Philip K. Dick’s Electric Dreams, su Amazon arriva l’antologia del futuro prodotta da Bryan Cranston

Philip K. Dick's Electric Dreams
CROWDFUNDING ALTROSPETTACOLO
Se vuoi aiutare la nostra realtà a crescere e vuoi fare una donazione CLICCA QUI

Tanti nomi televisivi e cinematografici raccolti in una nuova antologia televisiva questa volta dedicata al mondo del futuro immaginato da Philip K. Dick. Electric Dreams prodotto da Bryan Cranston, che si è ritagliato un ruolo come protagonista dell’episodio Human Is, insieme a Ronald D. Moore sceneggiatore di Real Life, è una raccolta di piccoli film, di episodi ciascuno con i propri protagonisti, il proprio regista, il proprio sceneggiatore. Un modello antologico episodico riportato in voga da Black Mirror con cui Electric Dreams condivide la ormai parziale origine inglese.

Richard Madden, Steve Buscemi, Cranston, Geraldine Chaplin, Vera Famiga, Anna Paquin sono solo alcuni dei nomi dei protagonisti dei diversi episodi e che solo grazie ad un formato antologico come questo si sarebbero potuti vedere all’interno della stessa serie tv. Come tutte le produzioni antologiche è praticamente impossibile valutare nel suo insieme Philip K. Dick’s Electric Dreams di cui si può amare un episodio ma al tempo stesso detestarne un altro. Ad unire i diversi episodi c’è la componente umana che prevale sulla macchina: anche nel futuro disegnato da Electric Dreams sono le scelte dell’uomo a guidare la macchina. L’elemento umano prevale nei diversi episodi.

Punto di forza: è sicuramente il cast e il formato che permette di prendere i singoli episodi come e quando si preferisce, invertendo l’ordine, vedendoli anche a distanza di tempo l’uno dall’altro

Punto di debolezza: il formato che non permette di affezionarsi ai personaggi e alle storie, una scarsa incisività tematica che trasforma i singoli episodi in affreschi di un futuro possibile senza trovare spunti interessanti

Philip K. Dick’s Electric Dreams: come vederla in Italia?

La serie antologica Philip K. Dick’s Electric Dreams è una co-produzione anglo-americana di Channel 4 e Sony. I primi 6 episodi sono andati in onda nel Regno Unito dal 17 settembre. L’intera stagione composta da 10 episodi sarà rilasciata il 12 gennaio su Amazon Prime Video in Italia e nel resto dei paesi in cui il servizio è presente.

Philip K. Dick’s Electric Dreams: i 10 episodi in dettaglio

I 3 episodi migliori di Philip K. Dick’s Electric Dreams: Kill All Others per la sua capacità di raccontare un futuro alienante, distopico e terrificante; The Commuter per la sua sensibilità e la forza di un protagonista normale; Safe and Sound per la descrizione di un mondo in cui il condizionamento della massa è più forte di ogni legame umano.

I 3 episodi peggiori di Philip K. Dick’s Electric Dreams: Father Thing perchè ricorda le atmosfere degli episodi di Piccoli Brividi; Human Is perchè prevedibile e con una storia d’amore da libro rosa; Impossible Planet perchè spreca delle buone premesse.

The Hood MakerImpossibile PlanetThe CommuterCrazy DiamondReal LifeHuman IsKill All OthersAutofacSafe and SoundFather Thing
Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “The Hoodmaker”

Tratto dal racconto: The Hood Maker – Il Fabbricante di cappucci
Sceneggiatura di: Matthew Graham
Diretto da: Julian Jarrold
Cast principale: Richard Madden, Holliday Grainger, Paul Ritter, Noma Dumezweni
Trama: in un regime autoritario, alcuni umani che hanno sviluppato capacità telepatiche vengono rinchiusi in una sorta di ghetto. Un poliziotto e una telepatica indagheranno su un misterioso fabbricante di un cappuccio in grado di bloccare i poteri.

Discriminazione del “diverso” e differenze sociali sono al centro di un episodio costruito con la formula del poliziesco ma che finisce per risultare incompiuto e incapace di sfruttare l’elemento “soprannaturale”.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Impossible Planet”

Tratto dal racconto: The Impossible Planet – Il pianeta impossibile
Sceneggiatura di: David Farr
Regia di: David Farr
Cast principale: Jack Reynor, Geraldine Chaplin
Trama: due guide spaziali decidono di accompagnare il viaggio impossibile verso la Terra di un’anziana signora ma il pianeta potrebbe non esistere più.

Nuovi mondi ma vecchie abitudini, tra truffe e lavoratori annoiati. Il viaggio interstellare regala elementi adatti agli inguaribili romantici.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “The Commuter”

Tratto dal racconto: The Commuter/ Il Pendolare
Sceneggiatura di: Jack Thorne
Regia di: Tom Harper
Cast principale: Timothy Spall, Anthony Boyle
Trama: Ed Jacobson (Timothy Spall) lavora in una stazione dei treni, ha un figlio con problemi psicotici. Un giorno incontra una donna in cerca di un biglietto per l’inesistente Macon Heights. La voglia di scoprire il mistero dietro questa cittadina lo porterà a cambiare la sua vita e a perdere il figlio.

Probabilmente l’episodio migliore di tutta la raccolta è curiosamente quello più vicino al presente, pur avendo un risvolto soprannaturale. Cosa vuol dire sognare una vita migliore? cosa sei disposto a perdere per cambiare la tua vita? The Commuter colpisce per la sensibilità del protagonista e per il fascino di un luogo onirico in cui i sogni diventano realtà.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Crazy Diamond”

Tratto dal racconto: Sales Pitch – Vendete e moltiplicatevi
Sceneggiatura di: Tony Grisoni
Regia di: Marc Munden
Cast principale: Steve Buscemi, Michael Socha, Julia Davis
Trama: Ed Morris (Steve Buscemi) lavora in una fabbrica che costruisce umanoidi chiamati Jacks e Jill e dotati di una forma di coscienza sintetica. Una Jill in fin di vita lo convincerà a rubare alcune coscienze per regalarle a lei una nuova vita e a lui i soldi per ricominciare.

L’umanità di un umanoide che sfrutta quella di chi li costruisce in un gioco di rimandi continui tra uomo e androide e mette alla prova l’etica del lavoro di ciascuno di noi.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Real Life”

Tratto dal racconto: Exhibit Piece – Un pezzo da museo
Sceneggiatura di: Ronald D. Moore
Regia di: Jeffrey Reiner
Cast principale: Anna Paquin, Terrence Howard, Rachelle Lefevre
Trama: Sarah (Anna Paquin) è una poliziotta nel futuro che condivide la coscienza con un programmatore del passato (Terrence Howard) formando un legame unico e indissolubile.

Realtà e fantasia si fondo in questo episodio che confonde le idee dello spettatore tra realtà virtuale e reale.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Human Is”

Tratto dal racconto: Human is – Umano è
Regia di Francesca Gregorini
Sceneggiatura di: Jessica Mecklenburg
Cast principale: Bryan Cranston, Essie Davis
Trama: la Terra del futuro ha bisogno di una sostanza che si trova su un altro pianeta per ripulire l’aria. A guidare la missione è il colonnello Silas Herrick (Cranston) che è in crisi con la moglie (Essie Davis). La missione si complica e due coscienze rexoriane sembrano aver colonizzato il corpo dei due superstiti tra cui Silas. Ma al suo ritorno Silas è un marito affettuoso e la moglie lo difende dalle accuse.

Human is è una storia d’amore ambientata nel futuro che riduce la definizione di Umano alla capacità di dimostrare amore ed empatia. La forza di un futuro in cui gli umani devono lottare per sopravvivere e le donne hanno ruoli di potere, viene stemperato da un sentimentalismo e valori d’altri tempi.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Kill All Others”

Tratto dal racconto: The Hanging Stranger – L’impiccato
Sceneggiatura di: Dee Rees
Regia di: Dee Rees
Cast principale: Vera Famiga, Mel Rodriguez
Trama: una dittatura monopartitica guida attraverso i media e i social media la mega-nazione che unisce Canada-Stati Uniti e Messico e se provi a distogliere lo sguardo dalla massa finisci per essere considerato un rivoluzionario da eliminare.

Ottimo episodio che dipinge un mondo terrificante in cui è impossibile pensare con la propria testa.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Autofac”

Tratto dal racconto: Autofac – Autofac
Sceneggiatura di: Travis Beacham
Regia di Peter Horton
Cast principale: Juno Temple, Janelle Moae
Trama: il mondo è praticamente distrutto ma una fabbrica continua ad operare considerando gli umani come i consumatori perfetti, sfruttando però le ormai limitate risorse. Un gruppo di ribelli prova a distruggerla

Siamo uomini o consumatori? Viviamo per consumare o consumiamo per vivere? domande esistenziali per un episodio che nasconde una svolta finale forse prevedibile ma ben realizzata.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Safe and Sound”

Tratto dal racconto:  Foster, You’re Dead! – Foster, sei tu
Sceneggiatura di: Kalen Egan e Travis Sentell
Regia di Alan Taylor
Cast principale: Annalise Basso, Maura Tierney
Trama: una ragazza arriva in una grande città insieme alla madre, qui si scontra per la prima volta con ritrovati moderni e invasivi che la madre prova a combattere. L’ansia di accettazione e le difficoltà di adattamento la condurranno sull’orlo della follia.

Adattarsi ad una nuova realtà è sempre complicato, ancora di più se tua madre ti impedisce di essere come gli altri. Un buon episodio costruito su tematiche come accettazione, diversità, esclusione sociale sviluppate in parallelo ad una società che tende ad uniformare e controllare la vita delle persone, a partire dai più giovani.

Philip K. Dick’s Electric Dreams Episode “Father Thing”

Tratto dal racconto: The Father Thing –  La cosa- padre
Sceneggiatura di: Michael Dinner
Regia di Michael Dinner
Cast principale: Greg Kinnear, Mireille Enos
Trama: il mondo è sotto attacco alieno e solo un ragazzino si rende conto che gli alieni stanno sostituendo gli umani a partire dal proprio padre.

Un episodio da Piccoli Brividi. Dimenticabile.

Philip K. Dick’s Electric Dreams: curiosità

Il progetto della serie tv antologica di Philip K. Dick’s Electric Dreams nasce come co-produzione tra AMC e Channel 4, realizzata con Sony Pictures Television. Successivamente però AMC si è tirata indietro, a quel punto è subentrata Amazon che ne ha acquistato i diritti per la trasmissione negli USA e nel resto del mondo dove è presente. Il progetto antologico è costruito su sceneggiatori inglesi e americani chiamati ciascuno a sviluppare la propria idea di racconto.

Isa Dick Hackett, erede di casa Dick e produttrice della serie e di The Man in The High Castle ha accusato l’allora capo di Amazon Studios Roy Price di molestie sessuali. La donna ha rivelato in un’intervista rilasciata a The Hollywood Reporter che due anni prima nel corso di una cena Price le ha rivolto pesanti e non volute proposte sessuali. A seguito delle sue dichiarazioni Price è stato prima sospeso e poi destituito dal suo incarico.

La raccolta con i racconti di Dick di Electric Dreams è da poco uscita in libreria in Italia. Ciascun racconto è accompagnato da un saggio dello sceneggiatore che ha realizzato l’episodio televisivo.

Philip K. Dick oltre Electric Dreams

I racconti di Philip K. Dick trasportati in versione antologica in questa produzione Sony, sono solo l’ultimo dei tanti lavori dello scrittore che hanno avuto una seconda vita televisiva o cinematografica. Il più famoso è indubbiamente Blade Runner che nel 1982 ha aperto le porte del cinema al mondo di Dick. A seguire si ricordano film come Atto di Forza, Minority Report (che ha avuto anche una breve versione televisiva), A scanner Darkly fino ad arrivare a The Man in The High Castle serie tv di Amazon Prime arrivata alla terza stagione di prossima uscita.

About Riccardo Cristilli 192 Articles
Costantemente perso nel Sottosopra, su un'isola, in un universo parallelo in attesa di ricevere l'invito a corte, finendo però in una famiglia moderna. Anni '50, '60, oggi, nel futuro, nel medioevo, nello spazio o in un mondo fantastico. Follia? Probabile, un destino ineluttabile per star dietro a oltre 500 serie tv!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*