ciò che in tv non viene trasmesso. Questo grazie a Eurosport Player, al quale, però, bisogna essere abbonati. In chiaro si può comunque guardare lo streaming su RaiSport e RaiPlay, che faranno vedere live tutto quello che viene trasmesso su Raidue e RaiSport+HD.

TIM è invece l’Official Mobile Broadcaster dei Giochi Olimpici grazie a una partnership con EuroSport e lancerà un canale di news e approfondimenti sull’evento, mentre TIMVISION consentirà ai clienti di guardare tutta la maratona olimpica in tv.

Gli azzurri in gara alle Olimpiadi di PyeongChang 2018

Azzurri Quirinale
Foto © Quirinale

L’Italia è presente in 14 discipline sulle 15 totali delle Olimpiadi. In pratica gli azzurri mancheranno solo nell’hockey, per il resto c’è almeno uno di loro per ogni sport. In totale sono 121 i nostri connazionali impegnati in Corea del Sud ed è un record, perché sono Torino 2006, Olimpiade casalinga per la quale erano qualificati di diritto, ce ne sono stati di più. Quindi questa è la prima volta che gli azzurri ottengono così tante qualificazioni ai Giochi Invernali. Il Presidente del Coni Giovanni Malagò è molto ottimista, punta almeno alla doppia cifra per quanto riguarda il numero di medaglie, e sostiene che l’Italia su ghiaccio e neve non sia mai stata così forte, tanto da azzardare un paragone con Lillehammer 1994, dove gli azzurri ottennero il numero record di 20 medaglie, di cui 7 d’oro.

La portabandiera azzurra è Arianna Fontana, campionessa di short track che, nonostante abbia solo 27 anni, ha già conquistato cinque medaglie olimpiche nelle tre precedenti edizioni dei Giochi Invernali. Casa Italia si trova al Yongpyong Golf Club e da lì passeranno tutti i 121 azzurri impegnati nelle gare più due riserve. Ma chi sono? Vediamoli tutti divisi per disciplina e poi scopriamo quali hanno più possibilità di portare a casa una medaglia:

Biathlon: Thomas Bormolini, Thierry Chenal, Lukas Hofer, Giuseppe Montello, Dominik Windisch; Nicole Gontier, Alexia Runggaldier, Federica Sanfilippo, Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer.

Bob: Simone Bertazzo, Lorenzo Bilotti, Francesco Costa, Simone Fontana, Mattia Variola.

Combinata nordica: Raffaele Buzzi, Aaron Kostner, Alessandro Pittin, Lukas Runggaldier.

Curling: nazionale maschile con Daniele Ferrazza, Simone Gonin, Amos Mosaner, Andrea Pilzer, Joel Retornaz.

Pattinaggio di Figura: Carolina Kostner, Giada Russo, Matteo Rizzo (gare individuali); Ondrej Hotarek e Valentina Marchei, Matteo Guarise e Nicole Della Monica (coppie di artistico); Anna Cappellini e Luca Lanotte, Charlène Guignard e Marco Fabbri (Ice Dance).

Pattinaggio di velocità: Riccardo Bugari, Davide Ghiotto, Andrea Giovannini, Michele Malfatti, Mirko Nenzi, Nicola Tumolero; Francesca Bettrone, Yvonne Daldossi, Francesca Lollobrigida.

Short Track: Yuri Confortola, Tommaso Dotti; Arianna Fontana, Cecilia Maffei, Cynthia Mascitto, Lucia Peretti, Martina Valcepina.

Sci freestyle: Siegmar Klotz, Stefan Thanei; Lucrezia Fantelli, Debora Pixner.

Salto con sci: Davide Bresadola, Federico Cecon, Sebastian Colloredo, Alex Insam; Evelyn Insam, Lara Malsiner, Manuela Malsiner, Elena Runggaldier.

Sci alpino: Emanuele Buzzi, Luca De Aliprandini, Florian Eisath, Peter Fill, Stefano Gross, Christof Innerhofer, Matteo Marsaglia, Manfred Moelgg, Dominik Paris, Riccardo Tonetti, Alex Vinatzer; Marta Bassino, Federica Brignone, Chiara Costazza, Irene Curtoni, Nicol Delago, Nadia Fanchini, Sofia Goggia, Manuela Moelgg, Johanna Schnarf.

Sci di fondo: Mirco Bertolina, Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli, Sergio Rigoni, Giandomenico Salvadori, Stefan Zelger; Elisa Brocard, Anna Comarella, Ilaria Debertolis, Greta Laurent, Sara Pellegrini, Lucia Scardoni, Gaia Vuerich.

Slittino: Dominik Fischnaller, Kevin Fischnaller, Emanuel Rider, Fabian Malleier, Ivan Nagler, Patrick Rastner, Ludwig Rieder; Sandra Robatscher, Andrea Voetter.

Snowboard: Edwin Coratti, Mirko Felicetti, Roland Fischnaller, Michele Godino, Alberto Maffei, Aaron March, Emanuel Perathoner, Lorenzo Sommariva, Omar Visintin; Sofia Belingheri, Raffaella Brutto, Francesca Gallina, Michela Moioli, Nadya Ochner.

Skeleton: Joseph Luke Cecchini.

Arianna Fontana
Arianna Fontana portabandiera (Instagram Giovanni Malagò)

SPERANZE DI MEDAGLIA – Per capire chi può aspirare al podio olimpico solitamente ci si basa sui risultati delle ultime competizioni internazionali, in particolare Coppa del Mondo, Mondiali ed Europei, tuttavia occorre sempre sottolineare che le gare olimpiche sono gare a sé stanti e sempre ricche di sorprese e ci sono alcuni atleti che danno il meglio quando vedono i cinque cerchi, riuscendo a beffare ogni pronostico.

In linea di massima gli azzurri più forti nel corso delle ultime stagioni nei rispettivi sport sono stati: Carolina Kostner nel pattinaggio di figura, Arianna Fontana, Martina Valcepina e la staffetta femminile nello short track, Francesca Lollobrigida, Andrea Giovannini e Nicola Tumulero nel pattinaggio di velocità, Federico Pellegrino, da solo e in staffetta con Dietmar Noeckler, nello sci di fondo, Dorothea Wierer, Alexia Runggaldier e la staffetta del biathlon, Michela Moioli, Edwin Coratti e Omar Visintin nello snowboard, senza dimenticare l’eterno Roland Fischnaller, i cugini Dominik e Kevin Fischnaller nello slittino. Il capitolo più interessante è quello dello sci alpino, con gli azzurri che sono fortissimi in tutte le specialità, da tenere particolarmente d’occhio Sofia Goggia, Federica Brignone, Peter Fill, Dominik Paris, ma attenzione anche a Christof Innerhofer (due volte sul podio a Sochi 2014), Manuela Moelgg, Marta Bassino, Irene Cartoni, Nadia Fanchini e Johanna Schnarf, tutti spesso presenti sui podi di Coppa del Mondo.

Qui il calendario di tutte le finali delle Olimpiadi di PyeongChang 2018

Le “star” delle Olimpiadi di PyeongChang 2018

Goggia e Vonn
Sofia Goggia con Lindsey Vonn (Instagram Vonn)

Oltre agli azzurri, le Olimpiadi di PyeongChang saranno piene di star per le varie discipline. Tra gli atleti più attesi possiamo citare: le fenomenali sciatrici americane Lindsey Vonn (che è anche un personaggio dello star system) e Mikaela Shiffrin, lo sciatore austriaco Marcel Hirscher, che sta scrivendo la storia dello sci alpino, i suoi colleghi norvegesi Aksel Lund Svindal ed Henrik Kristoffersen, poi un altro americano, Shaun White, il “pomodoro volante”, una leggenda dello snowboard, la sua connazionale Chloe Kim, un vero e proprio prodigio, e poi ancora il francese Martin Fourcade nel biathlon, la bobbista canadese Kaillie Humphries, i fondisti norvegesi Martin Johnsrud Sundby, Johannes Hoesflot Klaebo, Heidi Weng e Ingvild Flugstad Oestber e lo svizzero Dario Cologna.

Tante le stelle anche nel pattinaggio di figura, dai canadesi Tessa Virtue e Scott Moir ai francesi Gabriella Papadakis e Guillaume Cizeron nell’Ice Dance, la russa Evgenia Medvedeva, l’eterna lotta a colpi di record del mondo tra lo spagnolo Javier Fernandez e il giapponese Yuzuru Hanyu tra i quali si inserisce l’americano Nathan Chen.

Le Olimpiadi Invernali e il cinema

Se dopo le Olimpiadi dovesse restarvi un po’ di nostalgia e aveste voglia di guardare un film a tema, ve ne suggeriamo due: uno è uscito nel 2016, l’altro arriverà nelle sale cinematografiche italiane il 22 marzo 2018.

Il primo è Eddie the Eagle – Il coraggio della follia, che raconta la storia di Eddie Edwards, un atleta britannico che ha realizzato il sogno di partecipare a un’Olimpiade, quella di Calgary 1988, rappresentando il Regno Unito nel salto con gli sci, disciplina snobbata dai britannici. Arrivò ultimo, ma diventò il beniamino del pubblico. Taron Egerton è il protagonista, Hugh Jackman interpreta il suo allenatore Bronson Peary.

Il film in uscita a marzo è I, Tonya, che vanta tre candidature agli Oscar 2018 tra cui quella per la miglior attrice protagonista con Margot Robbie nei panni di Tonya Harding, la pattinatrice americana il cui marito ferì la sua rivale Nancy Kerrigan.

Olimpiadi Invernali 2018: infografica

Olimpiadi-2018

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*