Omaggio a un giornalista americano ucciso dai russi in Ucraina

In un tweet, la polizia della regione di Kiev ha identificato il morto come Reno, che aveva 50 anni. La polizia ha rilasciato una foto del suo corpo e del suo passaporto statunitense come prova, oltre a una foto di un vecchio badge della stampa del New York Times con il nome di Reno.

In un post su Facebook, il capo della polizia della regione di Kiev, Andrei Nepetov, ha affermato che le forze russe hanno sparato alla Renault, aggiungendo che “gli occupanti stanno cinicamente uccidendo anche i giornalisti dei media internazionali, che cercavano di dire la verità sulla atrocità commesse dall’esercito russo in Ucraina”.

“Naturalmente il giornalismo comporta dei rischi, ma il cittadino statunitense Brent Reno ha pagato con la vita per aver cercato di evidenziare quanto sia disonesto, crudele e spietato l’aggressore”, ha aggiunto Nebitov.

Neptov ha detto che altri due giornalisti sono rimasti feriti, aggiungendo che “i feriti sono già stati soccorsi e portati in un ospedale della capitale. Le loro condizioni sono ancora sconosciute al momento”.

Si ritiene che uno dei giornalisti feriti sia il fotografo colombiano-americano Juan Arredondo, che ora è in ospedale, secondo un videoclip sui social media e rapporti dei media internazionali.

Il filmato è emerso sui social media del giornalista Juan Arredondo all’ospedale Akhmetdet di Kiev, descrivendolo colpito da colpi di arma da fuoco dalle forze russe mentre attraversava un posto di blocco a Irbin mentre si recava a fotografare i rifugiati che lasciavano la città.

“Eravamo in due, il mio amico Brent Reno. Gli hanno sparato e lasciato indietro”, ha detto Arredondo nel video, aggiungendo che Reno è stato colpito al collo. “Ci siamo lasciati e ne sono stato attratto [points to stretcher] …un’ambulanza, non lo so. ”

READ  Il crescente isolamento dell'aviazione russa mentre gli aerei rimangono al loro posto

Arredondo, un regista e giornalista visivo che è anche assistente professore alla Columbia School of Journalism, sabato ha pubblicato foto da Zhytomyr, in Ucraina, indicando in un post su Instagram che era “#importante”.

“Non abbiamo alcuna informazione indipendente sulle sue ferite in questo momento, ma stiamo lavorando ora per saperne di più e vedere se possiamo aiutare”, ha detto alla CNN il preside della Columbia College Press, Steve Cole.

Arredondo è l’Harvard Nieman Fellow del 2019. In precedenza è apparso nelle sue fotografie su The New York Times, National Geographic, The Wall Street Journal, Newsweek, ESPN, Vanity Fair e altri media, secondo la sua biografia sul suo sito web.

Il consigliere del ministro dell’Interno ucraino Anton Gerashchenko ha dichiarato in una dichiarazione su Telegram che la Renault “ha pagato con la vita per aver cercato di esporre il tradimento, la brutalità e la brutalità dell’aggressore”.

La CNN non è stata in grado di verificare per quali organi di stampa lavorassero i giornalisti statunitensi in Ucraina. La polizia non ha nominato il giornalista ferito.

Un saluto a Raynaud

New York Times Egli ha detto In una dichiarazione rilasciata domenica, “Siamo profondamente rattristati nell’apprendere della morte di Brent Reno. Brent è stato un regista di talento che ha contribuito negli anni al New York Times. Sebbene abbia contribuito al Times in passato (l’ultimo in 2015), non era in missione in nessun ufficio del Times in Ucraina. I primi rapporti circolavano secondo cui lavorava per il Times perché indossava il badge per la stampa del Times rilasciato per l’incarico molti anni fa”.

Il governo regionale di Kiev ha dichiarato venerdì che la città di Irbin, nel nord dell’Ucraina, situata appena fuori Kiev, è stata teatro di importanti bombardamenti russi negli ultimi giorni e ha subito una devastazione diffusa.

Brent Reno, a destra, e suo fratello Craig vengono fotografati nell'area di osservazione dell'HBO Building a New York City il 19 settembre 2007.
Reno era un regista di documentari, produttore e giornalista vincitore del Peabody Award che ha vissuto e lavorato a New York City e Little Rock, in Arkansas, secondo la sua biografia su Sito dei fratelli Renault.

Secondo la sua biografia online, Raynaud e suo fratello Craig hanno trascorso anni “raccontando storie umane vere da punti critici globali”, inclusi progetti in Iraq, Afghanistan, Haiti, Egitto e Libia.

READ  L'Occidente dovrebbe ridurre la sua dipendenza dalla Russia per l'energia

Il direttore della Nieman Press Foundation dell’Università di Harvard ha dichiarato domenica che la fondazione è “triste” per la morte del giornalista, che era l’Harvard Nieman Fellow del 2019.

Lo ha detto in una lettera la segretaria della Fondazione Anne-Marie Lipinski twittare.

Domenica, il Comitato per la protezione dei giornalisti ha condannato l’omicidio e ha chiesto che gli assassini fossero assicurati alla giustizia.

L’organizzazione con sede a New York ha affermato in a affermazioneIl giornalista americano Brent Reno è stato ucciso a colpi di arma da fuoco e un altro giornalista è stato ferito domenica nella città di Irbin, fuori Kiev, secondo un funzionario di polizia ucraino e notizie.
Inserito su Renaud Brothers su Facebook paginadatato 8 marzo, esorta i lettori a continuare la copertura della guerra in Ucraina.

Christoph Putzel, amico e collega della Renault, ha detto alla Galileus Web che la sua morte è stata una perdita “devastante”.

“Mi sono svegliato questa mattina con la notizia che Brent, un migliore amico di lunga data, un collega meraviglioso e il miglior giornalista di guerra che penso sia mai esistito, ha appena scoperto la sua morte”, ha detto Putzel domenica a Brian Stelter di Reliable Sources della CNN.

Ha aggiunto: “Brent aveva questa capacità di andare ovunque, ottenere qualsiasi storia, ascoltare e comunicare ciò che stava accadendo a persone che altrimenti non lo vedrebbero. Ed è una perdita devastante per il giornalismo di oggi”.

Putzel ha detto che Reno stava lavorando a un documentario sui rifugiati in tutto il mondo quando è scoppiata la crisi in Ucraina. “Brent era sull’aereo il giorno successivo”, ha detto, coprendo la difficile situazione dei rifugiati da Kiev alla Polonia.

READ  Biden annuncia il divieto alle importazioni di energia russe

Diversi anni fa, la coppia ha vinto un DuPont Award per una storia su cui hanno lavorato sul contrabbando di armi in Messico dagli Stati Uniti.

“Quello che ho detto quando abbiamo accettato il nostro premio è stato: ‘L’unica cosa più grande delle palle di Brent è il suo cuore. E lo sostengo. È una specie di giornalista’”, ha detto Putzel.

Ha aggiunto che la Renault ha la capacità unica di far sì che le persone si fidino di lui mentre racconta le loro storie in luoghi come l’Iraq e altre zone di guerra.

“Puoi sederti e passare una settimana a guardare tutte le storie di Brent nel corso degli anni di seguito e rimarrai stupito. La sua professione, la sua capacità di raggiungere le persone, la sua capacità di ritrarre l’umanità dietro la sofferenza delle persone è qualcosa che ho mai visto prima, e sono stato onorato di lavorare con lui per tutto il tempo che ho”.

Clarissa Ward riferisce da Kiev, Mick Krever dalla Polonia, Brian Stelter da New York e Lauren Kent scrive a Londra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply